Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Siviero out in terza durante Thunders Castellana-Collecchio (Fabio Cecchin)

ISL, Sestese: maratona con doppietta

Domenica 10 aprile si è completata la seconda giornata della Italian Softball League (ISL) con le sfide tra Sestese e Stars Tecnovap Staranzano (all'esordio) e Metalco Thunders Castellana e Labadini Collecchio. Due sfide molto equilibrate che si sono chiuse non senza sorprese: dopo una maratona di quasi 5 ore (in 2 partite), la Sestese ha conquistato una doppia vittoria contro lo Staranzano e issandosi al primo posto della graduatoria del girone B, insieme al Tecnolaser Europa Bologna, che sabato sera aveva ottenuto un pareggio a Bussolengo. A proposito di divisione della posta, hanno vinto una partita ciascuna Metalco Thunders Castellana, che così ha conquistato la prima affermazione in assoluto in ISL e il Labadini Collecchio. Nel frattempo, sabato sera, era arrivato l’esordio stagionale per Thermotechnick Bollate e Rhibo La Loggia, che le esperte formazioni candidate alla vittoria finale avevano trasformato in uno sweep, rispettivamente su Banco di Sardegna Nuoro e Rheavendors Caronno. Un opening game per 2 delle favorite della stagione che aveva ridimensionato parzialmente le ambizioni di tutte le altre squadre, nel senso che aveva decretato ufficialmente quanto sarà equilibrata la stagione 2016 della ISL. In entrambi i casi sono state sfide molto combattute. Così come combattute sono stati i confronti tra Old Parma Taurus e Legnano (all’esordio) e Specchiasol Bussolengo contro Tecnolaser Europa Blue Girls Bologna, terminati in pareggio e che, nel caso di quello di Bussolengo, ha decretato il primo posto solitario in classifica, nel girone B, della squadra bolognese.

TUTTI I RISULTATI DEL GIRONE A

TUTTI I RISULTATI DEL GIRONE B

Sestese-Staranzano
Gara 1, che i manager Nava e Pizzolini hanno affrontato con i pitcher italiani, Balloni da una parte e Cernecca dall'altra, è stata un lungo alternarsi di situazioni favorevoli e sfavorevoli, con sorpassi e controsorpassi, con una serie di errori difensivi, ma anche di battute molto efficaci. La partenza è marchiata a fuoco dalle Stars che si portano in vantaggio grazie a una sequenza di quattro valide (GasparottoBertossi e poi i doppi di CasettaCumero). La Sestese rimonta con 2 punti al secondo e 2 al quarto, battendo valido, ma sfruttando anche gli errori difensivi delle friulane. Ritorna in vantaggio lo Staranzano con un solo-homer di Marta Gasparotto (3 su 3 con 4 punti segnati) al quinto, pareggia subito la squadra di casa con un punto costruito mettendo in gioco la palla. Si prosegue così e la curiosità è che nei primi 2 inning supplementari segnano entrambe continuando a mantenere l'equilibrio: quando Staranzano va sopra di 1, la Sestese pareggia, quando Staranzano prova con un big-inning da 4, la squadra fiorentina rende la pariglia, fino al decimo quando Jasmine Bernardini, con una rimbalzante interna, batte a casa il punto della vittoria.

IL TABELLINO DI GARA 1

In gara 2 la battaglia delle lanciatrici straniere, Monica Perry e Anisley Lopez, fatta eccezione per un doppio di Chantal Versluis al primo inning, si protrae a suon di eliminazioni al piatto, fino alla quarta ripresa, quando la Sestese passa in vantaggio grazie a un triplo di Perry e un singolo di Margherita Ceccanti. Il raddoppio arrriva al sesto: segna Bernardini su bunt squeeze di Ilaria Di Giulio. Staranzano però non ci sta e pareggia al settimo quando Perry concede le uniche 2 valide della partita, fino a quel momento in no-hitConcina arriva salva per errore difensivo, Mariel Bertossi batte un doppio, e il successivo singolo di Francesca Casetta porta il punteggio sul 2-2. Nel tie-break per la formazione toscana decide una valida di Giulia Belli, che porta a casa (dalla terza) Martina Calosi e, con il 3-2 finale, la Sestese festeggia il prima in classifica.

IL TABELLINO DI GARA 2 

Castellana-Collecchio
Si batte tanto nella prima partita tra Metalco Thunders e Labadini (10 valide per ciascun attacco). Natascia Ablondi e Carlotta Salis (poi rilevata da Alessandra Accordi) sono i pitcher scelti da Longagnani e Morabito per il confronto di mezzogiorno. Le Thunders dopo 2 riprese si trovano in vantaggio 6-0, sfruttando l'imprecisione del pitcher emiliano che, subita Kylee Studioso in pedana a Castelfranco (Fabio Cecchin)una valida in apertura da Sofia Cecchin, riempie le basi con 2 basi ball e subisce il primo punto con un colpito. Giornata no e quindi cambio in pedana: entra Carlotta Mori; non cambia il ritmo e Collecchio subisce 4 punti. La rimonta si concretizza tra terzo e quarto inning, con i tripli di Carlotta Mori e Nicole Zerbini, il doppio di Kelsey Coleman e un totale di 7 valide in 2 riprese. Ma non basta, la formazione veneta si scatena di nuovo al quinto: segna 2 punti per pareggiare e, al settimo, segna il punto della vittoria grazie a un triplo di Alessandra Accordi e un singolo (rbi) di Gioia Favarotto.

IL TABELLINO DI GARA 1

Nella seconda partita torna in campo l'americana del Collecchio, Kylee Studioso, dopo l'esordio con perfect-game contro la Sestese. La statunitense si trova di fronte Carlotta Salis e subisce la propria prima valida stagionale per mano di Sofia Cecchin, singolo interno, che però non è sfruttato a dovere dalla squadra di Morabito. Collecchio non concede più nulla e, anzi, produce 2 punti per la vittoria: il primo al quinto (valida di Bellina, poi rubata e 2 lanci pazzi), il secondo al sesto (doppio di Fattori, lancio pazzo e poi volata di sacrificio di Studioso).

IL TABELLINO DI GARA 2

Bollate-Nuoro

Pur privo della lanciatrice americana, Leslie Jury, il Thermotechnick Bollate mette sotto il Banco di Sardegna Nuoro, grazie alla solita Greta Cecchetti, abile sia in pedana, sia in battuta che in gara 1 vince il confronto con Jolene Henderson; mentre nella seconda partita la vittoria è di Laura Bigatton (18 anni) contro la più esperta Mara Papucci.
Nella prima partita Henderson mette in mostra una notevole velocità, ma l’impressione è che la sua palla, soprattutto il rise, sia facilmente leggibile dalle mazze del bollate e il finale dice vittoria netta per la squadra di Luigi Soldi: 4-0. In vantaggio al primo attacco, grazie ai singoli di Lara Buila e Brianna McGovern, Bollate allunga al terzo: doppio di Lara Cecchetti (poi eliminata sullo squeeze di Lara Buila), a segnare sono Buila, Alice Parisi (doppio) e Brianna McGovern (singolo), grazie anche an un doppio di Greta Cecchetti.
Per 2 volte Nuoro lascia 2 corridori in base (al quarto, doppio di Ambra Collina e singolo di Henderson e al settimo, base balla Briana Hamilton e doppio di Linda Corbellini) ma non riesce mai a mettere in apprensione la difesa lombarda e il match termina senza patemi d’animo per Cecchetti.

IL TABELLINO DI GARA 1

Il Nuoro parte mettendo subito pressione a Laura Bigatton al primo inning e, alla ricerca del riscatto, segna il punto del vantaggio senza realizzare valide: 3 basi ball e un errore difensivo. Quella degli errori è una caratteristica peculiare si questa partita che si chiuderà con un totale di 6 (4 Bollate, 2 Nuoro). Al primo, il partente del Banco di Sardegna, Mara Papucci, chiude a zero, nonostante un errore difensivo, ma al secondo la squadra sarda va sotto: Bollate segna 3 punti, cominciando da un singolo di Greta Cecchetti, proseguendo grazie a un errore difensivo e concludendo con i singoli di Giorgia Perricelli e Lara Cecchetti. Al quinto il Nuoro passa in vantaggio grazie a una sequenza di ball concessi da Bigatton, una sola valida e ben 2 errori difensivi a basi piene: segnano Loredana Spada, Jolene Henderson e Briana Hamilton.
È un vantaggio effimero: Bollate torna avanti segnando altri 3 punti grazie ai doppi back-to-back di Lara Cecchetti e Lara Buila, coadiuvati dai singoli di Greta Cecchetti ed Elisa Rocchi. Il sesto inning porta in dote un punto per ciascuna squadra, mentre al settimo un solo-homer di Henderson mette paura al Bollate, ma la rimonta non si completa e la squadra di casa conquista il 7-6 finale.

IL TABELLINO DI GARA 2

La Loggia-Caronno
Sara Avanzi, La Loggia, segna il punto della vittoria in gara 1 (Cristiano Gatti/Oldmanagency)
Esordio con doppietta anche per il Rhibo La Loggia, in casa contro il Rheavendors Caronno. La formazione lombarda, dopo lo sweep all’esordio nel derby con Saronno, si deve arrendere alla maggiore esperienza della squadra di Maria Grazia Barberis, ma lo fa combattendo fino all’ultimo. La prima partita è quella della sfida tra Ellen Roberts e Karla Claudio e termina con un vantaggio minimo 2-1 al primo inning di tie-break. Vantaggio La Loggia al secondo grazie al doppio di Ellen Roberts e singolo di Alba Pizzorni. Pareggio Caronno al terzo: è Melany Sheldon che, con un singolo, batte a casa Diaz Patterson (salva su errore difensivo). Poi più nulla fino all’ottavo. Caronno spreca l’occasione riempiendo le basi, ma Giulia Marocchino è eliminata a casa. La Loggia invece la sfrutta: è Sara Avanzi a segnare il punto della vittoria su bunt valido di Ellen Roberts.

IL TABELLINO DI GARA 1

In gara 2 il confronto su chiude immediatamente, tanto che il Rheavendors è costretto a cambiare lanciatore dopo un solo out: Giullia Bollini (rilevata dalla mancina Roberta Colombo) subisce 3 punti, concedendo 5 valide (singoli di Laura Vigna, Sara Avanzi e Michela Musitelli e i doppi di Giulia Villirillo e Beatrice Ricchi). La partita è di fatto chiusa. Alice Ronchetti, poi rilevata da Elisa Brandino, tiene bene senza troppi patemi e mentre l’attacco continua a costruire, subisce un punto solo al quinto, agevolato anche da un errore difensivo. Finisce 5-1.

IL TABELLINO DI GARA 2

Parma-Legnano
Old Taurus
e Legnano dividono la posta. Le lombarde, con Silvia Durot in pedana in gara 1, infliggono la seconda stagionale al pitcher americano del Parma, Julia Morrow. Troppo fallosa la squadra di Armando Aguiar per poter competere con l’esperienza del Legnano che, guidato da Clare Warwick e Ilaria Pino, in campo dopo nemmeno 48 ore dal rientro dall’Australia, va subito in vantaggio e lascia le parmigiane all’inseguimento. Già nella prima ripresa sono 3 i punti delle biancorosse, con una sola valida e ben 2 errori della difesa del Parma. Al cambio campo con 3 valide (triplo di Nicole Gaita, singolo di Contini e singolo di Zavaroni) arriva un solo punto per la squadra di casa. Un altro big-inning del Legnano al quinto: singoli di Warwick, Frassine, Silvia Durot, Legnano in pedana (Giovanni Padovani-Oldmanagency)doppio di Rossini e triplo di Alberio mettono al sicuro la vittoria, nonostante al settimo la squadra di casa, ancora con le valide di Gaita (doppio) e Contini, provi (ma non vi riesca) a pareggiare finisce 6-5 per Legnano.

IL TABELLINO DI GARA 1

Nella seconda partita è l’Old Parma Taurus che si porta in vantaggio e costringe Legnano a un inseguimento che non si concretizza. Il primissimo vantaggio è del Legnano, con la premiata ditta Warwick-Pino, singolo più doppio. Il Parma ribalta subito: errore difensivo, base ball, singolo di contini e volata di sacrificio di Tagliavini ed entrano 2 punti. Altre 3 corse a casa, con 4 valide di Gaita, Contini, Morrow e Mancini arrivano al terzo e il Parma si mette nelle condizioni di provare a vincere. Alla fine chiude in vantaggio 5-4 perché il tentativo di rimonta della squadra lombarda si ferma a 3 punti segnati nell’ultimo attacco: Frassine e Rossini (doppio) suonano la carica, insieme ad Alberio, ma non basta.

IL TABELLINO DI GARA 2

Bussolengo-Bologna
L’unica gara del sabato del girone B decreta la seconda sconfitta stagionale della formazione campione d’Italia e regala alle Blue Girls il primato in classifica. Gara 1 è un assolo di Aimee Creger, il pitcher americano dello Specchiasol, che concede una sola valida in tutta la partita (al settimo, a risultato acquisito, a Giulia Mattioli), chiudendo con 17 strike-out, mentre l’attacco batte 8 valide contro Beatrice Del Rio, partendo da triplo di Kelly Sheldon, singolo di Fabrizia Marrone e singolo di Giulia Longhi già alla prima ripresa, per i primi 2 punti. Altre 2 corse a casa arrivano al secondo: singolo di Simona Liberatore, singolo di Sheldon e triplo di Marrone. Il finale dice 5-1 con il quinto punto segnato al sesto grazie ai singoli di Refrontolotto e Liberatore.

IL TABELLINO DI GARA 1

In gara 2 Bologna, che aveva deciso per la tattica di incrociare i lanciatori, propone Yumey Vega contro Serena Boniardi. È un match avaro di valide che le Blue Girls vincono di misura 1-0, segnando al quinto con un solo-homer di Chiara Mengoli, unico lancio forse sbagliato, in tutta la serata, da parte di Boniardi.

IL TABELLINO DI GARA 2