Europei alle battute finali, l'Italia cerca il bronzo con la Spagna

Europei alle battute finali, l'Italia cerca il bronzo con la Spagna
18/09/2021
Domenica allo stadio Passo Buole si disputano le ultime due gare: alle 15 gli azzurri, senza Mike Piazza rientrato negli Usa per la morte del padre, vogliono il podio. Alle 20,30 sfida per il titolo tra Olanda e Israele

Gli Europei di baseball “Piemonte 2021” sono alle battute conclusive. Domenica, allo stadio Passo Buole di Torino, si disputeranno le finali per l’assegnazione delle medaglie. Nella gara per l’assegnazione del titolo continentale duelleranno I’Olanda e Israele, che nelle semifinali di Avigliana hanno avuto la meglio di Spagna e Italia

Smaltita la delusione per la sconfitta patita nella semifinale, gli azzurri cercheranno, nel pomeriggio alle 15 (diretta tv su Sky Sport 256), contro la Spagna di conquistare per la trentaduesima volta una medaglia agli Europei, vinti dieci volte (l’ultima nel 2012). Nella bacheca azzurra ci sono già quattro medaglie di bronzo. Una partita impegnativa per Mineo e compagni contro un team che ha mostrato soprattutto ottime qualità nel box di battuta (394 di media, con Edison Valerio leader con 737, seguito da Angulo a 500), come ha dimostrato mettendo paura ai campioni in carica, con due fuoricampo.

LUTTO PER PIAZZA. La nostra nazionale per questa gara conclusiva dell’Europeo dovrà fare a meno del suo manager Mike Piazza, volato negli Stati Uniti per la scomparsa del padre Vince. «Mike voleva restare con la squadra - fa sapere il presidente Fibs Andrea Marcon - ma gli ho ovviamente dato il via libera per partire subito dopo la partita di venerdì sera».

Vince Piazza, grande amico di Tom Lasorda, aveva 92 anni e nel corso della sua vita ha costruito un impero vendendo macchine usate. La squadra, lo staff tecnico, il consiglio federale, che si è riunito sabato mattina al J Hotel di Torino, si sono stretti attorno a Piazza.

A guidare la squadra in questa importante sfida con gli iberici di Nelson Prada saranno quindi Doriano Bindi, Vince Horsman, Gianmarco Faraone e Dan Bonanno.

Mike Piazza, prima di salutare i ragazzi e volare negli States ha analizzato la sconfitta nella semifinale di Avigliana:  «I ragazzi - ha detto Mike Piazza - hanno lavorato duramente, però con 13 basi su ball e più di 200 lanci è difficile, perché non puoi difenderli. È stata una notte difficile e questo è un torneo in cui non puoi avere notti difficili».

«Naturalmente dal momento in cui siamo andati sotto - ha proseguito l’allenatore azzurro parlando dell’attacco - si tende a spingere un po' di più. All'inizio abbiamo cominciato rilassati, scegliendo i lanci giusti poi abbiamo iniziato a forzare e a girare palle difficili. Alla fine bisogna anche dare credito al lanciatore avversario, Leptiz, che ci ha messo in difficoltà. È una tipologia di lancio che mai avevamo affrontato. Ci siamo battuti ma non è bastato. Ora dobbiamo guardare avanti a domenica e combatteremo per vincere contro la Spagna».

«Vorrei comunque ringraziare i nostri tifosi per il sostegno che ci hanno dato per tutta la partita», ha concluso il manager dell’Italia.

Lo staff azzurro si affiderà inizialmente a Tiago Da Silva, già utilizzato come partente (5bv-6so in 4rl) nella vittoriosa gara contro il Belgio. 

I PRECEDENTI. Quello tra Italia e Spagna è un duello antico. La nostra nazionale disputò la prima partita ufficiale contro le Furie Rosse nel 1952. La prima sfida agli Europei risale invece al 1954 ad Anversa nella prima edizione della più importante manifestazione continentale. Da quel 27 luglio di 67 anni fa le due squadre si sono sfidate 27 volte nell’Europeo, con 24 successi azzurri, due spagnoli (6-4 nel 2007 a Viladecans e 8-3 nel 2016 a Hoofddorp) e un pareggio per 0-0 dopo nove inning a Barcellona nel 1955.  Gli spagnoli hanno avuto comunque la meglio dell’Italia nel 1998 ai Mondiali e nel 2019 nel torneo ci qualificazione olimpica. A livello assoluto questa è la sfida numero 39.

FINALE INEDITA. Olanda e Israele, alle 20,30 (anche in questo caso diretta su Sky Sport), daranno vita ad una finale inedita a livello continentale, ma già vista a Bologna nel torneo di qualificazione olimpica 2019. Gli orange di Evert Jan ’T Hoen cercheranno di vendicare quella sconfitta che che ha permesso a Israele di disputare i Giochi di Tokyo 2020.

Per i rappresentanti dei Paesi Bassi (che hanno vinto 23 edizioni) è la 26ª finale consecutiva, la 33ª complessiva. Nel 1954 e nel 1955 non erano presenti, mentre nel 1967 non parteciparono in segno di protesta nei confronti della federazione. Israele prima di scendere in campo ha migliorato il piazzamento del 2019 a Bonn: chiuse al quarto posto, dopo aver perso 16-11 con la Spagna.

PRIMO LANCIO. A effettuare il primo lancio della finale sarà Christian Aimaro, presidente di Iren Ambiente, società del gruppo Iren, golden sponsor del 36° Europeo di baseball. All’interno del gruppo, Aimaro è anche presidente di Amiat.

Iren è una delle più importanti multiutility italiane attiva nei settori dell’energia elettrica, del gas, dell'energia termica per teleriscaldamento, della gestione dei servizi idrici integrati, dei servizi ambientali e dei servizi tecnologici. Il Gruppo opera in un bacino multiregionale con oltre 8.600 dipendenti, un portafoglio di circa 1,9 milioni di clienti nel settore energetico, circa 2,8 milioni di abitanti serviti nel ciclo idrico integrato e oltre 3,1 milioni di abitanti nel ciclo ambientale.

Iren è un produttore energetico eco-friendly per circa il 73% della propria produzione elettrica.

Iren è una holding industriale con sede a Reggio Emilia e poli operativi a Genova, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Torino, La Spezia e Vercelli.

Il programma di domenica, a Torino: ore 15, finale 3°-4° posto Italia-Spagna (dir. Sky Sport 256); ore 20,30 finale 1°-2° posto Olanda-Israele (dir. Sky Sport Action).

IL CAMMINO DELL’ITALIA NELL’EUROPEO

LE STATISTICHE AZZURRE

In copertina il fuoricampo battuto da Federico Celli contro Israele (Ezr/Nadoc)