Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

La Sicilia si prepara per la nuova stagione

Il Comitato Regionale Sicilia continua irrefrenabile nella sua corsa per permettere alle proprie atlete di mettere in campo le proprie capacità e domenica 24 marzo, al campo Verga di Paternò, si è disputato il 7° trofeo Primavera.

Trofeo PrimaveraProtagonista del diamante tutto il Softball siciliano con maggiore attenzione per le giovani atlete della categoria cadette e U21; a scendere in campo le giocatrici del GS Polizzi, Cus Messina, Catania BP, Castiglione 2000 e Paternò Baseball, e per la cronaca, per il secondo anno consecutivo il Catania BP si aggiudica  il trofeo .
“Quelle di oggi si possono paragonare alle prove generali del campionato che inizierà il prossimo mese” dichiara con soddisfazione il presidente regionale della FIBS, Michele Bonaccorso “Le nostre atlete sono la dimostrazione che lo sport, con tutte le difficoltà presenti, è molto seguito perché è considerato un esempio di vita sano ed aiuta le relazione di amicizia. Il fondamento della nostra federazione oltre l’aspetto tecnico, chiaramente, è proprio innescare il senso di unione e di concordia”.

Tantissime le attività della federazione, come i progetti nelle scuole, ricco e interessante bacino per i nuovi reclutamenti; e grazie all’insediamento di Antonino Russo, presidente dei Tecnici regionali, la ripresa delle lezioni dei corsi per diventare Tecnico di Base, corpose le adesioni che contano 45 iscritti suddivisi tra la provincia di Catania e quella di Messina con iscritti anche dalla Calabria.

Molte adesioni sono pervenute da parte dei giovanissimi, che hanno deciso di spendersi per promuovere il baseball e il softball nelle scuole e di aiutare le proprie società nella costruzione dei centri giovanili.
Questo è il punto che fa sperare in un futuro radioso.