Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Beatrice Salvioni, Caronno difende il cuscino di seconda contro Collecchio (Daniela Negri-Oldmanagency)

ISL: Bollate e Bussolengo continuano in vetta

Chiuso il girone di andata con la quinta doppietta stagionale dello Specchiasol Bussolengo, abile a sbarazzarsi della Pro Roma; anche nel girone A c’è una dominatrice per ora ed è l’MKF Bollate, vincente in casa contro il Banco di Sardegna.

Per Bollate e Saronno arriva il pieno contro Nuoro e Legnano, mentre è pareggio tra Caronno e Collecchio. Il girone A sembra veramente molto equilibrato e, fatta eccezione per l’MKF, che sembra la squadra favorita per arrivare fino in fondo nell’attuale (prima) posizione di classifica, sarà battaglia vera fino alla fine per stabilire le posizioni dal secondo al quarto posto.

La doppietta dell’MKF Bollate è sembrata abbastanza agevole, tanto che entrambe le partite si sono chiuse prima del limite regolare delle 7 riprese: 8-1 al sesto, la prima; 7-0 al quinto, la seconda, che ha vissuto il fuoriprogramma di una breve interruzione del gioco a causa di un guasto momentaneo all’impianto di illuminazione del campo di Ospiate.
Nella prima partita vittoria ascrivibile, in pedana, a Sarah Pauley, che si è confrontata con Danielle Fonseca e non ha avuto molte difficoltà a mantenere a bada le mazze del Banco di Sardegna che, alla fine, hanno totalizzato solo 2 valide. In gara 2, addirittura, con Greta Cecchetti in campo per 4 riprese e Laura Bigatton che ha chiuso nella quinta, il Bollate ha portato a casa una combined-no-hit. E dire che la giornata per Nuoro era iniziata con il vantaggio alla seconda ripresa, grazie a un solo-homer proprio del pitcher, Danielle Fonseca. Senza perdere la pazienza la squadra di Luigi Soldi ha cominciato a macinare gioco già nella parte bassa della medesima ripresa e con alcune valide ben piazzate e una serie di errori (4) della squadra sarda, ha messo la freccia. Nella parte bassa del sesto inning un doppio in apertura di Laura Costa e 3 singoli di Giorgia Fumagalli, Alice Parisi ed Elisa Cecchetti, hanno spinto a casa i punti che hanno fissato l’8-1 finale.
In gara 2 sono 6 in totale le valide battute dal line-up  di casa, ma Bollate ha saputo anche pazientare e le 9 basi ball concesse da Anna Pirisinu, partente del Banco di Sardegna, poi rilevata da Fonseca per l’ultimo inning, hanno fatto la differenza.

Bella doppia affermazione per il Saronno a Legnano. Un derby che porta la firma di Alice Nicolini e Serena Boniardi che, combinando i lanci (5 riprese da partente e 2 da rilievo per entrambe), hanno tenuto a 6 valide totali in 2 partite il box di battuta legnanese. Di contro sono ben 15 le valide ottenute dalla squadra di Castro. In gara 1, dopo il vantaggio iniziale del Legnano firmato da un doppio (con punto battuto a casa) di Chiara Giudice, è stato un doppio di Alice Nicolini a pareggiare la situazione. Equilibrio fino al quinto quando, con una battuta in scelta difesa, Arianna Nicolini spinge a casa Nicole Motta. Sempre Arianna Nicolini, con un doppio a basi piene nella sesta ripresa, chiude il contro per il 6-1.
5-0, invece, termina la seconda partita che il Saronno sblocca al quarto con bunt di Valeria Bettinsoli ed errore difensivo sulla battuta di Sara Brugnoli. Le ragazzine terribili Alessandra Rotondo (singolo), Arianna Nicolini (singolo) e Susanna Soldi (doppio con punto battuto a casa), allungano al quinto e poi nell’ultimo attacco è Alice Nicolini con la propria prima valida della partita serale a mettere il sigillo per la vittoria contro Rebecca Chapman.

L’unico pareggio di giornata è quello tra Kampo Labadini Collecchio e Rheavendors Caronno, nel quale incidono molto le scelte tattico-strategiche dei manager. Marco Villani e Argenis Blanco, infatti, decidono di invertire di lanciatori e così l’americana del Collecchio, Morgan Foley, vince la sfida contro Bianca Messina (poi rilevata da Giulia Bollini e Roberta Colombo), mente la portoricana Karla Claudio si aggiudica il confronto con Natascia Ablondi (poi rilevata da Alessia Zavaroni). Nel 7-2 della prima partita sono decisive le prime 2 riprese nelle quali la squadra di casa segna 4 punti grazie a un singolo al centro di Alessia Zavaroni, al primo, e i doppi di Alessia Melegari e Elena Chiesa, al secondo, dopo che nel primo attacco il Caronno aveva lasciato sulle basi 2 corridori (singoli di Yuruby Alicart e Karla Claudio).
In gara 2 passa in vantaggio al terzo il Collecchio con un solo-homer interno di Logan Moreland; pareggia ed effettua il sorpasso al sesto, il Caronno, con doppio di Karla Claudio e singoli di Giulia Fiorentini e Beatrice Salvioni. Il 3-1 definitivo arriva al settimo con un lancio pazzo a basi piene.

RISULTATI, CLASSIFICA E STATISTICHE DEL GIRONE A

La trasferta romana delle campionesse d’Italia si apre con una vittoria di misura, nonostante l’ampio divario nel numero di valide ottenute, mentre nella seconda partita la squadra di Obletter chiude con una forbice molto più netta 9-2. In gara 1 apre Laura Vigna con singolo, rubata, avanzamento su singolo di Giulia Longhi e corsa a casa su volata di sacrificio di Lara Cecchetti. Pareggio della Pro Roma al quinto, con un solo-homer di Chelsea Ross, ma subito dopo, un altro fuoricampo da un punto, di Ambra Collina chiude il conto 2-1. Nella seconda partita, dopo che i manager avevano incrociato le lanciatrici (Fabrizi contro Ontiveros), è Chelsea Ross a salire in pedana per la squadra romana, contro Veronica Comar. La friulana del Bussolengo concede solo 3 valide, mentre il line-up batte un totale di 10 valide. Subito 3 punti alla prima ripresa con le valide di Vigna e Bortolomai, fanno capire che non è una partita uguale a quella del mattino. Alla fine lo Specchiasol batte ben 5 doppi (2 di Refrontolotto, uno ciascuna per Bortolomai, Vigna e Princic). Al quinto inning la Pro Roma prova a rientrare in partita con i singoli di Anna Di Luca e Maria Lacatena, ma segna solo 2 volte e il finale è scontato.

L’andamento delle partite è simile anche a Sesto Fiorentino, dove la Sestese ospita il Poderi Dal Nespoli Forlì che, con una doppietta, si mette all’inseguimento del Bussolengo, sebbene debba ancora fare i conti con le Thunders. 1-0 tiratissimo in gara 1, giocata in pedana da Monica Perry e Ilaria Cacciamani, sbloccata da un doppio di Andrea Montanari, lancio pazzo battuta in scelta difesa di Veronica Onofri.
Nella seconda partita 5 inning-no-hit per Matilde Zanotti contro Mara Papucci. Passa in vantaggio il Forlì al terzo: singolo di Martina Laghi, più errore difensivo, lancio pazzo e squeeze di Beatrice Ricchi. Poi, al quarto, un paio di errori della difesa della Pro Roma aprono la strada al big-inning della formazione romagnola che chiude una ripresa da 7 punti, partendo da un singolo svuota-basi di Martina Laghi. Finisce 8-1 dopo 6 riprese.

Non c’è confronto tra Metalco Thunders Castellana e Taurus Donati Gomme Parma. La formazione veneta vince la prima partita 4-1, con Carlotta Salis in pedana, contro Merlys Gonzales. Segna subito Sofia Cecchin, con un singolo in apertura, poi spinta a casa dalle giocate di Avanzi e Zonta. Poi l’allungo al secondo con i singoli di Accordi, Casetta e Sara Avanzi. Ancora un singolo di Accordi, che spinge a casa Zonta consente alla squadra di casa di segnare il quarto punto. Inutile tentativo di rimonta, che si ferma a una corsa a casa per le parmigiane, al sesto.
Nella seconda partita sono Desiree Ybarra e Carlotta Mori le lanciatrici partenti. Finisce dopo 5 riprese, 9-0 con una doppia corsa a casa nel primo inning grazie a un doppio di Claudia Zonta, un lancio pazzo e un errore difensivo e poi, dopo una fase centrale del match senza particolari emozioni, le Thunders segnano ben 7 punti al quinto, grazie a 3 valide, di cui un triplo a basi piene di Ybarra e 2 errori della squadra ducale.

RISULTATI, CLASSIFICA E STATISTICHE DEL GIRONE B