Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Un walk-off ed una grande prova di Cecchetti portano Bollate in finale

Era annunciato lo spettacolo nella semifinale scudetto tra MKF Bollate e Podere dal Nespoli Forlì, rivincita della finale scudetto dello scorso anno, e spettacolo è stato. Sarah Pauly e Greta Cecchetti si sono confermate il duo più letale di tutta la Serie A1 Softball in pedana e hanno annullato lo strapotere del lineup romagnolo, capace di produrre un solo punto nelle due gare.
Con il doppio successo, per 2-1 e 2-0, Bollate conquista dunque l'accesso alla finale ed elimina la squadra campione in carica dopo due sfide al cardiopalma, vinte grazie ad un walk-off di Bigatton in gara 1 e allo shutout con 14 K di Cecchetti in gara 2.

L'avvio della prima partita non sembra dei migliori per Bollate, con la lanciatrice Sarah Pauly che con il primo lancio colpisce Jazmyn Jackson, ma per la statunitense in pedana riuscirà ben presto a riprendersi a concludere le prime tre riprese concedere né punti né valide, aiutata da una grande difesa, specie quella di Alice Parisi che al volo “ruba” un doppio prima a Veronica Onofri e successivamente a Jackson. A rispondere colpo su colpo a Pauly c'è però Ilaria Cacciamani: la partente di Forlì elimina al piatto otto battitrici nei primi 2.2 inning di gioco e tiene a zero le mazze lombarde.
Per sbloccare il tabellino c'è bisogno di una giocata particolare, e Bollate la trova nella rimbalzante di Fama su cui l'interbase avversario Laghi sbaglia l'assistenza in prima: con l'occasione di incidere in un match molto bloccato ad essere particolarmente fredda è Lara Cecchetti, che colpisce a sinistra un doppio utile per portare a casa il corridore.
Lo svantaggio subito risveglia immediatamente le romagnole e proprio la loro giocatrice più rappresentativa, il capitano azzurro Erika Piancastelli, ristabilisce la parità con un fuoricampo oltre le recinzioni di sinistra, il terzo per lei in 13 partite giocate quest'anno.
Ristabilita la parità, gara 1 fatica a trovare un nuovo padrone: il singolo di Parisi come leadoff non frutta alcun punto per Bollate, così come quello di Goodacre nella sesta ripresa, mentre il lineup di Forlì fatica a battere valido i lanci di Pauly.
E' nella parte bassa del settimo inning che, come in un thriller, la partita prende definitivamente la via delle padrone di casa: Jamee Juarez batte un singolo e viene sostituita da Chiodaroli, abile ad arrivare in posizione punto sfruttando il lavoro delle compagne. Con due eliminati Laura Bigatton impatta una pallina che supera il diamante e si adagia di fronte all'esterno centro Jackson, che non riesce ad assistere in tempo casa base. Bollate si aggiudica in walk-off una gara 1di semifinale spettacolare, mettendo un grosso tassello verso la finalissima.

TABELLINO 

Nella seconda sfida Bollate, con il primo match point nella propria faretra, si affida a Greta Cecchetti, mentre Forlì ripone le proprie speranze nella statunitense Kathryn Donovan. L'inizio è ottimo per Cecchetti, la quale perde solo il duello contro la compagna di batteria in nazionale Piancastelli (singolo per lei) in una prestazione altrimenti impeccabile. Qualche problema in più lo vive Donovan, che nella seconda ripresa si ritrova con corridori in posizione punto dopo il singolo di Juarez e l'arrivo in base di Buila per errore di tiro del terza base Cerioni (autrice di una presa non semplice), ma la lanciatrice di Forlì è brava nel togliere le castagne dal fuoco con due strikeouts. Il vantaggio di Bollate non tarda però ad arrivare, frutto di una formazione ospite piuttosto imprecisa in difesa: sono infatti due errori nella terza ripresa che permettono a Lara Cecchetti di segnare indisturbata.
I sussulti di Forlì arrivano sempre per mano di Piancastelli, la cui lunga volata rimane di poco in campo, preda del guantone di Parisi, mentre il resto del lineup soffre contro i lanci di Cecchetti, che a fine partita completerà la propria performance con 14 K.
Con il passare degli inning non cambia il ritmo, sempre ben controllato dalle due pedane di lancio. La prima a riproporsi aggressiva in battuta è Amanda Fama con un doppio nella quinta frazione; l'interbase della nazionale riesce a spostarsi in terza e poi entrare a punto, poco prima che Lara Cecchetti – entrata come temporany runner al posto di Goodacre, mandata in base intenzionalmente – venisse colta rubando.
Forlì prova a rientrare in partite con Jackson, prima della propria squadra a salire in base dopo quindici out consecutivi, ma l'opportunità si trasforma in un nulla di fatto con il pop di Grifagno.
A tre eliminazioni dal termine la formazione ospite prova in ogni modo a costruire potenziali punti, ma non va oltre il singolo di Cacciamani, e quando Aldrete, entrata come pinch hitter, viene messa strikeout da Cecchetti può cominciare la festa per Bollate, sia in campo che sugli spalti.

TABELLINO

Da Bollate (MI), Nicolò Gatti