Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

A LOS ANGELES LA FINALE DEL "WORLD BASEBALL CLASSIC"

Sarà il "Dodger Stadium" di Los Angeles ad ospitare le semifinali (21 marzo) e finali (23 marzo 2009) del secondo World Baseball Classic. Lo ha annunciato giovedì la Major League Baseball nel corso di una conferenza stampa svoltasi nella megalopoli californiana.
Nel corso della stessa conferenza stampa è stato anche annunciato che saranno "Petco Park" di San Diego e "Dolphin Stadium" di Miami ad ospitare (dal 14 al 19 marzo 2009) i gironi della seconda fase.

Il Presidente MLB Bob DuPuy ha così spiegato la scelta: "Los Angeles è una delle città più internazionali del Il Presidente MLB Bob DuPuymondo e i Dodgers sono sempre stati in prima fila per lo sviluppo del baseball come sport globale".
Ha aggiunto il proprietario dei Dodgers Frank Mc Court: "Voglio solo sottolineare umilmente quale onore sia per noi ospitare la finale di un evento del genere. Considerata la storia dei Dodgers, è appropriato che i cancelli del nostro stadio si aprono ai fan di tutto il mondo".

Parlando della seconda fase, se San Diego era stata addirittura sede della finale del primo Classic, Miami è una novità assoluta.
"Siamo orgogliosi di ospitare un evento del genere" ha detto Claude Delorme, Vice Presidente dei Marlins con delega allo stadio "Vogliamo diventare una sede permanente del Classic, da quando avremo uno stadio nuovo a Miami".

I gironi di qualificazione si svolgeranno dal 5 marzo a Tokyo (Giappone, al via i padroni di casa, la Corea, la Cina e Taiwan); dall'8 al 12 marzo 2009 a Città del Messico (Australia, Cuba, Messico e Sud Africa), Portorico (Repubblica Dominicana, Olanda, Panama e Portorico) e Toronto (Canada, al via coi padroni di casa l'Italia, il Venezuela e gli Stati Uniti)