Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Bollate si aggiudica il big-match contro il Rhibo La Loggia e rimane solo al comando

Alla fine della battaglia è il Thermotechnick Bollate ad avere la meglio sul Rhibo La Loggia: doppietta 5-2 e 6-3. Un “cappotto” che vale il primato in solitaria e che alle piemontesi costa il secondo posto della graduatoria del girone A che ora, dopo la doppia vittoria sul Banco di Sardegna Nuoro (9-8 e 3-0), è delle Stars Tecnovap Staranzano. Altra doppietta che per il Rheavendors Caronno che, nel derby giocato a Legnano, vince 11-5 e 2-1. Il girone B scende in campo domenica 26 aprile, a Parma (Taurus Old Parma-Energetic Sestese) e a Pianoro (Blue Girls Bologna-Specchiasol  Bussolengo): gara 1 di entrambi i confronti inizierà alle 11.

IL PROGRAMMA DELLA QUARTA DI ANDATA DEL GIRONE B

LIVE E PLAY BY PLAY

Bollate-La Loggia

Se non fosse riduttivo per il resto della squadra si potrebbe dire che Amanda Fama non riesce a reggere l’impatto del Thermotechnick Bollate e deve capitolare due volte. In effetti non è così semplice, anche perché il Rhibo La Loggia, che arrivava al big-match della quarta di andata imbattuto, tanto quanto il suo avversario, ha combattuto e lottato con tutta la squadra, tenendo le partite comunque aperte. Ma in questo avvio di stagione l’apporto della americana è veramente straordinario. Una media battuta elevatissima, oltre .700, ma soprattutto che per lei sia un gioco del luna park quello di realizzare fuoricampo. Capita così che entrambe le partite iniziano con un solo-homer da lead-off di Fama (e siamo a quota 5 in stagione), non sufficienti però a piegare la resistenza prima di Greta Cecchetti, poi di Ellen Roberts e il Bollate conquista due vittorie.

In gara uno succede tutto e subito. Confronto tra le lanciatrici italiane, Greta Cecchetti per Bollate e Alice Ronchetti per La Loggia. Il Rhibo, o meglio Amanda Fama ricomincia da dove aveva terminato nelle partite contro Legnano della settimana scorsa e, pronti-via, ottiene un fuoricampo da un punto come lead-off, al primo inning. Colpita nell’orgoglio Cecchetti concede una base ball a Sara Avanzi, che poi corre in seconda su singolo di Beatrice Ricchi e cerca di segnare (ma è out a casa) sul bunt di sacrificio di Giulia Villirillo. La Loggia lascia un corridore in base e a quel punto Bollate vuole la vendetta immediata. Singolo di McKenzie Corn, errore difensivo su bunt  di Lara Buila e, dopo una eliminazione in zona di foul di Alice Parisi, singolo di Laura Costa, che batte a casa il primo punto (Corn); una volata di sacrificio di Ellen Roberts permette anche a Buila (2-1) di correre a casa.
Al secondo inning allungo della squadra di casa: segnano Linda Leonesio (base ball) su singolo di Corn e balk di Rochetti e la stessa australiana grazie a un doppio di Buila.
Nella terza ripresa il Rhibo prova a tornare sotto: Fama è colpita, poi ruba la seconda e arriva in terza su errore di tiro di Elisa Cecchetti; il punto lo segna grazie alla volata di Avanzi. Ma, mentre in pedana, Greta Cecchetti comincia a macinare strike-out (10) e La Loggia non colpisce più, nel box con un singolo la lanciatrice bollatese, poi sostituita a correre da Margherita Radice, dà il via alla produzione del 5-2 finale, che arriva grazi e a un singolo a destra di Corn.

IL TABELLINO DI GARA 1             

Come detto il copione del primo inning è ormai sempre lo stesso. Neanche il tempo di cominciare che è già 1-0 Rhibo, grazie al fuoricampo di Amanda Fama. Anche in questo caso, però non basta. Bollate ricomincia a macinare e pareggia subito con un singolo di McKenzie Corn che poi avanza su sacrificio di Buila, ruba la terza e corre a casa su errore di Sara Avanzi che cercava di eliminarla proprio in terza.
Al secondo Bollate passa in vantaggio con Giorgia Fumagalli che spinge a casa Giulia Meli (pinch-run per Ellen Roberts, autrice a sua volta di un singolo).
Pareggio Rhibo al quarto: doppio di Beatrice Ricchi e singolo di Alba Pizzorni. Al quinto però la svolta della partita: Bollate si porta sul 5-2  grazie a un doppio di Ellen Roberts che “sparecchia” le basi piene. Ulteriore piccolo allungo al sesto. Questa volta segna Laura Bigatton che è spinta a casa da una volata di sacrificio di McKenzie Corn, dopo aver battuto un triplo. Fin qui si potrebbe parlare di una Femke Van Dusschoten in calo, rispetto alle prime uscite di stagione. Invece il pitcher olandese chiuderà la partita con sole 7 valide concesse (2 in meno rispetto a Ellen Roberts) e 10 strike-out. La differenza l’hanno fatta anche gli errori (4) e i rimasti in base (5). Il finale, dopo che al settimo Giorgia Necco segna su valida di Sara Avanzi, dice 6-3 e ultimo out a casa con Amanda Fama intrappolata da un  bel gioco Elisa Cecchetti-Sheldon-Elisa Cecchetti.

IL TABELLINO DI GARA 2

Staranzano-Nuoro

All’inseguimento del Bollate ora ci sono le Stars Tecnovap Staranzano che, seppur faticando, riescono a vincere entrambi gli incontri casalinghi contro il Banco di Sardegna Nuoro. La prima è una vittoria in rimonta 9-8, dopo aver subito un primo inning tremendo, con i piani tattici scombussolati dal brutto avvio del pitcher partente, Teresa Cernecca che, concedendo una sola valida in 0.0 riprese lanciate, ha subito 3 dei 4 punti iniziali, complici anche un lancio pazzo, una palla mancata e un errore.
Un fuoricampo da un punto di Marta Gasparotto aveva fatto sperare nell’inizio della rimonta, ma Marta Gasparotto, festeggiata dopo il fuoricampo (Dalila Spinello/Oldmanagency)Staranzano, a un certo punto si è trovato sotto 6-1, con un altro errore difensivo, un doppio di Merlys Gonzalez e una volta di Federica Zicconi. Due punti al terzo, altri due al quinto, ma soprattutto 4 nella sesta ripresa, con un doppio a basi piene di Francesca Casetta, hanno spostato l’inerzia del match verso il, dug-out friulano, sebbene Maibellis Iglesias, all’ultimo attacco, abbia provato a rimettere tutto in discussione con un fuoricampo da due punti, senza però essere seguite da Ambra Collina e Merlys Gonzalez, messe entrambe al piatto dal lanciatore vincente, Serena Filiput.

IL TABELLINO DI GARA 1

Nella sfida della sera è duello cubano in pedana. Uno spettacolo veder lanciare sia Merlys Gonzalez, sia soprattutto Anisley Lopez, che chiude con 18 strike-out e una sola valida concessa, proprio all’altra cubana, Maibellis Iglesias, nel settimo attacco, quando ormai il quadro è dipinto. Il 3-0 finale matura con due punti al primo inning: singolo di Francesca Concina, bunt valido di Masa Kusar e Concina che corre fino a casa su errore difensivo e poi productive out per Stefania Franco che permette anche a Kusar di segnare; un punto al quarto: doppio a sinistra di Marta Gasparotto che poi arriva in seconda su bunt di sacrificio di Franco che costringe ancora la difesa nuorese a un errore, consentendo la corsa di Gasparotto fino a casa. Il resto è tutt’altro che noia, ma una straordinaria prestazione delle lanciatrici.

IL TABELLINO DI GARA 2

Legnano-Caronno

Cambia l’ordine  di apparizione dei lanciatori del Legnano, ma non il risultato finale. A questo “giro” il manager biancorosso decide di far giocare alla giovane Alessia Buscaglia la prima partita, contro Giulia Bollini per tenere Silvia Durot a sfidare Johana Gomez. Il finale dice doppietta (11-5 e 2-1) in favore del Rheavendors Caronno.
Prima partita sostanzialmente senza storia, nella quale il Caronno batte ben 13 valide, equamente divise un po’ su tutto il line-up e segna con costante continuità (solo due riprese a secco). L’ultima a “mollare” per il Legnano è Ilaria Pino che, sotto 10-4, al sesto ha cercato di suonare la carica con un solo-homer da lead-off, ma troppo poco per evitare la sconfitta.

IL TABELLINO DI GARA 1

Sconfitta che arriva anche in gara due, molto più chiusa ed equilibrata. Legnano passa in vantaggio alla prima ripresa: singolo di Clare Warwick e doppio di Francesca Rossini. L’1-0 rimane fino al quarto inning, quando Elisa Oddonini apre con un singolo e una rubata; singolo anche di Beatrice Salvioni e base intenzionale a Johana Gomez; a basi piene un singolo di Giulia Fiorentini porta a casa i due punti del sorpasso. Il risultato non cambia con Legnano che si rammarica perché al sesto lascia due corridori in posizione punto (Pino e Buscaglia), con Frassine ed Esposito eliminate al piatto.

IL TABELLINO DI GARA 2

RISULTATI, CLASSIFICA E STATISTICHE DEL GIRONE A

Nella foto di copertina: la spaccata di Ambra Collina, Banco di Sardegna Nuoro, per eliminare Masa Kusar, Stars Tecnovap Staranzano (Dalila Spinello/Oldmanagency)