Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

ISL, in scena la seconda giornata: quattro squadre vogliono proseguire a punteggio pieno

Seconda giornata della Italian Softball League ancora all’insegna delle incognite da risolvere. Il primo turno, infatti, ha dato la sensazione che siano necessarie alcune partite per vedere i veri valori in campo, sia per quel che concerne le tre nuove squadre che si sono affacciate al massimo campionato, sia per via del fatto che su un campo (Nuoro) non si è giocato e ci sono due formazioni che dunque saranno all’esordio assoluto (le sarde e lo Staranzano) e, infine, anche perché qualche sorpresa dell’avvio ha fatto sì che non possano essere espressi dei giudizi completi su quanto visto e quanto ci aspetterà nel prosieguo della stagione.

Il clou della seconda giornata è forse rappresentato dall’unica sfida che si disputerà domenica, quella tra Bollate e Nuoro: un po’ perché Bollate ha fatto doppietta alla prima, un po’ perché c’è curiosità per vedere all’opera la squadra sarda, nella quale quest’anno torna anche Paola Cavallo.
Curiosamente, invece, nel girone B, sono in programma tre sfide che potrebbero demarcare una linea netta in classifica: le tre squadre che hanno fatto doppietta al primo turno (Forlì, Bussolengo e Collecchio) giocano tutte in casa contro le tre che hanno perso entrambi i match (Caserta, Parma e Unione Fermana). Ulteriori doppiette potrebbero spaccare in due il raggruppamento.

 Come detto, nel girone A, ci saranno due partite che si disputeranno sabato sera (con inizio alle 18 e 20.30) e una programmata per domenica. Una situazione logistica, dovuta a una concomitante fiera nel milanese, ha costretto le due società ad accordarsi per giocare domenica il confronto tra Bollate e Nuoro. Il Nuoro – che è stato bloccato dalla pioggia nello scorso week-end – “impaziente di scendere finalmente in campo”, dice il Direttore Sportivo, Antonello Scrugli. “Finora abbiamo solamente svolto la preparazione, ora è tempo di fare sul serio. Le ragazze sono pronte”. Anche le Stars Staranzano sono nella medesima condizione rispetto alla formazione sarda, quella che giocheranno sul diamante di casa sarà un esordio assoluto. La formazione friulana si ritrova di fronte il Rheavendors Caronno, che all’esordio è stato capace di bloccare sul pareggio la formazione campione d’Italia del Rhibo La Loggia. La sfida si preannuncia interessante, soprattutto quando in pedana (sempre che le decisioni dei due manager non ne separino il destino) saliranno Anyibell Ramirez e Mikayla Endicott. La venezuelana del Caronno ha già esordito e vuole riscattare la sconfitta della prima partita, mentre l’americana dello Staranzano dovrà far vedere, per la prima volta, le proprie caratteristiche.
Chiude il programma del gruppo A la sfida di La Loggia, tra Rhibo e Amga Legnano: entrambe alla ricerca di una rivincita rispetto a una settimana fa, con le torinesi sulla carta favorite. Legnano infatti con la sua giovane squadra sembra avere qualche difficoltà, soprattutto nel box di battuta. Palla che dovrebbe essere affidata a Elisa Brandino e Michela Musitelli, da una parte, Silvia Durot e Valentina Grazzi, dall’altra per una pedana tutta italiana.

Nel girone B ci sono tre squadre che vorrebbero continuare a punteggio pieno e sono il Labadini Collecchio che ospiterà l’Unione Fermana, forte della propria batterie di straniere: Maddie Holub, capace all’esordio a Caserta di portare a termine la partita con una perfect game e l’ex di turno Melissa Roth, hanno dato alla squadra di Longagnani quella consapevolezza nei propri mezzi che, l’anno scorso, alla prima stagione di ISL, mancava. Ora si tratta di confermare quanto di buono fatto in avvio, ma contro Tagliavini Old Parma in trappola tra Brolli e Cerioni Fiorini Forlì (Padovani-Oldmanagency)l’Unione Fermana non sarà comunque semplice, anche perché le marchigiane hanno un ottimo parco lanciatori e con Luana Luconi e Monica Perry possono cercare di bloccare qualsiasi line-up.
Bussolengo
, la grande favorita per la vittoria finale, ospita l’Old Parma. Per la formazione emiliana sarà necessario limare i troppi errori commessi all’esordio contro Forlì, per poter sperare di limitare la potenza del box veronese. Dal canto suo la formazione di Morabito sembra avere in Ronchetti e Bruins due lanciatrici molto affidabili, contro le quali sarà difficile per tutti. Parma dovrebbe confermare la rotazione con Zavaroni e Parejo Alonso. Mentre tra le file del Bussolengo dovrebbe essere giunta l’ora per Valeria Bortolomai di tornare in campo, dopo aver iniziato la stagione dal dug-out.
Infine l’ultimo match è quello tra il Fiorini Forlì e Caserta. Solo 4-5 anni fa si giocava per la finale scudetto, ora il calibro delle due formazioni è un po’ cambiato, anche se Forlì è già nella fase di risalita, dopo la ricostruzione, mentre Caserta vive proprio quest’anno la fase del cambiamento. Nella prima giornata hanno dimostrato valori completamente opposti e il pronostico sembra assolutamente sbilanciato a favore della squadra allenata da Calixto Miyar.

IL PROGRAMMA COMPLETO, CLASSIFICHE E STATISTICHE   LIVE E PLAY BY PLAY

È ONLINE LA PHOTOGALLERY DELLA ISL 2014 (Ogni settimana cercheremo di aggiungere quante più foto possibili, da tutti i campi. Dopo la prima giornata trovate le fotografie della sfida tra Old Parma Taurus e Fiorini Forlì)

Nella foto di copertina di Giovanni Padovani (Oldmanagency) una scivolata a casa di Ghilardi, in gara 2 della prima giornata tra Old Taurus Parma e Fiorini Forlì