Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Sara Pauly (Cavallotti/Oldman)

La pedana di lancio val bene il primato

Un solido rendimento del parco lanciatori è il modo per issarsi alla vetta della classifica e non scendere dal trono. Anche la seconda giornata di ritorno del massimo campionato di softball ha decretato la supremazia dell’MKF Bollate, rimasta l’unica squadra ancora senza sconfitte. Nel girone B, infatti, lo Specchiasol Bussolengo è incappato nello sgambetto da parte del Poderi Dal Nespoli Forlì che, forse, non rimetterà in gioco la lotta per il primato nel girone (sono ancora 4 le partite di distacco tra le due formazioni), ma di certo rende più interessante la seconda fase del campionato. Forlì quando vince lo fa con la forza di un attacco estremamente aggressivo, efficace e anche potente: è la squadra con la miglior media battuta (.317, e secondo è proprio Bussolengo con .304) ed è la squadra che difende meglio (solo 8 errori, su un totale di 247 opportunità).

In tutto il campionato ci sono solo due formazioni (entrambe nel girone B) che non hanno ancora battuto alcun fuoricampo e sono la Sestese e il Tecnolaser Europa Pianoro. Nonostante questo numero esiguo (in totale sono pochissime per entrambe anche le battute da extrabase: 14 Sestese, 19 Pianoro) la squadra bolognese è riuscita, nello scorso fine settimana, con una doppietta in trasferta a Castelfranco Veneto, ad agganciare al terzo posto della graduatoria il Metalco Thunders Castellana. Nel girone B, dunque, sembra esserci maggiore equilibrio rispetto a quanto accade nel girone A, nel quale il dominio del Bollate è rimasto  a 5 partite di distacco dalla seconda (che però è rimasta la Rheavendors Caronno, vista la doppia sconfitta nello scontro diretta del Collecchio) e dietro le inseguitrici si tolgono spazio a vicenda.

Tornando al discorso iniziale sulla pedana di lancio del Bollate: è quasi impeccabile. Sono solamente 3 le lanciatrici utilizzate da Luigi Soldi: le due partenti Sarah Pauly  e Greta Cecchetti (che si combattono il primato) e la giovane Laura Bigatton.
0.47 la media pgl di Pauly, in 45 inning lanciati, con 7 vittorie e 0 sconfitte.
0.62 la media pgl di Cecchetti con lo stesso numero di riprese lanciate (45) e stesso record di vittorie.
Subisce più punti guadagnati (4 contro 3), dunque, Cecchetti, ma la sua forza è la capacità di tenere gli attacchi avversari a una media battuta veramente bassissima: .088 contro .123 di media battuta concessa da Pauly. Sono 104 gli strike-out di Cecchetti a fronte di 5 basi ball e 13 valide.
Ovvio che con numeri come questi la formazione lombarda parta da un vantaggio enorme contro qualunque avversario e sarà questa la chiave di tutto il campionato.