Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Simona Nava, manager della nazionale Under 16, durante una visita

Il Friul ’81 vince il “Macerata Social Softball”

Si è giocata nel week-end di Pasqua la seconda edizione del Torneo Macerata Social Softball. Una manifestazione di livello nazionale, riservata alle formazioni Under 21, con una unica eccezione: la Nazionale Under 16 (Cadette). Una selezione sperimentale, visto che nel 2016 non ci sono manifestazioni ufficiali dedicate Simona Nava all'Europeo Cadette 2015 (Alessandro Princic)a questa categoria: “una squadra proiettata nel futuro”, dice il manager Simona Nava.

La vittoria è stata conquistata dal Friul ’81, squadra esperta e ricca di elementi di spicco della squadra di ISL delle Stars Staranzano, nonché delle nazionali (Gasparotto, Bertossi, Cernecca). La squadra era infatti costituita da un gruppo di giovani atlete provenienti da entrambi i club. In finale la squadra friulana ha regolato lo Specchiasol Bussolengo, altra squadra di alto livello tecnico, vista la presenza di atlete come Serena Boniardi (premiata come miglior lanciatore) o le campionesse d’Europa Cadetta, Elisa Princic ed Elisa De Trombetti.

A proposito della Nazionale Cadette, per le giovanissime (Simona Nava nella selezione è partita dall’annata 2001) azzurrine è stata una esperienza molto interessante, certamente istruttiva e migliorativa: “Sono soddisfatta”, ha detto il manager “abbiamo giocato alcune partite alla pari con squadre ben più esperte e questo, in prospettiva, sarà molto utile. È chiaro che queste ragazze dovranno fare esperienza nei rispettivi campionati; tra un anno, magari, essendo più mature, non commetteranno più certi errori, ma il gruppo sul quale lavorare c’è e sono fiduciosa. Il prossimo appuntamento estivo a Saronno ci darà nuovi ulteriori indizi sul lavoro da fare”.