Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
La grinta difensiva di Miriana Cerioni del Forlì (PhotoBass)

La prima è buona per Bollate e Caronno, buonissima per Forlì

La stagione 2020, inaugurata anche dalla prima trasmissione in diretta di una serie di regular season tra Blue Girls Pianoro e Poderi Dal Nespoli, è iniziata confermando i valori dettati dai pronostici. Le prime partite ad andare in scena sono state quelle del quinto turno di andata del Girone A e primo di andata del Girone B. Le giornate, infatti, a causa della difficile implementazione del campionato, a causa delle note vicende provocate dalla pandemia di Coronavirus, con i gironi composti da un numero diverso di squadre al via, non risultano “pareggiati” ma per tutto l’arco del campionato saranno “disassati”.

Ottimo l’avvio di MKF Bollate e Rheavendors Caronno, straordinario addirittura quello del Poderi dal Nespoli Forlì che, a Pianoro ha vinto entrambe le partite per manifesta e, addirittura, in gara 1, aveva già chiuso i conti dopo un solo attacco. Partenza falsa, ma l’avversario era certamente uno dei più ostici, per lo Specchiasol Bussolengo, campione d’Italia in carica.

Pianoro-Forlì
Straripanti le vittorie 11-0 e 11-1 per la squadra allenata da Giulio Brusa.
In gara 1, contro la giovane Beatrice Nannetti in pedana, Forlì parte con un fuoricampo di Erika Piancastelli da due punti ed è solo l'avvio di un inning che si concluderà con ben dieci punti a referto per le romagnole. Ilaria Cacciamani, visto il largo vantaggio, viene utilizzata solamente per due inning in cui è perfetta, mentre per Pianoro l'avvento in pedana di Giada Zorzati porta più sicurezza. L'unico highlight di una partita senza storia per le padrone di casa è il singolo di Tara Melassi che spezza la perfect-game.

Gara 2 è più combattuta nelle fasi iniziali, con Carlotta Onofri (pronta a essere rilevata da Cacciamani in caso di, poi non concretizzatasi, necessità) e Alice Ronchetti che portano la partita a fine secondo inning sul punteggio di 2-1. Come in occasione di gara 1 però Forlì mette a referto un big inning nel terzo, questa volta con 9 punti segnati frutto di 6 valide, una base ball, un colpito e due errori difensivi. Si spegne di fatto qui la gara che mostra in maniera ancor più netta come Forlì sia la squadra da battere nel girone B.

IL TABELLINO DI GARA 1

IL TABELLINO DI GARA 2

RISULTATI E CLASSIFICHE DEL GIRONE B

Caronno-Castellana
Netta la doppietta della Rhea nell’esordio casalingo contro il Metalco Thunders Castellana. La squadra di Argenis Blanco ha lasciato le venete a zero, nella casella dei punti segnati. Nella prima partita l’affermazione 5-0 porta la firma della ex di turno, Carlotta Salis, salita per la prima volta in pedana in una gara ufficiale con la formazione lombarda e capace di ottenere 8K. In attacco a suonare la carica è stata Melany Sheldon con un triplo per il primo punto al terzo inning. Nella ripresa successiva 4 valide (tutti singoli) consentono di realizzare altrettanti punti e impongono la sconfitta al pitcher Chiara Biasi.

In gara 2 lo scarto si riduce di un punto, da 5 a 4-0 ed è firmato da Silvia Durot, poi rilevata ancora da Salis. Il primo punto è segnato proprio da Salis con una corsa dalla seconda, su doppio di Giulia Marocchino e poi, alla terza ripresa, arrivano i tre punti che segnano definitivamente il match. La ripresa si apre con Sofia Fabbian in pedana, rilevata da Sara Monari dopo aver concesso un paio di basi ball. In totale al termine della ripresa le basi ball sono 4 e 2 le valide che continuano a tenere sotto pressione la difesa delle Thunders, sempre costrette a giocare con basi piene. Praticamente inesistente la reazione in attacco per la squadra ospite e la Rhea manda in archivio lo sweep.

IL TABELLINO DI GARA 1

IL TABELLINO DI GARA 2

Bussolengo-Bollate
A Bussolengo le campionesse d’Italia hanno ricominciato dalle avversarie della finale scudetto 2019, ma questa volta il divario è apparso sbilanciato a favore della formazione milanese che, pur dovendo fare a meno di Greta Cecchetti per un problema fisico, ha completato una doppietta abbastanza chiara. In gara 1 è stata Sara Riboldi il pitcher vincente, contro le giovani Sofia Porro e Valeria Munaretto. Il primo vantaggio è stato dello Specchiasol Bussolengo con 3 punti nella seconda ripresa, dopo aver sfruttato un paio di indecisioni difensive dell’MKF. La squadra lombarda ha accorciato al terzo con un triplo di Elisa Cecchetti e poi al quinto è passata in vantaggio segnando 3 punti, frutto di due doppi di Marta Gasparotto e Elisa Cecchetti e sfruttando 3 errori della difesa di casa. Il definitivo 5-3 con singolo di Lara Cecchetti e triplo di Marta Chiodaroli al settimo inning.

Nella seconda partita è stato subito vantaggio Bollate, grazie a un singolo interno di Marta Gasparotto, seguito da un singolo di Lara Buila e da un errore di tiro del catcher veronese sul tentativo di rubata di Buila, con corridori agli angoli. Poi, dopo un parziale equilibrio durato 3 riprese, dalla seconda alla quarta, il Bollate ha preso il largo segnando 3 punti per ripresa al quinto e al sesto, conquistando la vittoria per 7-0 grazie alla mercy rule dopo 6 inning. I tre punti del quinto sono stati propiziati da altrettanti singoli (Gasparotto, Elisa Cecchetti e Marta Chiodaroli); mentre nel sesto attacco è stato un doppio a basi piene di Lara Buila a portare a casa corridori e vittoria, firmata da una splendida prestazione in pedana di Laura Bigatton, capace di concedere solamente due valide e una base ball, a fronte di 10 strike-out.

IL TABELLINO DI GARA 1

IL TABELLINO DI GARA 2

RISULTATI E CLASSIFICHE DEL GIRONE A

IL PLAY BY PLAY DI DOMENICA 12 LUGLIO 2020