L’Italia U13 archivia l’EMRYT 2022 con un oro e un bronzo

L’Italia U13 archivia l’EMRYT 2022 con un oro e un bronzo
13/08/2022
Italia 1 mantiene salda la tradizione e si aggiudica la Sport Division dilagando sulle Israel Sabras in tre riprese, mentre Italia 2 si consola con una netta vittoria nella finalina della Future Division

È una partita a senso unico quella che decreta la vittoria 12-0 nella finalina per il bronzo della Future Division in favore di Italia 2 ai danni del Softball Club Princ di Zagabria, già battuto in altre due occasioni nel corso dell’EMRYT 2022, anche se in modo meno netto.
Superata senza danni la prima difesa, nella quale le croate mettono a segno 2 delle 4 valide complessive della gara, ma che Alberta Sanna regola con 2 strikeout, le azzurrine battono e segnano da subito, sfruttando anche un errore delle avversarie, chiudendo l’inning con 3 punti, frutto delle valide di Camilla Fedi ed Elena D’Amico, del sacrificio messo a terra da Giada Servidio e dalla volata di sacrificio di Sanna.
Il secondo, il terzo e il quarto per l’Italia li lancia Francesca Drigani, ma nulla cambia per il lineup del Princ, che arriva in base solo una volta per inning, in modo innocuo. Sono invece le azzurre a incrementare ad ogni attacco: 3 punti ancora al secondo, nel quale l’allenatore croato cambia praticamente l’intera formazione, senza valide, ma con 3 colpiti e 1 errore; 2 punti nel terzo, con un singolo di Ambramarie Antonello, ma anche lanci pazzi ed errori; limite dei 4 punti raggiunto nel quarto attacco, nel quale vanno segnalati il fuoricampo interno di Giada Servidio e i singoli di Viola Liddi e Beatrice Caravona che mette fine alla ripresa e si occupa poi di chiudere senza problemi la partita dalla pedana.
Il bull-pen azzurro non concede punti, ben sorretto da una difesa che non commette errori.
IL TABELLINO

La tirata finale della Future Division che ha visto prevalere la Selecciόn Navarra sul Joudrs Praga ha, fra le altre, una sicura protagonista: Helena Carpio, infatti, oltre ad avere chiuso a 2 su 3 in battuta, con 1 RBI al terzo che ha sbloccato lo 0-0, ha anche lanciato la shut-out completa, con 7 valide e 6 strike out in 5.0. Le ha tenuto testa bene, dall’altra parte, Markéta Šveková, anche lei in pedana per tutte e 5 le riprese, ma le sole 5 valide concesse e gli 11 SO non le sono bastati per conquistare l’oro insieme alla sue compagne.
Nel quinto inning, infatti, arriva la fuga definitiva per le spagnole: Paula Cia è salva per palla mancata sullo strike out, quindi, con un bunt, Rebeca Andueza manda in crisi la difesa ceca, che fa segnare il corridore e la manda in terza, pronta a segnare a sua volta col sacrificio di Nahia Abadia. Carpio batte la sua seconda valida, quindi, con 2 lanci pazzi inframezzati da una rubata, arriva a casa per il definitivo 4-0 che vale l’oro.
IL TABELLINO

La finale per il terzo posto della Sport Division fra Joudrs Praga e GB Cubs finisce virtualmente al primo inning, con le ceche capaci di mettere a segno ben 11 punti prima dei primi 3 out: sono 4 le valide, con 1 doppio, ma il dislivello fra le due formazioni in campo emerge soprattutto nelle tante basi per ball e negli errori difensivi.
La partita diventa a questo punto un’occasione di sperimentazione per gli staff: le britanniche segnano 5 volte fra secondo e terzo inning, pur battendo una sola valida in tutta la gara, ma anche le ceche, che alla fine totalizzano 18 valide (e nessun errore in difesa), non si accontentano di amministrare il vantaggio, ma pestano il piatto ancora 3 volte al secondo e 4 al terzo, per il 18-5 finale, in 4 riprese.
IL TABELLINO

Italia 1 reagisce con freddezza allo svantaggio iniziale nella finale della Sport Division e finisce col travolgere le Israel Sabras per 17-2.
La partente azzurra Giada Cagni apre la gara concedendo 2 basi per ball e 2 lanci pazzi quindi, dopo altri 2 lanci fuori zona, i coach Ammirato a Gabri la cambiano di posto con Emma Obino, che aveva iniziato la gara all’esterno centro. Un lancio pazzo e un singolo di Mia Siegel portano le Sabras avanti 2-0, ma l’attacco azzurro replica immediatamente: con 1 out, Roberta Faranda batte valido e avanza su rubata e lancio pazzo per segnare sulla rimbalzante in diamante di Giorgia Colino. Il pareggio lo porta Alida Campioni con un fuoricampo interno a destra. Anche Cagni tocca duro, ma il suo triplo rimane improduttivo.
Italia 1 prende le misure a Izzy Zober nel secondo attacco: Agata Boraso batte valido e Obino la porta a casa con un doppio, quindi Di Fonzo la manda in terza con un bunt valido e Giorgia Colino (3 su 4 e 6 RBI alla fine) le fa segnare entrambe con un doppio a sinistra, per il 5-2. Alida Campioni va in base ball e arriva ancora un doppio, stavolta di Cagni, che fa segnare Colino e spinge in terza Campioni, spinta a casa base dalla battuta di Rebecca Soldi.
Mentre Obino macina out senza problemi, concedendosi anche il lusso di una prestazione perfetta in attacco con 3/3 e 3 RBI, l’attacco azzurro vola via al terzo turno, nel quale segna i 10 punti, con 8 valide, che determinano la fine anticipata della partita e aggiudicano l’oro alle azzurre, capaci ancora una volta di succedere a se stesse per la ottava volta consecutiva nella manifestazione continentale dedicata a Massimo Romeo.
IL TABELLINO

CALENDARIO, RISULTATI, PLAY-BY-PLAY E LIVE STREAMING SPORT DIVISION
CALENDARIO, RISULTATI, PLAY-BY-PLAY E LIVE STREAMING FUTURE DIVISION
CLASSIFICHE SPORT DIVISION
CLASSIFICHE FUTURE DIVISION
STATISTICHE SPORT DIVISION
STATISTICHE FUTURE DIVISION

Nella foto: Italia 1 festeggia una vittoria (@Ep - Ufficio Stampa Collecchio BSC)