Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

UNA BUONA ITALIA CEDE A CUBA NELL'ULTIMA GARA DI QUALIFICAZIONE

Da Edmonton Riccardo Schiroli

Mirko Caradonna ha confezionato 2 doppi giochi contro CubaL'Italia chiude la fase eliminatoria con una sconfitta per 4-0 contro Cuba che arriva al termine della partita meglio giocata dagli azzurrini in questo 23esimo Mondiale Juniores di baseball. I lanciatori si sono ancora una volta rivelati all'altezza della situazione e, nonostante qualche sbandamento (3 gli errori), la prova della difesa italiana può essere ritenuta convincente. Gli azzurrini hanno infatti completato ben 3 doppi giochi.
L'attacco è stato però dominato dai pitcher avversari Blanco ed Hernandez e l'unica vera occasione per segnare è arrivata all'ottavo con i cubani già in vantaggio per 4-0.

Il partente azzurro Grillo ha rischiato di pagare alla prima ripresa lo scarso feeling del prima base di Giannetti con l'arbitro americano Carilli (che per ben 2 volte ha decretato il 'salvo' perchè lo ha visto staccato dal cuscino), ma alla fine è uscito senza subire punti grazie al doppio gioco confezionato dal seconda base Castagnini e dall'interbase Caradonna. Al terzo però la 'seleccion' ha sbloccato la situazione. Il lanciatore Blanco ha battuto valido ed è stato portato in seconda dal sacrificio dell'esterno destro Zaldivar. Dopo i 4 ball al seconda base Diaz, Puig ha battuto un singolo. Sulla succesiva volata del prima base Camero, Sellaroli all'esterno centro non ha valutato bene la battuta e ne è scaturito un singolo che ha sbloccato il risultato. Grillo ha poi colpito il terza base Diaz per il 2-0. La battuta in diamante dell'esterno sinistro Tomas è valsa il terzo punto cubano.
I problemi di controllo di Grillo sono proseguiti al quarto inning. Aveva aperto con un doppio il catcher Trujillo, ma il tentativo di farlo avanzare con un 'bunt' del pitcher Blanco non era andato a buon fine e Trujillo era stato il primo out in terza. Grillo ha però passato in base sia Zaldivar che Diaz e la sua partita (6 valide e 3 basi in 3.1 riprese) è finita qui. Al suo posto è entrato Elia Pasquali, che ha subito colpito l'esterno centro Puig e forzato di conseguenza a casa il quarto punto, ma è poi riuscito a dare il via al secondo doppio gioco azzurro sulla rimbalzante di Camero.

Pasquali ha confezionato una prova importante, mettendo in difficoltà i battitori cubani con la curva. L'unico momento di preoccupazione il pitcher giuliano lo ha passato al sesto quando (con Truillo in seconda, Zaldivar in prima e un out) una rimbalzante lenta di Diaz ha messo in difficoltà Caradonna. Sulla successiva battuta di Puig l'interbase azzurro si è invece mosso con ottimo tempismo verso il cuscino di seconda e ha confezionato da solo il doppio gioco che ha chiuso la ripresa.

Come detto, l'Italia ha avuto una sola occasione per segnare. All'ottavo (con un out) Giannetti ha toccato duro il Stefano Giannetti ha colpito un triplorilievo cubano Hernandez, ottenendo un triplo tra esterno centro ed esterno sinistro. Sulla successiva battuta corta di Fornasari Giannetti non ha rischiato la corsa a casa. Distratto forse dal corridore, Hernandez ha commesso un errore di tiro. Con i corridori agli angoli, la successiva rimbalzante di Sellaroli verso la seconda base ha però permesso a Diaz di dare inizio ad un doppio gioco che ha chiuso l'inning.
Escludendo il triplo di Giannetti, l'Italia ha ottenuto solo altre 2 valide. Contro il partente Blanco (7 strike out in 5 riprese) solo Reginato (singolo al centro) era riuscito a toccare salvo la prima e l'altra valida contro Hernandez l'ha ottenuta Castagnini al nono. Va comunque precisato che la difesa cubana ha giocato magistralmente dietro il suo lanciatore e che un paio di contatti di Tartaglia e Cozzolino avrebbero meritato miglior sorte. Non sarebbe probabilmente cambiato nulla, ma qualche valida in più sarebbe stata d'aiuto per il morale della squadra in vista dei prossimi impegni.

Il Mondiale dell'Italia prosegue con le partite dal nono al dodicesimo posto. Venerdì 1 agosto gli azzurrini se la vedono alle 10 (le 18 in Italia) con la Russia. In caso di vittoria andranno a sfidare per il nono posto sabato la vincente di Repubblica Ceca-Olanda.

 LA SCHEDA DELLA PARTITA                                                                  LE STATISTICHE DEGLI AZZURRI