Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

INIZIA IL MESE PIU' INTENSO PER IL SOFTBALL ITALIANO CON PLAYOFF E COPPA ITALIA

di Maurizio Caldarelli

Per il softball italiano inizia il mese più importante della stagione, tra playoff dell'Italian softball series e Coppa Italia verranno emessi i verdetti più importanti, che tracceranno anche il cammino della prossima stagione.

Anche in questi 45 se ci sono stati due recuperi, che hanno vista impegnata Caserta, la regina del 2009 e della regular season 2010, l'ISL riparte da quello era stato deciso il 24 luglio, dopo l'ultimo turno della prima fase, ovvia le semifinali Caserta-Bollate e Forlì-Legnano. Ma di avvenimenti in questa lunga sosta ce ne sono stati, belli e meno belli, dal trionfo delle Juniores di Luigi Soldi a Vienna, alla delusione delle Under 22 di Paola Marfoglia, superate dalla Repubblica Ceca e dalla pioggia. Per non parlare del maledetto inning che ha costretto Caserta e Forlì a lasciare Coppa dei Campioni e Coppa delle Coppe in Olanda, quando le ragazze di Enrico Obletter e Jason Kumeroa stavano per festeggiare una bella doppietta in casa delle rivali di sempre. In questi casi si usa dire "Pazienza, andrà meglio la prossima volta...". Ma comprendiamo benissimo che la rabbia delle nostre ragazze dopo essersi viste rifilate sei punti all'ultimo inning in una gara dominata, come è successo al Forlì, o sei punti al 4° inning dopo non aver perso nemmeno una partita, come è accaduto al Caserta."The show must go on". Lo spettacolo deve però andare avanti e le due protagoniste in campo continentale cercheranno di sfogare la loro rabbia nella volata scudetto."Se ci penso - dice il presidente del Fiorini Forlì, Giovanni Bombacci - mi arrabbio ancora: sia noi che Caserta ci siamo visti soffiare il trofeo da sotto il naso, dopo aver giocato alla pari con le avversarie, da protagoniste. Le ragazze di Obletter non avevano mai perso, prima di cedere alle Tex Town Tigers. Una beffa".

"Rimane il rammarico - rincara la dose Enrico Obletter, manager del Des Caserta - di aver sbagliato un inning in dieci partite. Non mi sento di condannare le mie ragazze, che hanno giocato un bel softball anche migliore che in campionato. La formula di Coppa Campioni, non sappiamo, non sempre premia la migliore".

Sabato, però, si riparte. Alle 18 (e alle 20,30) si accenderanno i riflettori dei diamanti di Ospiate e il "Colombo" di Legnano, dove saranno ospiti la prima e la seconda classificata della regular season, Caserta e Forlì.

Bombacci, cosa succederà? "La lunga sosta, forse un po' troppo lunga, visto che personalmente avrei evitato una delle due trasferte con le nazionali, potrebbe aver fatto bene ad alcune squadre ed aver fatto male ad altre".

Caserta nello scontro con Bollate parte con i favori del pronostico, non solo per la voglia di riprovare l'avventura europea, ma anche per alcune importanti assenze nelle file lombarde:"Ci mancheranno - dice il manager del Sanotint Luigi Soldi - le tre migliori lanciatrici: Tiffany Pagano, Debora Moretto, ancora infortunata, e Greta Cecchetti, già ripartita per motivi di studio negli USA.  In uno sport dove la lanciatrice è fondamentale , non nascondo che queste assenze rappresentano una ulteriore difficoltà nell'affrontare un'avversaria come Caserta. Kate Robinson lancerà in gara 1 e la giovane Francesca Betti in gara 2, e per lei sarà il debutto da lanciatrice partente nella massima serie. Non è la migliore situazione per un debutto ma Francesca ha la fiducia di tutto l'ambiente ed è una ragazza che si è sempre impegnata e sfrutterà questa situazione per fare esperienza". Le campionesse in carica potranno invece contare su Anjelica Selden e su Mara Papucci.

Più equilibrata si presenta l'altra semifinale, tra Forlì e Legnano. La squadra del presidente Vittorio Pino, dominatrice del girone d'andata e di parte del ritorno, prima di registrare un evidente crollo, sembra aver ritrovato il giusto assetto.

"Le diciotto valide ed i cinque fuoricampo messi a segno contro la Loggia - sottolinea Vittorio Pino - dimostrano che abbiamo ritrovato la fiducia in attacco che ci è mancata nel finale".Con le romagnole sarà insomma una sfida mozzafiato: "La Coppa delle Coppe persa - dice Bombacci - ci darà la giusta carica. E' in arrivo Kristina Thorson dagli States, mentre Leslie Malerich ha recuperato dall'infortunio alla caviglia che si è procurata ad Haarlem. Siamo al completo e pronte a dire la nostra contro un avversario da prendere con le molle".

Ci aspetta dunque un finale di stagione tutto da seguire. Per le escluse dalla finale scudetto, che scatterà il 25 settembre, c'è sempre la Coppa Italia, che da sabato vedrà impegnate La Loggia, Nuoro, Macerata e Titano Hornets.