Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

La Germania passa agilmente l'ostacolo Svezia

E’ poco più di una formalità per la Germania superare la Svezia nel secondo impegno della seconda fase dell'Europeo e buttarsi alle spalle la fresca sconfitta contro l’Italia. I teutonici si impongono in rimonta dopo lo spavento della seconda ripresa in cui gli scandinavi avevano messo la testa avanti. Tre inning sono sufficienti al Bundesteam per affondare gli avversari di turno (10-3). Su tutti il battitore designato Christopher Howard che chiude nel box a 2 su 4 con 3 punti battuti a casa.

A dire il vero è la Svezia a partire con il piede giusto quando al secondo attacco colpisce duro sul partente tedesco Andrè Hughes che paga anche un errore della difesa arrivato subito dopo il doppio di Peter Johannessen. I singoli di Lausen e Bjorn Johannessen fanno il resto e regalano il 2-0 agli scandinavi. Scandinavi che non hanno nemmeno il tempo di festeggiare perché la Germania risponde prontamente al cambio campo e con Brockmeyer, colpito, e Howard, triplo più lancio pazzo, costruisce l’immediato pareggio. Il solo homer di Gronauer porta avanti i teutonici (3-2). Il Bundesteam, fallita una prima occasione di allungo al quarto, piazza la zampata che spacca la partita al quinto sul rilievo svedese Nicholas Soubiea. Tre valide, due basi ball e una volata di sacrificio valgono 3 punti per la Germania e portano la Svezia al secondo cambio sul monte dove sale Sjoers. Il punto siglato da Gajzler sulla volata di Bjorn Johannessen è solo un’illusione (3-6) perché il nove tedesco colpisce duro anche sul terzo rilievo scandinavo Long. La serie tutta consecutiva di tre singoli e due basi arrotondano il punteggio sull’8-3, poi è la valida di Howard, ancora lui, a sigillare il 10-3 finale a cui la Svezia non è più capace di reagire.

IL TABELLINO     LA CLASSIFICA AGGIORNATA