Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Marta Gasparotto, Bussolengo, effettua un out in seconda contro Pianoro (PhotoBass)

Bollate, Forlì e Saronno partono con l'en-plein

Sono tre le squadre ad aver fatto il bottino pieno nella prima giornata del massimo campionato di Softball: MKF Bollate, Poderi Dal Nespoli Forlì e Saronno. Un esito, del primo turno di Serie A1, che si può dire potesse essere preventivabile, analizzando i roster delle formazioni della stagione 2019.

Il Bollate dalla pedana tutta italiana, pur soffrendo in gara 1 (vinta 3-2), si è sbarazzato del Taurus Donati Gomme Old Parma al quale, nella seconda partita (terminata 7-0 al sesto inning), Greta Cecchetti ha lasciato solo una valida. Di contro non è stato dei migliori l’esordio in pedana della lanciatrice americana del Parma, Trinity Harrington, che ha concesso 8 valide e anche un fuoricampo interno a Taylor Glover (nuovo esterno della squadra di Luigi Soldi), che ha chiuso la giornata anche con un triplo e 3 su 6. Bene in gara 1 l’apporto di Sara Riboldi (salvezza per Cecchetti), che tornava a Parma da ex.

Esordio durissimo per il Caserta a Forlì. La giovanissima e neo-promossa formazione campana è stata duramente sconfitta dal Poderi Dal Nespoli, squadra che si è presentata al via della stagione con un roster notevolmente rinforzato da Sarah Pauly in pedana, l’interbase Lisa Maulden e da una Erika Piancastelli quasi a tempo pieno. In gara uno il 13-0 dopo 3 riprese e mezza è eloquente per la differenza che si è vista in campo: impatto complicatissimo per la giovanissima Under 19 Giorgia Telò, utilizzata da partente, che concesso 8 valide (delle quali un fuoricampo da 3 punti di Ilaria Cacciamani). Un po’ più di equilibrio nella seconda partita (che Forlì ha vinto 6-2), nella quale in pedana si sono affrontate la cubana del Caserta Ylian Tornes e Pauly (16 K e 2 valide concesse).

L’altra doppietta di giornata è quella del Saronno che, in casa, ha affrontato il derby contro la Rheavendors Caronno. In entrambe la partite la vittoria va sul ruolino di Lisa Birocci, tornata quest’anno a vestire una casacca da giocatrice e non da coach. In entrambe le partite la partente per Saronno è stata Alice Nicolini e la vittoria, in rimonta, è arrivata con un risultato stretto. In gara 1 (terminata 5-3), dopo il 2-0 iniziale per Caronno è stato un singolo di Arianna Nicolini a battere a casa i due punti del pareggio al quarto e poi una volata di sacrificio di Lisa Birocci ha determinato il primo vantaggio del Saronno nell’inning successivo. A chiudere i conti ci ha pensato un triplo di Alessandra Rotondo al sesto. Ancora più equilibrata la seconda partita, che Saronno ha vinto 5-4 al primo extra inning: in avvio sugli scudi la venezuelana del Caronno Yuruby Alicart, che prima ha segnato il momentaneo 1-0 e poi propiziato il 2-0. Pareggio del Saronno al sesto: inning aperto da un triplo di Fabrizia Marrone. All’ottavo di nuovo vantaggio del Caronno, con un fuoricampo di Chiara Ambrosi; sorpasso e vittoria per Saronno grazie a una volata di sacrificio di Giulia Longhi e un doppio da 2 RBI di Valeria Bettinsoli.

Il grande equilibrio ha caratterizzato anche Collecchio-Metalco Thunders Castellana. La squadra emiliana ha chiuso prima del limite delle sette riprese la prima partita con una vittoria netta 10-2, dopo aver subito (in pedana Alessia Zavaroni) un fuoricampo da due punti di Cheyenne Tarango. Da quel momento più nulla per le venete e, invece, grande prova dell’attacco collecchiese autore di 9 valide, delle quali un fuoricampo da 3 punti di Alessia Colonna, un triplo di Logan Moreland e tre doppi di Silvia Gerbella, Giulia Ravanetti e Danielle Stiene. Il riscatto delle Thunder arriva in gara 2, vinta 6-5, con Cheyenne Tarango che, nonostante 10 valide concesse, si aggiudica il confronto in pedana con Danielle Stiene. Tarango sembra proprio essere l’arma in più per Castellana, visto anche l’apporto in attacco e il secondo fuoricampo (da un punto) di giornata, al terzo.

Pareggio, infine, anche per le campionesse d’Italia in carica, impegnate a Pianoro. La prima partita manda in campo la sfida italiana in pedana tra Veronica Comar (vincente) e Alice Ronchetti. Bussolengo parte subito forte al primo inning con 2 valide (singoli di Marta Gasparotto e Laura Vigna), 2 errori difensivi, 2 basi ball, un colpito e 3 punti e poi difende pian piano il tentativo di rimonta fino ad andare a vincere 7-5. Nella seconda partita il Tecnolaser Europa Pianoro si prende la rivincita mandando in pedana la statunitense naturalizzata venezuelana Michelle Floyd che concede solo due valide e un punto: troppo ampio il divario tra le pedane di lancio con Susanna Soldi e Beatrice Zappa che appaio troppo leggere nei confronti dell’attacco bolognese che fa la differenza soprattutto con Priscilla Brandi (3 su 3) e Ambra Collina (2 su 3). Finisce 8-1 in 4 riprese e mezza.

TUTTI I RISULTATI

LA CLASSIFICA

Al via il massimo campionato di softball: Bussolengo è la squadra da battere