Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Il 3 marzo in Liguria è il 'softball day'

Domenica 3 marzo in Liguria si scende in campo. A recitare la parte dei protagonisti di questo primo week end di gioco sono stati chiamati gli amatori e le ragazze del softball che, sul campo comunale di Orco Feglino, disputeranno il tradizionale Softball Day.
Il logo della giornataIl ricco programma della giornata prevede, in mattinata, una sfida esibizione tra la squadra di softball misto delle Aquile di Finale Ligure ed una compagine di nuove e vecchie glorie del baseball e softball savonese mentre, a partire dall 14.30, saranno le ragazze di Sanremo, Chiavari e della rappresentativa provinciale All Star Savona (squadra formata da giocatrici di Finale Ligure, Albissola Marina e Cairo Montenotte) a dare vita ad una spettacolare serie di sfide incrociate.

Organizzato dalla ASD Aquila Amatori Softball Finale Ligure, presieduta dal vulcanico avvocato finalese Luca Battaglieri, il Softball Day è ormai diventato un tradizionale appuntamento del softball ligure e rientra tra le numerose iniziative promozionali che le società della riviera organizzano ogni anno per rilanciare questa bella disciplina, che in passato ha dato tante soddisfazioni alle ragazze di Borghetto Santo Spirito, Finale Ligure, Savona e delle Albisole, ma che negli ultimi 10 anni ha purtroppo sofferto, per diverse cause, di un notevole ridimensionamento.

"Il gran lavoro che le squadre di Finale ed Albissola stanno facendo a livello giovanile, grazie anche al coinvolgimento di numerose bambine, si spera che riesca presto a dare i suoi frutti" è il commento di Luca Battaglieri "Con il Softball Day vogliamo dimostrare che questa disciplina è ancora viva, invogliare le ragazze a tornare a vestire i loro guantoni e, soprattutto, continuare a lavorare per arrivare nel giro di un paio di anni ad avere di nuovo una squadra di softball tutta femminile in grado di partecipare ai campionati federali”.