Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Le potenti mazze della Repubblica Dominicana costringono alla resa l'Italia

LAKE BUENA VISTA – Non bastano cuore e grinta all’Italia per piegare la Repubblica Dominicana (8-3 il risultato finale) nella terza uscita al World Baseball Classic , nel chiassoso ed assolato diamante nel complesso sportivo di Disney ad Orlando, di fronte a 10.000 spettatori. Gli azzurri, che salvo un clamoroso risultato della gara tra Australia e Venezuela sono fuori dai giochi, sono scesi in campo determinati, mettendo in difficoltà una delle più forti nazionali di questo Mondiale, sicuramente quella dotata del line-up migliore. Ed i nostri lanciatori hanno provato cosa vuol dire trovarsi di fronte Albert Pujols (il numero uno dei battitori della National League nel 2005), “Big Papi” David Ortiz (peraltro tenuto a freno molto bene dai nostri), Adrian Beltre (autore del terzo homerun personale in due uscite), Moses Alou ed altri giocatori che nella nazionale caraibica sono comprimari ma con un immenso potenziale offensivo.
Per tre riprese la nazionale di Matt Galante ha sognato un clamoroso sbarco a Portorico poi tre palline oltre la recinzione hanno fatto tornare le cose come erano alla vigilia, nonostante Fiore, De Santis, Rollandini e Maestri abbiano fatto di tutto per mettere in difficoltà i terribili avversari.
Liverziani e compagni sono usciti dal campo tra gli applausi, meritati, di un pubblico che ha festeggiato una vittoria che si è materializzata dopo un inizio tutto in salita.
L’Italia andava infatti in vantaggio, con un punto confezionato da Giarratano
(doppio) e Catalanotto sul partente Odaliz Perez. Due errori del terza base Greg Saccomanno, che non tratteneva le bordate di Reyes e Pujols, costavano due punti al partente Fiore. L’Italia però rimetteva la testa avanti al 3° con una base a Giarratano ed i doppi di Menechino e Catalanotto, che valevano il 3-2. Al cambio di campo, però, Albert Pujols, miglior giocatore della National league nel 2005 (330 di media, con 41hr e 117pbc con i St. Louis Cardinals) ribaltava definitivamente la gara con un grande fuoricampo. E al 5° anche il talentuoso Riccardo De Santis doveva capitolare, dopo aver chiuso con uno strike out il terzo turno e non aver concesso niente al 4°. Dopo 10 out di fila, compreso il bel rilievo con l’Australia, il lanciatore grossetano subiva una valida da Pujols e Alou, mentre Beltre firmava il terzo fuoricampo di questo Mondiale, dopo i due rifilati al Venezuela. Sul 7-3 la gara poteva considerarsi virtualmente chiusa: Matt Galante e Giampiero Faraone decidevano di dare spazio a quei giocatori chiusi in questi giorni dai Major league, compreso Alessandro Maestri, costretto a subire l’ultimo punto della gara da Moses Alou. Come aveva fatto il primo rilievo Sosa, anche Torres e Rodney non permettevano ai nostri di andare in base, mentre Mike Gallo chiudeva senza altri problemi.
All’Italia non rimane adesso per sperare una quasi impossibile vittoria dell’Australia sul Venezuela per sperare di rimanere in corsa per il secondo turno. Anche se con la netta vittoria nella gara inaugurale il bilancio è positivo, considerando che Repubblica Dominicana e Venezuela hanno potuto constatare che l’Italia può esprimere una squadra dignitosa, in grado di fare ulteriori passi avanti, utilizzando anche i ragazzi che stanno sudando all’Accademia di Tirrenia, in vista dell’appuntamento del 2009.



REP. DOMINICANA-ITALIA 8-3
ITALIA: Giarratano 6 (1/2), Menechino 4 (1/4) (Dallospedale), Catalanotto 7 (2/3) (Liverziani 0/1), Piazza bd (0/4), Sinisi 8 (1/4), Pascucci 3 (0/3), Saccomanno 5 (0/4), Gregorio 2 (0/2) (Ramos Gizzi 0/1, Ceriani), Delucchi 9 (0/3).
REP. DOMINICANA: Reyes 6 (1/5) (Feliz), Polanco 4 (2/5), Pujols 3 (3/4), Ortiz bd (0/2), Alou 7 (2/3), Beltre 5 (1/3), Encarnacion 8 (0/3), Pena 9 (1/2) (Polonia 0/1, Taveras), Paulino 2 (1/4) (Brito).
Punti : Italia 102.000.000: 3 (5bv-2e); Rep. Dominicana 202.030.10x: 8 (11bv-0e).
Lanciatori: Fiore (p.) 2.2rl-0so-2bb-5bv, De Santis 1.2rl-2so-0bb-3bv, Rollandini 1.2rl-1so-0bb-1bv, Barzilla 0.1rl-0so-0bb-0bv, Maestri 0.1rl-0so-1bb-1bv, Gallo 1.1rl-0so-0bb-1bv; Perez (v.) 3-3-1-4, Sosa 4rl-4so-0bb-1bv, Torres 1rl-0so-0bb-0bv, Rodney 1rl-1so-1bb-0bv.
Note: fuoricampo Pujols (2p. al 3°), Beltre (3p. al 6°), Alou (1p. al 7°); doppio Giarratano, Menechino, Catalanotto. Spettatori: 9.949.

 

6852
6852
6853
6853
6854
6854
6855
6855
6856
6856
6857
6857
6858
6858
6859
6859
6860
6860
6861
6861
6862
6862
6863
6863
6864
6864
6865
6865
6866
6866
6867
6867
6868
6868
6869
6869
6870
6870