Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

La Loggia e Forlì all’assalto delle Coppe Europee

Ultima intensa settimana per il softball italiano che conclude il suo calendario con la disputa della Coppa dei Campioni (a Montegranaro) e la Coppa delle Coppe (a Porpetto e Ronchi dei Legionari).
In entrambi i casi c’è una squadra italiana impegnate e, chissà, anche proiettata verso la vittoria finale. Il Rhibo La Loggia nella Coppa dei Campioni e il Fiorini Forlì nella Coppa delle Coppe, infatti, hanno allestito delle formazioni molto competitive, chiaramente intenzionate ad arrivare fino in fondo.

 

COPPA DEI CAMPIONI - Il Rhibo La Loggia, da due stagioni campione d’Italia, partecipa per la prima volta alla massima competizione europea, la Coppa dei Campioni, dalla ESF (European Softball Federation) definita European Premiere Cup Women, che si disputerà grazie all’organizzazione dell’Unione Fermana Softball, società che dal 2009 milita in ISL  e che già lo scorso anno organizzò la Coppa delle Coppe  vinta dalle olandesi del Terrasvogels.
Si giocherà anche quest’anno a Montegranaro, dove sono stati perfettamente preparati due campi sui quali si daranno battaglia 9 squadre:  Royal Greys di Merksem (Belgio), Wesseling (Germania), Terrasvogels di Haarlem(Olanda), Joudrs Praga (Repubblica Ceca), Carrousel Tuchkovo (Russia), Nika Lugansk (Ucraina), Leksand (Svezia), il Rhibo La Loggia, appunto, e infine le Eagles Praga (Repubblica Ceca) detentrici del trofeo, vinto un anno fa sul terreno di casa.

Come ormai da qualche anno, il regolamento prevede che ogni squadra possa rinforzarsi con l’inserimento nel roster di elementi non necessariamente utilizzati durante la stagione: le cosiddette pick-up players(vengono considerate pick-up players anche giocatrici che abbiano giocato nei rispettivi campionati di appartenenza con la stessa squadra, ma che abbiano un passaporto extracomunitario). Nel caso del Rhibo le 3 pedine “in più” sono Lindsey Beisser, lanciatirce americana che già ha contribuito alla vittoria dello scudetto nello scorso mese di luglio, Amanda Famautility già a roster e Greta Cecchettipitcher della nazionale italiana e del Bollate, che rappresenta certamente un punto di forza in più per la formazione torinese: “Io sento di poter dare la mia esperienza alla squadra. Di sicuro abbiamo fatto un gran lavoro in queste settimane di preparazione, poi bisognerà vedere quale sarà l’apporto delle pick-up anche nelle altre squadre”, ha detto Cecchetti parlando del suo ingresso nella formazione piemontese. “Quello che succederà non lo so, ma sono certa che il gruppo sia molto forte”. Le fa eco il manager, Maria Grazia Barberis: “Questa è una squadra già molto competitiva e unita, la dimostrazione sono i due scudetti di fila che siamo riuscite a vincere. A maggior ragione, ora, con l’innesto di Greta, abbiamo notevoli margini di miglioramento. Avere quattro lanciatrici (ndr Cecchetti, appunto, BeisserBrandino e Turazzi, che come per le finali scudetto, è volata dal Canada per questo importante evento) ci dà grandi possibilità di rotazione e di sicuro è un’arma in più. Il nostro obiettivo è di entrare nelle prime quattro, poi nelle semifinali (ndr che si giocheranno con il page system) tutto potrà accadere, ma noi cercheremo di essere lì a raccogliere ogni occasione si presenti”.

La formula del torneo prevede la disputa di un girone all’italianada lunedì 1° settembre a venerdì 5, quando si disputeranno le semifinali: prima contro seconda e terza contro quarta. Chi vincerà la prima semifinale andrà direttamente in finale, mentre la perdente della prima semifinale affronterà la vincente della seconda per accedere alla finale.
Esordio per il Rhibo La Loggia sul campo 2, alle 14.30 di lunedì, contro le svedesi del Leksand.

SCARICA IL CALENDARIO DELLA MANIFESTAZIONE

L’impegno delle atlete italiane per quel che riguarda la Coppa dei Campioni, però, non si ferma qui. Ci sono infatti alcune nostre giocatrici che saranno impegnate come pick-up players nelle squadre straniere : Giulia Longhi, interno del Caserta e della Nazionale, giocherà con le detentrici del titolo dell’Eagles PragaMarta Gasparotto, utility dello Staranzano e vice campione europea con la Nazionale Under 19, sarà nel roster del Nika Lugansk e Priscilla Brandi, prima base del Bussolengo e della Nazionale, giocherà con Royal Greys Merksem.

I ROSTER E IL SITO UFFICIALE DELLA MANIFESTAZIONE SUL QUALE SEGUIRE IL PLAY-BY-PLAY



COPPA DELLE COPPE – A Porpetto (campo principale) e Ronchi dei Legionari, invece, si gioca la competizione riservata alle squadre che abbiano conquistato la Coppa Nazionale. Forse l’appuntamento più  importante della stagione per il Fiorini Forlì, che torna in Europa dopo soli due anni di assenza. Si tratta della ventitreesima edizione della Coppa delle Coppe, che Forlì ha vinto in quattro occasioni: 2000200520062011.

Inizialmente sembrava dovessero essere 18 le squadre e ESF aveva rinunciato alla canonica divisione in due poule di merito, per mandare invece in scena una manifestazione letteralmente unica.
Problemi a volte seri, a volte drammatici, hanno ridotto le partecipanti a 12; nelle settimane precedenti si sono dovute man mano ritirare le rappresentanti di Ucraina SlovacchiaCroaziaGreciaAustria  e  Svezia .
Le superstiti sono il Fiorini,  ovviamente, le favoritissime Haarlem Sparks (in pratica, la nazionale olandese), le lionesi del Meyzieu, le belghe di Brasschaat, il Chemie Kotlarka Praga, le svizzere dell’Eagles  Lucerna, le Angels Blagoevgrad dalla Bulgaria, le polacche dell'UKS Wroclaw , le tedesche Neunkirchen Nightmares, le Stenlose Bulls dalla Danimarca, le spagnole o meglio catalane del Sant Boi, e le giovani promesse russe del Kalita Odinstvo.

La formula ufficiale adottata prevede quattro gironi da 3 formazioni ognuno, le prime due vanno a giocare una seconda fase con due gironi da 4 squadre, segue un round robin a sei compagini e si finisce con il classico page system a quattro, con semifinali, finalina di ripescaggio e finale.
È comunque un torneo estenuante, calcolando che chi arriverà in fondo alla competizione giocherà da 10 a 12 partite in sei giorni.
Il Fiorini avrà una partenza apparentemente facile, contro polacche e svizzere; ma già al secondo turno se la vedrà con le Sparks, e - seguendo i pronostici - danesi e russe.

da sinistra Ariel Tsuchiyama, Luna Blaire e Kateleyn Bedwell

Rispetto al campionato italiano, il Fiorini accusa un brutto colpo con la perdita di Lauren Gellerman; come pari ruolo di Gellerman arriva Ariel Tsuchiyama, classe ’91 ricevitore e  battitore mancino  proveniente da  California  State  University  at  Fullerton.
Il secondo dei pick-up players della squadra romagnola è Luna Blaire, proveniente dalle Texas Longhorns, 24 anni, tre volte All-American, finalista NCAA nel 2013.
La terza novità viene dal Canada, ed è Katelyn Bedwell, nata nel 1992 a Vancouver, si tratta di un interno, battitore potente con grandi mezzi fisici.

“Un terzetto che ci migliora tantissimo”, ha detto il manager Calixto Soca Miyar, alla vigilia “sono giocatrici di altissimo livello e facciamo molto affidamento su di loro; in più la nostra squadra è già ottimamente preparata e, complice la finale di Coppa Italia e i campionati internazionali (Europeo U19 e Mondiale Seniores) molte delle nostre ragazze non hanno perso il ritmo partita".
"Per questo sono molto fiducioso e voglioso di confrontarmi con il resto d’Europa, convinto che potremo arrivare almeno nelle prime quattro e poi giocarci tutto in semifinale”.

IL CALENDARIO DELLA MANIFESTAZIONE

Esordio per il Fiorini lunedì 1 settembre alle 12.00 a Porpetto contro il Wroklaw e poi alle 20.00, sempre a Porpetto, contro le svizzere dell’Eagles.

Anche in questo caso ci sono atlete italiane impegnate con le altre formazioni: Teresa Cernecca, lanciatrice dello Staranzano e della Nazionale U19, Francesca Concina (Staranzano) e Alice Fiorio con la squadra russa, Maria Vittoria Voltari dell’Old Parma con le spagnole del Sant Boi, insieme  al pitcher Beatriz  Parejo Alonso,Simona Bertuccelli nel fortissimo roster delle Sparks, in cui giocano anche tante “vecchie conoscenze” del nostro campionato.

I ROSTER E IL SITO UFFICIALE DELLA MANIFESTAZIONE SUL QUALE SEGUIRE IL PLAY-BY-PLAY

Infine segnaliamo che sul campo principale di Porpetto, durante i match sarà attivo  il live  streaming  gratuito. 

GUARDA LE PARTITE