Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

SARA' IL DES CASERTA L'AVVERSARIA PIU' PERICOLOSA PER LA REGINA FIORINI FORLI'

di Maurizio Caldarelli

Promette emozioni e spettacolo l'Italian Softball League, che scatta sabato. Le otto formazioni partecipanti cercheranno di sfruttare al meglio gli acquisti di mercato per raggiungere il traguardo dei playoff e per divertire il loro pubblico.

Caserta regina. La compagine che sembra essersi mossa meglio durante l'inverno è il Des Caserta. Enrico Obletter per entrare tra le prime quattro, traguardo mancato nella passata stagione, ha costruito un organico che sembra pronto a qualsiasi duello. In pedana di lancio le confermate Tarricone, De Santa e Papucci sono state affiancate dalla yankee Jennifer Davis (ex Santa Barbara) e dalla rientrante Lisa Birocci. Nel box ed in difesa Andrea Piela, Chantal Millard e Katerina Dvorakova potranno dare quel qualcosa in più ad un gruppo già molto potente. Nel roster non ci sarà più l'esterno Rebecca Iaccino, tagliata proprio in questi giorni.

Semifinaliste agguerrite. Il team del presidente Tarabuso sogna in grande, ma le quattro semifinaliste faranno di tutto per conservare le posizioni. Il Fiorini Forlì campione d'Italia in carica ha cambiato il minimo indispensabile, ingaggiando due straniere nuove di zecca l'interno Tausaga e l'esterno Mc Donald, l'esterno ceko Halova e l'italoargentina Modarelli. Il ritorno di Malerich ha convinto il presidente Bombacci a rinunciare per il momento ("Se ne riparlerà per la Coppa Campioni", dice) alla lanciatrice straniera.

L'Amga Legnano, che ha come obiettivo la riconferma del trono continentale, ha perso Rolla (emigrata in Olanda per giocare con il Terrasvogels), chiamando Justine Smethurst e Sonja Garrett, dopo aver dato fiducia a Kate Judd e Simmone Morrow.

 Il Sanotint Bollate perde Dana Degen, ma sembra la stessa solida formazione con l'arrivo dell'australiana Jade Wall, che va ad affiancare le confermatissime Kelly Hardie e Brenda De Blaes. La formazione di Luigi Soldi non potrà inizialmente contare su Greta Cecchetti, che sta giocando clon ottimi risultati (13-8, 0,94)  con il Polk Community College in Florida.

Le Titano Hornets San Marino, per continuare a stupire, si sono accaparrate due azzurre, l'interno Veronica Fontana e l'esterno Andrea Montanari, un catcher poderoso come l'italo-sudafricana Bianca Novelli. Ma a Villa Verucchio sbarca anche Tonya Callahan, 24 anni, un interno che nel 2008 ha firmato qualcosa come 23 fuoricampo giocando con la Tennesse University e con le Rockford Thunder. Una sicura protagonista, insomma. Samantha Fleeman e Stephanie Gosseline completano la campagna acquisti.

Sulla carta si sistemano dietro alle cinque formazioni citate le rimanenti tre squadre. Il Mosca Maceratala ha puntato su tre giocatrici straniere di vaglia, Jocelyn Mc Callum (la regina degli strike out della passata stagione), Kim Tollenaere (un ritorno) e Melinda Weaver, mentre il resto del team sarà composto da giocatrici italiane, comprese alcune promettenti ragazzine.

Su giovani talenti scommette anche il Cassa Padana Parma, che ha perso i pezzi italiani migliori. Da oltreoceano sono arrivati Angel Shamblin, Shanno Doepking e Tisha Duran; dalla Repubblica Ceca sbarca in Italia Monica Janotkova.

Diverse novità anche per il Museo d'Arte Nuoro per puntare alla salvezza. Oltre al ritorno di Ambra Collina si registrano gli innesti di Lauryn Longo, Courtnay Foster, Lucie Petraskova e Katie Logan.

Rivoluzione panchine. Il mercato che si è appena chiuso ha portato anche un vero e proprio terremoto sulle panchine. Se si eccettuano Luigi Soldi (Bollate), Matteo Tontini (San Marino) e Enrico Obletter (Caserta), ben cinque formazioni hanno cambiato manico. C'è chi è andato sul sicuro, facendo una scelta di cuore, come Forlì, che ha richiamato Jason Kumeroa; chi ha puntato su tecnici d'esperienza, come Nuoro che ha ingaggiato Antonino Foti ex Forlì. Parma ha fatto una scelta casalinga con Stefano Cenci, Macerata si affida a Noelvis Gonzales Matos, mentre Legnano ha chiamato Monti Le Van Brut.

Ci sono insomma gli ingredienti giusti per un'annata tutta da seguire.