Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Bussolengo unica a punteggio pieno; allunga anche La Loggia

Alla fine le tanto temute piogge hanno rovinato in parte la festa. Fatta eccezione per il derby tra Caronno e Legnano, rinviato a priori, il terzo turno del girone di andata della Italian Softball League si è disputato quasi regolarmente: solo gara 2 tra Unione Fermana e Caserta non si è completata, quando era quasi in dirittura d’arrivo. Bussolengo continua a punteggio pieno, mentre Collecchio e Forlì si fermano nel girone B. Nel gruppo A, invece, La Loggia allunga sul Bollate, bloccato sul pareggio dalla matricola terribile Staranzano.

La giornata è articolata: si gioca infatti in orari diversi e si comincia a Nuoro con la doppia vittoria per manifesta  del Rhibo La Loggia sul Banco di Sardegna. In gara 1 Brandino vince la sfida contro Cavallo, che viene colpita da ben 11 valide, di cui due doppi (Dalbesio e Camello), mentre il pitcher torinese concede appena due valide alla formazione campione d’Italia e finisce 9-0 al quinto inning, con Avanzi e Bosdachin che chiudono a media mille. Il terzo è il big-inning che crea il solco, con 6 punti, frutto di altrettante valide. Nuoro dà l’impressione di non essere mai in partita.

Nella seconda partita le sarde cercano di reagire ma si fermano comunque a quattro punti segnati, mentre La Loggia dimostra di avere una marcia in più. Finisce 11-4, ancora una volta prima del limite delle sette riprese.

IL TABELLINO DI GARA 1   IL TABELLINO DI GARA 2

A Ronchi dei Legionari arriva la seconda sconfitta stagionale del Bollate che, in gara 1 contro le Staranzano Stars, oppone la staffetta Boniardi-Nicolini a Teresa Cernecca. Una partita chiusa ed equilibrata, in cui le lanciatrici dominano sugli attacchi, tanto che in totale vengono realizzate solamente cinque valide (4 Staranzano, 1 Bollate). Il risultato si sblocca al terzo inning, durante il quale le padrone di casa segnano i 3 punti della vittoria. Boniardi concede due basi ball consecutive a Dessenibus e Comar; Marsich batte un singolo sulla subentrata Alice Nicolini e un errore difensivo completano il quadro. Nel frattempo Teresa Cernecca culla il sogno della no-hit, che si interrompe solamente alla settima e ultima ripresa, quando Bollate segna grazie a una valida di Perricelli, che spinge a casa Laura Costa, precedentemente arrivata in base su errore della difesa goriziana. Finisce 3-1 per le Stars.

Visti i presupposti della prima partita, ci si sarebbe attesi un’altra grandissima sfida tra lanciatrici una volta fossero salite in pedana Greta Cecchetti e Mikayla Endicott. Le attese sono state confermate: seconda partita da sole 5 valide e un totale di 21 strike-out (12 Cecchetti, 9 Endicott). Bastano solo due singoli, concentrati nella quarta ripresa, al Bollate per vincere 1-0: singolo su Endicott per Nicolini, lancio pazzo e avanzamento e singolo di Costa. Staranzano negli inning successivi spreca tre singoli (uno per ripresa di Kusar, Boaro e Gasparotto) e non riesce a rimontare.

IL TABELLINO DI GARA 1   IL TABELLINO DI GARA 2

Nel girone B, a Parma, va in scena il primo derby nella massima serie tra Old Parma e Labadini Collecchio. Si chiude con un salomonico pareggio: Parma vince gara 1 (8-5) mentre Collecchio, con una straordinaria Maddie Holub in pedana, capace di 20 K, si aggiudica la seconda partita (2-0).
In gara 1 passano in vantaggio proprio le collecchiesi: uno a zero al secondo grazie a un singolo di Holub, che avanza su lancio pazzo e bunt di sacrificio e segna su singolo di Chiesa. Nella ripresa successiva un fuoricampo al centro di Melissa Roth, con Angelillo in base, porta Collecchio avanti 3-0. La potente Greta Longagnani Collecchio tag in terza ISL (Padovani-Oldmanagency)reazione della padrone di casa arriva al quarto inning, nel quale sono ben 5 i punti segnati  per effetto di quattro valide, tra le quali un devastante triplo da 2 RBI di Carlotta Mori. Collecchio va in difficoltà e nella ripresa successiva subisce altri tre punti: Greta Longagnani, che aveva iniziato il match in pedana, torna addirittura a lanciare, sostituendo Ablondi, che aveva sostituito Del Rio, a sua volta primo rilievo della stessa Longagnani. Parma invece ha proprio nella sua lanciatrice, Alessia Zavaroni, l’MVP del match, perché oltre a tenere bloccate le mazze del Collecchio con 11 K, va nel box e batte 3 su 3 con due singoli, un doppio e 1 punto battuto a casa.

Cambia la musica in gara 2. Non c’è storia. Collecchio passa subito in vantaggio: singolo di Angelillo che avanza su lancio pazzo e bunt di sacrificio di Roth, segna su volata di sacrificio di Holub; nel frattempo Ravanetti, giunta salva su strike-out e lancio pazzo, segna su singolo di Longagnani : 2-0. Poi entra Maddie Holub in pedana e di fatto si chiude il match. L’americana, già autrice di una perfect-game  all’esordio contro Caserta, continua a far girare mazze a vuoto, viene toccata solamente da un triplo di Riboni al quarto (non sfruttato dall’Old Parma) e un bunt Parejo Alonso al settimo e alla fine porta a casa 20 K. Il ventunesimo out è una rimbalzante su Valentina Tagliavini che assiste in prima. Una impresa straordinaria che accende sempre di più i riflettori sulla ventitreenne del Kansas.

IL TABELLINO DI GARA 1   IL TABELLINO DI GARA 2

Se Collecchio perde un colpo, Bussolengo completa la doppietta contro il Fiorini Forlì rimanendo l’unica squadra a punteggio pieno. Doppia vittoria che matura al termine di due match dal cliché diverso. Nella prima lanciano Mara Papucci e Alice Ronchetti e si arriva alla settima ripresa in parità 1-1 (in vantaggio Bussolengo al primo con doppio di Del Mastio e singolo di Bruins e pareggio di Forlì al quarto con singoli di Montanari e Gellerman). Nel primo inning supplementare il Fiorini segna due punti grazie a un doppio di Cacciamani. Al cambio campo un singolo di Bruins consente a Del Mastio di arrivare in terza, ma una linea di Marazzi, difesa benissimo da Martina Laghi, permette a Forlì di portarsi a un out dalla vittoria; una palla mancata accorcia le distanze sul 2-3 perché segna Del Mastio e poi un solo-homer di Priscilla Brandi pareggia nuovamente i conti. Al nono il Fiorini non segna, mentre le padrone di casa grazie a un bunt di Bortolomai e a un singolo di Buila spingono a casa il punto della vittoria 4-3, segnato da Villirillo.

In gara 2 Forlì non riesce a capire al meglio i lanci di Bruins e batte solo tre valide, sprecando un triplo di Montanari al primo inning, mentre dall’altra parte, sempre alla prima ripresa, un triplo di Priscilla Brandi porta a casa due punti. Il conto rimane 2-0 fino alla sesta ripresa quando, con 5 valide, delle quali ben 3 doppi (Refrontolotto, Marazzi e Bortolomai) arrivano i 5 punti che consentono al Bussolengo di vincere 7-0 e chiudere le ostilità prima della settima, continuando nel cammino a punteggio pieno.

IL TABELLINO DI GARA 1   IL TABELLINO DI GARA 2

L’unica sfida rovinata dalla pioggia è quella di Montegranaro dove Caserta vince la sua prima partita stagionale, ma il secondo match viene sospeso a metà della sesta ripresa.
La prima partita si apre con un solo-homer di Yanitza Aviles che porta subito in vantaggio Caserta. L’Unione Fermana pareggia subito con Pietroni che, dopo essere stata colpita, segna su valida di Monari.
Susanna Mancini tiene ben bloccate le mazze marchigiane (solo 3 valide) mentre Luana Luconi (8 K) non è sufficientemente aiutata dalla difesa che, al quarto, commette ben 4 errori e consente a Caserta di segnare altri due punti, segna bisogno di battere valido. Al quinto il definitivo 4-1 arriva grazie a una base ball concessa da Luconi a Ginosa con le basi piene.

La seconda partita, quella con le straniere Anisley  Lopez e Monica Perry in pedana, vede Caserta in vantaggio al secondo con doppio di Seguella e singolo di Susanna Mancini; pareggio del Dino Bigioni al quinto, con la difesa campana sotto pressione, ma non c’è epilogo, visto che la pioggia arriva a interrompere tutto e costringe i direttori di gara a sospendere.

IL TABELLINO DI GARA 1   IL TABELLINO PARZIALE DI GARA 2

RISULTATI CLASSIFICHE E STATISTICHE   LA PHOTOGALLERY AGGIORNATA

Nella foto di copertina una fase della sfida tra Banco di Sardegna Nuoro e Rhibo La Loggia (Atzori/Oldmanagency)