Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

I tecnici del baseball e del softball affollano il Formation Day

 

Prima di tutto, anche se è un modo scontato di cominciare, i numeri:

14 sedi coinvolte (Ancona, Bagnaria Arsa, Bologna, Catania, Cernusco sul Naviglio, Genova, Nuoro, Parma, Roma, Taranto, Tirrenia, Tollo, Torino, Verona).

528 tecnici partecipanti (circa 650 le presenze complessive che comprendono dirigenti di Società, genitori, atleti, arbitri e classificatori).

55 relatori, tra i quali spiccano numerosi tecnici delle Nazionali (un grazie speciale a Gilberto ‘Gibo’ Gerali, Manager della nazionale italiana seniores di baseball, autentico mattatore nelle sedi di Puglia e Lombardia) e una quindicina di docenti “speciali” (formatori della Scuola dello Sport del CONI, insegnanti, psicologi, medici, fisioterapisti…).

Ma non solo di numeri bisogna parlare.

La partecipazione alle ‘giornate di formazione’ ci dice che c’è voglia di partecipazione, sete di conoscenza e desiderio di apprendere.lombardia3 gerali

Racconta, anche, della volontà di integrare le conoscenze tecniche a quelle scientifiche per svolgere, al meglio, il ruolo di tecnico.

Ma indica, soprattutto, che i tecnici italiani sono pronti ad affrontare la sfida.

Quella sfida che lo sviluppo dello sport in chiave moderna gli presenta sul piano della professionalità e della competenza.

La formula, sperimentale e innovativa, dei Formation Day e il suo gradimento la dicono lunga, inoltre, sulla necessità di disegnare e configurare la formazione secondo un modello che sia localizzato (formazione a ‘kilometro zero’) e che miri alla riduzione dei costi da sostenere.

La sfida è far si che questo modello non comporti un abbassamento della qualità dell’offerta formativa.

Al di là dei numeri e del significato degli stessi c’è, poi, un’ultima considerazione da fare:

lo svolgimento del Formation Day è stato reso possibile solo e solamente grazie all’impegno dei Comitati e delle Delegazioni regionali della FIBS (cui va il sentito ringraziamento del CNT) e dei Delegati Regionali dei Tecnici.

Questi ultimi, in particolare, si sono resi disponibili ed hanno, in pochissimo tempo, messo in piedi programmi accattivanti e reperito location funzionali ed accoglienti, dimostrando tutta la loro competenza e capacità organizzativa.

Naturalmente non finisce qui…

Il CNT, a breve, comunicherà la data del prossimoo Formation Day.

Never Stop Learning.