Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Gasparotto ed Aucoin portano Bussolengo in finale

Basta uno swing, quello di Marta Gasparotto, per scacciare il fantasma della coriacea outsider Inox Team Saronno e regalare allo Specchiasol Bussolengo l'Italian Softball Series, la quinta negli ultimi sei anni in cui le neroverdi hanno potuto indossare per tre volte lo Scudetto al petto.
Come dodici mesi fa la serie decisiva sarà tra Bussolengo e Bollate, duello che non più di due settimane fa decideva le sorti della Premiere Cup e dunque il più naturale epilogo tra due formazioni che hanno dimostrato di valere l'élite del softball continentale.

La domenica di gara 5 si apre a Bussolengo con una protagonista non gradita: la pioggia. Il playball, inizialmente fissato per le ore 14, non viene chiamato dall'arbitro fino alle 16, quando finalmente il win-or-die game può avere inizio. Non essendoci limitazioni in pedana di lancio entrambe le squadre schierano la propria arma migliore: Saronno schiera Aimee Creger, vincente di gara 4, mentre la scelta di Montvidas ricade su Gretchen Aucoin, autrice di una no-hitter in gara 2 e rimasta in panchina il sabato sera in favore di Dreswick.

L'avvio non sembra confortante per le due formidabili lanciatrici, che chiudono la prima ripresa sullo 0-0 non senza soffrire: Saronno lascia due corridori in base nella parte alta, mentre Bussolengo termina il proprio primo attacco con tutti i cuscinetti occupati. Da quel momento in poi la musica cambia e le occasioni cominciano ad essere centellinate, almeno fino al terzo inning in cui Bussolengo – che ricomincia con la parte alta del lineup – esordisce con il singolo di Vonk e la base intenzionale concessa a Myers. È il turno di Gasparotto, che nel momento clou impatta perfettamente la pallina oltre le recinzioni all'esterno sinistro e consegna alla propria squadra il vantaggio decisivo: 3-0, che si rivelerà poi essere il risultato finale di questa sfida.

Le neroazzurre provano a rientrare in partita, ma le loro occasioni si infrangono contro i lanci di Aucoin (14 K) anche quando, nella sesta frazione, Saronno ha l'occasione più grande per mettere paura alle padrone di casa con le basi piene ed un solo out. Due strikeout consecutivi mettono però fine alle speranze lombarde, costrette ad arrendersi dopo aver lottato alla pari per tutta la serie di semifinale contro la squadra Campione in carica nonché capace di chiudere al primo posto la Regular Season.

Da sabato 14 al via l'Italian Softball Series, che al meglio delle cinque partite decreterà la Regina del softball italiano per la stagione 2019: Bussolengo sarà in grado di riconfermarsi o Bollate, dopo la vittoria in Premiere Cup, completerà la stagione da sogno? Al diamante l'ardua sentenza