Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

In quattro per due posti: al via le semifinali di Serie A1 Softball

16 scudetti da una parte, zero dall’altra. 35 finali da una parte, zero dall’altra. È questo il quadro delle semifinali di Serie A1 Softball che prenderanno il via sabato 19 settembre con le prime due gare di due serie al meglio delle cinque partite. MKF Bollate – Poderi dal Nespoli Forlì sarà la serie tra due squadre storiche del softball italiano, mentre dall’altra parte il derby varesino RheaVendors Caronno – Inox Team Saronno sancirà chi staccherà per la prima volta nella storia il biglietto per il grande ballo.

MKF Bollate – Poderi dal Nespoli Forlì

Per il quinto anno consecutivo Bollate e Forlì si trovano di fronte nei playoff: per due volte hanno avuto ragione le romagnole (3-1 nella semifinale 2016, 3-1 nella finale 2017) e altre due volte le lombarde (2-0 nella semifinale 2018, 3-0 nella semifinale 2019), a conferma del grande equilibrio che regna nei recenti confronti tra due squadre che negli ultimi anni sono state le uniche a tenere testa a Bussolengo, nonostante alla fine abbiano quasi sempre vinto le venete.
Forlì arriva a questo appuntamento dopo una regular season vinta in scioltezza, con un eloquente record di 17-1 in un Girone B dominato. Ilaria Cacciamani e Beatrice Ricchi, colonne di questa squadra, hanno saputo vincere la Tripla Corona rispettivamente per le lanciatrici e per le battitrici in una stagione che non ha però mai presentato ostacoli eccessivamente ostici per un team costruito dal manager Giulio Brusa, tornato quest’anno al ruolo di capo allenatore, per volare alto.
Parlando di Forlì è impossibile non citare l’assenza di Erika Piancastelli, attualmente negli Stati Uniti per partecipare – con eccellenti risultati – alla Athletes Unlimited. Nonostante un’assenza pesantissima come quella di Piancastelli il lineup forlivense è comunque capace di incutere timore alle avversarie, per merito anche della più grande rivelazione del campionato, la giovanissima classe 2003 Virginia Mambelli che si è messa in mostra battendo .540.
Dall’altra parte Bollate, dopo il secondo posto nel Girone A, viene da uno spareggio vinto agevolmente contro la Sestese e soprattutto sta ritrovando certezze: una su tutte Greta Cecchetti, che dopo la one-hitter con 13 K in gara 1 dello spareggio ha confermato di aver recuperato la condizione fisica dopo l’infortunio, ma anche Jamee Juarez che si è aggregata alla squadra per i playoff e si è fatta vedere anche in pedana di lancio in gara 2 rilevando a un’anch’essa ottima Laura Bigatton.
La serie, insomma, promette scintille: le prime due partite di sabato 19 saranno visibili su FIBS TV (prepartita dalle 16:30, primo lancio alle 17) in diretta da Bollate.

RheaVendors Caronno – Inox Team Saronno

Passare da uno strike dall’eliminazione ad una semifinale scudetto non è per chiunque, ma Caronno con grinta e tenacia di un gruppo guidata dal suo condottiero Argenis Blanco ha saputo ribaltare un risultato che appariva già scritto contro le BlueGirls Pianoro ed ora si regala un derby che vale una finale contro la squadra che in stagione regolare ha conquistato il Girone A risplendendo.
Saronno parte indubbiamente con i favori del pronostico: le neroazzurre di Giovanna Palermi già in offseason con gli acquisti di Laura Vigna e Veronica Comar avevano ribadito di essere una corazzata desiderosa dello scudetto e lo hanno dimostrato sul campo. 13 vittorie a fronte di due sole sconfitte, una delle quali giunta in extra-inning proprio contro Caronno, nonostante i problemi fisici che non hanno abbandonato per tutto l’anno il capitano Giulia Longhi e Vigna sono un bottino straordinario per una squadra alla caccia della prima finale scudetto della propria storia, dopo averla sfiorata lo scorso anno arrivando a gara 5 di semifinale contro Bussolengo. La coppia Nicolini-Comar in pedana di lancio si è rivelata essere la più funzionale di tutta la A1 Softball - ed entrambe vantano uno shutout contro Caronno in questo 2020, ma è forse la profondità del lineup ciò che spaventa maggiormente le difese avversarie: sono tantissime le armi offensive a disposizione, molte delle quali con una lunga carriera ed un brillante futuro in casacca azzurro Italia.
Caronno d’altro canto potrà giocare questa partita senza nulla da perdere ma con molto da guadagnare: il crescendo di condizione, sia offensiva che difensiva, di Melany Sheldon e con Chiara Ambrosi dietro al piatto e già decisiva in momenti clutch contro Pianoro sono le due bocche di fuoco più pericolose di Caronno che, per la prima volta dopo il 22 agosto, torna a giocare tra le mura amiche dove può vantare un record vincente in stagione.
È inevitabile però pensare che se Caronno potrà mettere i bastoni tra le ruote a Saronno molto passerà per le braccia di Silvia Durot – ex della sfida avendo giocato per vari anni a Saronno – e Carlotta Salis: dopo le eroiche prestazioni delle ultime due partite di Pianoro la coppia consolidata della pedana caronnese dovrà cercare di ripetersi anche contro il potente attacco di Saronno, che hanno già affrontato quattro volte in stagione con prestazioni confortanti. In casa RheaVendors sarà importante valutare anche le condizioni di Francesca Rossini, non al meglio e uscita dal campo in occasione di gara 3 dello spareggio.
Le prime due gare, in diretta da Caronno Pertusella, saranno visibili in streaming sul sito di Rete 55 sabato a partire dalle ore 17.

LINK PLAY-BY-PLAY

di Nicolò Gatti