Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Gli spettatori alle partite di baseball negli anni pionieristici

di Roberto Buganè

Spesso vengono ricordati affollatissimi di spettatori i campi su cui si svolgevano le partite di campionato negli anni pionieristici. Realtà o ricordi ingigantiti dal tempo trascorso?

In soccorso della nostra memoria vengono un documento prezioso donato dalla famiglia Lubas (in homepage il momento dell'induzione di Joe nella Hall of Fame al Gala dei Diamanti 2007) al Museo Fibs e il libro scritto da Mario Bretto sulla storia del Torino B.C.

Nel 1951 Joe Lubas, allenatore giocatore della Libertas Roma, compilò accuratamente i ruolini delle partite giocateUn foglio di score di Joe Lubas del 1951 (Museo FIBS) dalla sua squadra annotando il numero di spettatori secondo una sua valutazione.

L’elenco sotto riportato ridimensiona quei ricordi, tenendo anche presente che nel 1951 la Libertas Roma era la squadra Campione d’Italia e che quindi la sua presenza era motivo di particolare richiamo. Gli spettatori, nell’elenco riportato, non raggiungono mai il migliaio.

Risulta anomalo solo il numero di spettatori di una partita, per la quale Lubas indica una presenza di 7.000 spettatori, ma il numero potrebbe essere una mia errata interpretazione, potrei aver scambiato un 1 per un 7, anche se il confronto con altri dati smentirebbe questa ipotesi e quindi sarebbe effettivamente un 7; oppure Lubas aggiunse uno 0 a 700 senza rendersene conto.

Mario Bretto nel suo libro Stonehenge Granata racconta che l’incasso della partita giocata il 7 ottobre sul campo Lancia di Torino contro la Libertas Roma, partita della quale Lubas non ci dice il numero di spettatori, fu di 18 mila lire e siccome il costo del biglietto intero era di 200 lire e di 100 lire quello per i ragazzi si può stimare in 150 il numero degli spettatori.

La raccolta degli score delle partite giocate dalla Roma nel 1951 è pubblicato nel Museo Virtuale Fibs ove è pure possibile sfogliare pagina per pagina il libro di Mario Bretto. Alla pagina 66 del libro vi è l’elenco gli incassi annotati sul libro cassa per gli ingressi alle partite del Torino dal 1951 al 1959, da cui è possibile desumere all’incirca il numero degli spettatori, sempre nell’ordine delle centinaia.

Ecco il dettaglio dei dati del campionato 1951 della Libertas Roma. Squadra di casa la seconda indicata.

Data

Partita

risultato

spettatori

12/5

Firenze vs L.Roma

1 – 7

106

20/5

L. Roma vs Bologna

9 – 9

7.000 (?)

27/5

L. Roma vs Lazio

7 – 8

400

2/6

L. Roma vs Monza

25 – 5

300

3/6

L. Roma vs Milano

19 – 13

300

9/6

Inter vs L.Roma

3 – 34

300

10/6

Ambrosiana vs L. Roma

0 – 21

300

24/6

L. Roma vs Nettuno

3 – 4

600

1/7

Torino vs L. Roma

4- 27

300

15/7

Monza vs L. Roma

2 – 15

N.D.

22/7

L. Roma vs Inter

13 – 2

400

29/7

Milano vs L. Roma

5 – 15

250

5/8

Nettuno vs L. Roma

16 – 10

N.D.

12/8

L. Roma vs Firenze

10 – 8

150

2/9

L. Roma vs Ambrosiana

15 – 1

N.D.

9/9

Lazio vs L. Roma

3-11

N.D.

16/9

L. Roma vs Bologna

16 – 7

N.D. *

30/9

Bologna vs L. Roma

3 – 7

N.D.

7/10

Roma vs Torino

17 – 4

150

N.D. – Dato non disponibile

* Questa partita fu la ripetizione di quella giocata il 20/5 sospesa per l’oscurità con le squadre in  parità, 9 a 9.La Nazionale del 1952 (Museo FIBS)

 Alla luce di questi numeri si può meglio capire quanto fu clamoroso il successo, un anno dopo, della prima partita internazionale giocata dell’Italia allo Stadio Nazionale di Roma, oggi Flaminio, il 31 agosto 1952 alla quale assistettero ben 12.000 spettatori. Il servizio della Settimana Incom dedicato a quella partita, visionabile nel Museo Virtuale Fibs, ne rende un’indiscutibile testimonianza.

Vi furono casi particolari nei quali gli spettatori superarono le mille presenze ma si trattò, relativamente agli anni ’50, di eccezionalità.