Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Sparks Haarlem, esultano per la semifinale vinta (Grega Valančič)

Sparks in finale, Forlì al recupero

È costretto a passare dalla semifinale di recupero, il Poderi Dal Nespoli  Forlì, per cercare di vincere la Coppa dei Campioni. Al termine di una lunghissima sfida contro le Sparks di Haarlem le romagnole escono sconfitte 5-4 ed è la terza partita persa della giornata per le squadre italiane (la seconda del Forlì).
Una battaglia persa che costringe le bianconere a una partita in più, contro lo Joudrs, per riconquistarsi la gara della rivincita contro le olandesi.

Forlì comincia mettendo immediatamente pressione sulla difesa olandese. Nonostante un’altra sconfitta è  una partita completamente diversa da quella che ha concluso il girone e che aveva decretato la prima sconfitta del torneo per la squadra di Calixto Soca Miyar. Jessica Moore inizia molto bene, ma non proseguirà nella stessa maniera, subendo 9 valide, per nulla aiutata da una difesa troppo fallosa (4 errori).

Carlotta Onofri, lead-off, è il primo out, ma il suo bunt mette comunque in apprensione la difesa delle Sparks. Lo stesso accade sulla battuta in ritardo di Elisa Grifagno: la sua velocità costringe l’interbase a un tiro difficile ed è salva. Capita più o meno la medesima cosa sulla battuta di Emily Vincent: le Sparks vanno per il doppio gioco ma Kinburn non tocca il cuscino e Grifagno è salva ancora, così come Vincent (scelta difesa) in prima. Con prima e seconda occupate e 1 out, Amber Parrish ottiene un contatto pulito ma la sua volata è troppo corta per mettere in difficoltà l’esterno centro, poi Montanari batte sul cuscino di seconda e il punteggio rimane sullo 0-0.

La seconda ripresa è più complicata per la Moore, che apre con una valida subita da Maxine Val Dalen e poi è colpita anche dalla mazza di Virgine Anneveld: su una indecisione dell’esterno sinistro Matilde Zanotti, Van Dalen e Anneveld avanzano e con la prima libera Kinburn batte la terza valida consecutiva che cosa il punto dello svantaggio 0-1. Sulla assistenza a casa di Montanari, Kinburn arriva fino alla seconda e lì rimane: la successiva battuta in diamante di Drajier, lo strike-out su Karin Tuk e un altro K su Washington (dopo una base ball a Van Der Zanden), risolvono la situazione con il danno più esiguo possibile.

E lo stesso accade nella ripresa successiva, dalla quale Moore esce facendo battere una facile rimbalzante sul terza base  Carlotta Onofri, con corridori agli angoli e 2 out, Jenny Kinburn. Una situazione complicata, nella quale il pitcher americano si era ritrovato anche a seguito del secondo errore della serata della difesa del Forlì.

Il pareggio, che arriva al terzo inning,  è tanto merito di Elisa Grifagno: con Elda Ghilardi (pinch runner dopo la valida al centro di Martina Laghi) in prima, batte una linea in ritardo sopra il guanto del terza base; la palla corre lungo la linea di foul fino alla fine del campo e va a infilarsi nell’angolino più lontano a sinistra; Ghilardi segna e per il seconda base della nazionale è un triplo con rbi. Il vantaggio arriva con Grifagno che dalla terza corre a casa su singolo al centro di Amber Parrish (altra linea potente dritta in direzione di Leonella Elizabeth, che  deve scansarsi per non esser colpita).

Il quarto inning verrà ricordato per una lunga sosta di 40 minuti a causa dello spegnimento di una serie di fari: al rientro Moore, con 2 lanci, riesce a chiudere la ripresa; nessun punto, da entrambe le parti.

Le Sparks tornano in vantaggio al quinto. Estremamente aggressive su ogni lancio e anche nella corsa sulle basi, arrivano in prima con Maikee Blaauwgeers (4 ball), valida di Anne Blaauwgeers e segnano il 2-2 con un doppio a sinistra di Van Dalen che cade esattamente sulla linea di foul. Con Anne Blaauwgeers e Van Dalen in seconda e terza, Anneveld è eliminata in diamante e poi, su strike a casa con Kinburn nel box, Anne Blaauwgeers e Van Dalen prendono abbondante vantaggio dai rispettivi cuscini e Forlì intenta una trappola per eliminare Anne Blaauwgeers tra terza e casa, ma un errore delle romagnole regala il momentaneo 3-2. Quarto e quinto punto per le Sparks sono frutto dei doppi di Chantal Versluis e Karin Tuk.

Il Poderi Dal Nespoli accorcia di nuovo le distanze nella parte bassa del sesto, cominciando da un doppio a sinistra di Amber Parrish, che poi avanza in terza su una rimbalzante in diamante di Andrea Montanari; il successivo battitore, Carlotta Zauli, lima una base ball tanto da costringere il manager olandese, Pete Van Dalen a rilevare Elizabeth con Scheele; il primo battitore, Jessica Moore batte valido al centro e Parrish va per il 3-5. Un lancio pazzo regala corridori in seconda e terza e 1 solo out, ma Ilaria Cacciamani non riesce a uscire dal diamante e Zauli è out a casa; con lo strike-out a Mattioli si ferma il tentativo di rimonta del Forlì, che poi va in difesa e ne esce indenne, nonostante un errore difensivo e un doppio (Kinburn), anche grazie a un doppio gioco difensivo di Andrea Montanari.

Ma Forlì ha sette vite e, nella parte bassa del settimo, con 2 out (linea al volo per Onofri, fly-ball in foul per Grifagno), Emily Vincent viene colpita, Amber Parrish batte valido a sinistra, Andrea Montanari al centro e spinge a casa Parrish; corridori agli angoli, un solo punto di vantaggio, il manager olandese è costretto a inserire l’esperta Rebecca Soumeru. Il turno di battuta di Carlotta Zauli è di quelli da combattente quale è l’esterno forlivese ma, dopo una texas che per poco termina in zona di foul, su chiude con una rimbalzante sulla terza per il terzo out.

IL TABELLINO DI FORLÌ-SPARKS

RISULTATI, CLASSIFICHE, STATISTICHE DELLA EUROPEAN PREMIERE CUP

Per la squadra romagnola, comunque, nulla è compromesso. Semplicemente il cammino si fa più lungo e dovrà passare dalla semifinale di recupero, in programma alle ore 12.00 di sabato 20 agosto, contro lo Joudrs Praga. Ci vincerà giocherà la finale, alle 17.00 contro le Sparks di Haarlem.

Tutte le partite che si giocano sul campo di Ronchi dei Legionari sono trasmesse in diretta streaming da Playo.tv.

GUARDA IL LIVE DELLA EUROPEAN PREMIERE CUP

da Ronchi dei Legionari, Michele Gallerani

73 20160819 la grinta di carlotta zauli forl grega valani
73 20160819 la grinta di carlotta zauli forl grega valani
74 20160819 martina laghi forl sulla corsa di maikee blaauwgeers grega valani
74 20160819 martina laghi forl sulla corsa di maikee blaauwgeers grega valani
75 20160819 elda ghilardi forl corsa a casa grega valani
75 20160819 elda ghilardi forl corsa a casa grega valani
76 20160819 elisa grifagno forl scivola in terza grega valani
76 20160819 elisa grifagno forl scivola in terza grega valani
77 20160819 amber parrish forl nel box grega valani
77 20160819 amber parrish forl nel box grega valani
78 20160819 elisa grifagno forl arriva in seconda grega valani
78 20160819 elisa grifagno forl arriva in seconda grega valani
79 20160819 jessica moore forl in pedana contro le sparks grega valani
79 20160819 jessica moore forl in pedana contro le sparks grega valani
80 20160819 elisa grifagno forl assistenza grega valani
80 20160819 elisa grifagno forl assistenza grega valani