Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Serie A2 softball: Thunders Castellana unica squadra imbattuta

Nel girone A si è giocato solo su un campo, poiché il maltempo ha costretto al rinvio Malnate-Crocetta Parma.
A Rescaldina il Saronno ha inflitto una pesante sconfitta (14-3 al sesto inning) alle padrone di casa, che hanno subito ben 10 valide nelle ultime due riprese.
Le Bulls si sono riscattate in gara 2 dove hanno prevalso per 5-3 contenendo la rimonta delle avversarie nell’ultima frazione.

Nel girone B il Thunders Castellana consolida il primato in classifica senza sconfitte, con due affermazioni che non ammettono repliche a Padova, 15-0 e 11-1 i parziali (fuoricampo di Peressin).
Vittorie nette anche per il Dolomiti Bolzano, corsaro a Villazzano con i parziali di 11-1 e 12-3, mentre l’unico “pareggio” si registra a Verona tra Dynos e Friul’81.
La squadra ospite prevale in gara 1 per 10-3 grazie a 15 valide di cui ben 4 tripli, le veronesi invece vincono di misura (7-6) il secondo incontro, ribaltando il risultato nel finale grazie alle valide di Dallariva, Munini e Palagiano.

Nel girone C l’Atoms Chieti conquista la vetta con due vittorie in trasferta sul campo di Macerata, senza storia il primo incontro che termina per 16-1 al quinto inning, più sofferto il secondo che vede le abruzzesi prevalere solo all’ottava ripresa (7-4), quando segnano 4 punti grazie alla valide di Salvi e Capitanio, scavando un solco che il Macerata non riesce a colmare.
Termina con una vittoria per parte la sfida tra Monnalisa Arezzo e Unione Fermana, le marchigiane si aggiudicano per 5-4 una prima partita condizionata da parecchi errori difensivi, Luana Luconi chiude comunque l’ultimo inning con due strike out legittimando la vittoria.
L’Arezzo invece si sfoga in gara 2 dove concretizza meglio le 13 valide colpite, contro le 11 delle avversarie che pagano a loro volta gli errori in difesa, e chiude con il risultato di 8-3.