Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Staranzano infligge la prima sconfitta stagionale al Bollate. Perfect Game per Blaire Luna del Forlì

Il primo stop stagionale del Thermotechnick Bollate arriva sul campo delle Stars Tecnovap Staranzano. Qualche settimana fa, Greta Cecchetti, miglior pitcher di scuola italiana del campionato, lo aveva detto “chi vorrà giocare per vincere, quest’anno, dovrà fare i conti con Staranzano” e alla fine aveva ragione lei. Sebbene il suo compito, vincendo gara 1, lo abbia portato a termine, nella seconda partita giocata a Ronchi dei Legionari, il Bollate ha dovuto cedere il passo, perdendo 1-0, senza realizzare valide, se non un inutile singolo all’ultima ripresa. Ora la graduatoria del gruppo A non cambia, visto anche il pareggio del Rhibo La Loggia a Rovigo. Cambia invece la fisionomia del gruppo B, nel quale a comandare è il Fiorini Forlì che, con una sola sconfitta, ora ha 2 partite di vantaggio sullo Specchiasol Bussolengo, regolato con uno sweep.

Staranzano-Bollate

Nella prima partita il Thermotechnick Bollate non concede alcunché, se on una sola velleitaria valida, mentre sfrutta al massimo ogni occasione lasciata dalle Stars Tecnovap Staranzano, costruendo la settima vittoria stagionale per Greta Cecchetti che ottiene ben 17 strike-out su sette riprese.

1-0 al primo McKenzi Corn guadagna 4 ball, poi arriva in seconda su sacrificio di Leonesio, in terza sul lancio pazzo e corre a casa su singolo di Alice Parisi;
2-0 al terzo: ancora McKenzi Corn, segna sempre su valida di Alice Parisi, ma questa volta era arrivata in prima grazie a un singolo, in seconda su lancio pazzo e in terza su eliminazione in diamante di Leonesio;
3-0 definitivo al sesto: colpita Melany Sheldon, che va in seconda su palla mancata e  a casa sul singolo di Greta Cecchetti.

IL TABELLINO DI GARA 1

Si ribalta completamente il cliché  nella seconda partita, quella nella quale la palla è affidata alle lanciatrici straniere. Dominante è Anisley Lopez, la cubana dello Staranzano che rimane praticamente in perfect-game fino al primo battitore dell’ultima ripresa, poi subisce una valida dalla “solita” McKenzi Corn e non riesce ad aggiungere alla festa della vittoria 1-0, con 11 eliminazioni al piatto, anche quella di una gara senza corridori in base e senza sbavature. Poco male, quello che conta per la squadra di Malusà e Bison è essere riusciti a fermare la marcia, che sembrava inarrestabile, delle ragazze di Luigi Soldi, che comunque rimangono in vetta alla classifica con 2 partite di vantaggio su La Loggia e 4 proprio su Staranzano.
Il punto della vittoria della formazione goriziana arriva al sesto inning: un triplo con zero out di Francesca Concina fa be sperare, ma sulla successiva battuta in diamante di Masa Kusar, Melany Sheldon assiste a Elisa Cecchetti e Concina è out a casa; tutto da rifare. Ellen Roberts regala la base ball a Marta Gasparotto e Kusar avanza in seconda, poi un singolo al centro di Federica Bon le consente di correre a casa e segnare l-1-0. Al cambio campo, come detto, Bollate realizza la prima valida, ma poi Lara Buila è out per regola, Corn è colta rubando e Alice Parisi out al volo.

IL TABELLINO DI GARA 2

Rovigo-La Loggia

Importante scalpo per la neo-promossa Rovigo sulle campionesse d’Italia del Rhibo La Loggia che, prive di Femke Van Dusschotten, dopo aver vinto in rimonta gara 1, lasciano la seconda partita, addirittura al sesto inning. Ma più che per colpa della pedana, sulla quale hanno esordito le giovanissime Chiara Biasi e Michela Corazza, quello che non ha funzionato è stato il box: in gara 2 solo 3 valide; troppo poche per il miglior attacco (fino a questo momento) del campionato.

Primo match iniziato in vantaggio (seconda ripresa) dal Rhibo grazie a un singolo di Beatrice Ricchi e a un errore difensivo sul bunt di Arianna Dall’ò. Rovigo è in partita e, al terzo, con un singolo di Sara Temporin, un base ball concessa da Alice Ronchetti e una scelta difesa, riempie le basi: i due punti del sorpasso arrivano grazie a un lancio pazzo e a una palla mancata. Vantaggio minimo, partita comunque equilibrata.
Al sesto sembra arrivare il colpo del knock-out da parte della formazione più esperta. Il Rhibo infatti mette in fila cinque valide (di cui un doppio di Ricchi), e con l’aiuto di ben 3 errori della formazione di casa segna 5 punti che potrebbero far pensare a una partita chiusa e messa in cassaforte. Alla fine sarà così, per il risultato dice 6-5 per le torinesi, ma con un’altra palla mancata a basi piene e un singolo da 2 rbi di Daria Boldrin le padrone di casa lottano fino alla fine.

IL TABELLINO DI GARA 1

Una rimonta non completata che dà comunque fiducia alla formazione veneta, che nella seconda partita si prende la rivincita. Nonostante il vantaggio iniziale della squadra ospite, costruito grazie a una base ball  guadagnata da Amanda Fama (palla mancata, rubata ed errore difensivo su volata di Giulia Villirillo per il triplo avanzamento) e a una volata di sacrificio di Beatrice Ricchi.
Rovigo pareggia alla seconda ripresa: base ball per Marta Pasqualini, singolo di Roberta Boldrin, singolo di Angela Albi e battuta in diamante per Daria Boldrin. Il vantaggio dura poco: al terzo la temuta ex, Sara Avanzi, segna su una battuta in diamante di Patrice Jackson, dopo essere arrivata fino alla terza grazie a 2 basi ball consecutive concesse da Sara Temporin e una valida di Ricchi. Da quel momento luce spenta, mentre il Rovigo comincia a prendere fiducia, infilando una sequenza che le giovani Biasi e Corazza in pedana non riescono ad arginare. Al quarto: doppio di Pasqualini e tre singoli (Roberta Boldrin, Sara Temporin e Ilaria Avanzi) per 3 punti; al quinto: 2 basi ball, un errore difensivo e un altro doppio di Pasqualini, con singolo di Roberta Boldrin, producono altre 3 punti. Al sesto poi la formazione di casa chiude i conti, vincendo 10-3, grazie ad altre 3 valide (doppio di Sara Monari, singoli di Roberta Boldrin e Angela Albi), ma anche 2 basi ball e una palla mancata.

IL TABELLINO DI GARA 2

Nuoro-Legnano

A Nuoro prosegue la striscia positiva del Legnano che infila una bella doppietta e incrementando il proprio sull’ultimo posto e proprio sul Banco di Sardegna che, a questo punto, si trova da solo all’ultimo posto, dopo che anche il Rovigo è riuscito sa strappare una partita al Rhibo La Loggia.Il fuoricampo di Francesca Rossini, Legnano (Claudio Atzori/Oldmanagency)

La prima partita si chiude addirittura dopo sole 4 riprese, con il netto punteggio di 15-5, frutto di una prestazione di alto livello nel box di battuta per le biancorosse lombarde.
Si parte già al primo inning con 2 fuoricampo (entrambi da 2 punti) di Clare Warwick e Francesca Rossini e poi si prosegue, dopo una terza ripresa da due punti per il Banco di Sardegna (doppio di Maibelis Iglesias e volata di sacrificio di Loredana Spada), con un quarto inning da ben 11 punti: 6 valide, di cui un doppio di Clare Warwick, 3 basi ball, 4 errori difensivi e un lancio pazzo. Impossibile per le sarde reagire a una “mazzata” del genere.

IL TABELLINO DI GARA 1

Grande equilibrio in gara 2, per la quale si è reso necessario il tie-break. Legnano segna 3 punti all’ottavo, che dal 4-4 portano al 7-4 finale e porta a casa la seconda doppietta consecutiva, agganciando il Rheavendors Caronno (in questo turno a riposo) in classifica.

IL TABELLINO DI GARA 2

RISULTATI, CLASSIFICA E STATISTICHE DEL GRUPPO A

Nel gruppo B il Fiorini Forlì si porta da solo al comando, dopo aver completato lo sweep sullo Specchiasol Bussolengo. La formazione di Calixto Soca Miyar sembra, in questo momento della stagione, avere qualcosa in più e, al di là del fatto che nella partita serale, coincisa con la “partita perfetta” di Blaire Luna, il Bussolengo non abbia potuto schierare l’americana Sarah Purvis, anche nella gara delle “italiane” il divario tra romagnole e venete è apparso netto.

In gara 1 il confronto tra due pitcher under 21, Ilaria Cacciamani e Serena Boniadi è vinto dalla prima, grazie a una prestazione da sole 5 valide, con un punto concesso e 11 K; di contro né Boniardi, né il suo rilievo Alice Parpajola hanno ottenuto eliminazioni al piatto.
3 punti al terzo e 3 punti al quarto per chiudere il match a favore del Fiorini. Nella terza ripresa: triplo di Miriana Cerioni, per spingere a casa il primo punto di Elisa Grifagno (in prima su valida); singolo di Andrea Montanari, per il punto di Cerioni e singolo di Martina Laghi per far correre a casa Montanari. Blaire Luna in pedana Alla quarta: con Matilde Zanotti e Cerioni in base grazie a 2 valide, è il fuoricampo interno di Montanari a portare il parziale sul 6-0. Il punto della bandiera è un solo-homer di Priscilla Brandi al sesto.

IL TABELLINO DI GARA 1

La perfect-game solo sfiorata a Ronchi dei Legionari si concretizza a Forlì, dove Blaire Luna, il pitcher statunitense del Fiorini mette in fila 15 eliminazioni consecutive, delle quali 11 al piatto, e regala la vittoria prima del limite regolare delle sette riprese alla squadra romagnola: 7-0.
I punti arrivano con costanza, in ognuna delle riprese d’attacco. Al primo: triplo di Andrea Montanari che spinge a casa Miriana Cerioni e poi segna su errore di tiro di Brandi. Al secondo: un singolo a basi piene di Elisa Grifagno spinge a casa Federica Gianferro, ma poi il Fiorini non è capace di incrementare e lascia 3 corridori in base. Al terzo: solo-homer  di Ilaria Cacciamani e poi un singolo di Veronica Onofri e un errore difensivo consentono a Gianferro di correre a casa. Infine al quarto: productive-out di Kate Bedwell e valida di Martina Laghi per i punti di Carlotta Onofri e Miriana Cerioni.

IL TABELLINO DI GARA 2

RISULTATI, CLASSIFICA E STATISTICHE DEL GRUPPO B

LIVE PLAY BY PLAY DI LABADINI COLLECCHIO vs BLUE GIRLS BOLOGNA

Nella foto di copertina, un rientro in prima di Melany Sheldon durante la sfida tra Thermotechnick Bollate e Stars Tecnovap Staranzano (Dalila Spinello/Oldmanagency)