Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

BOLLATE : LA COPPA E' STREGATA

Da Bollate, Davide Bertoncini

Rimane in cima alla lista dei sogni la Coppa delle Coppe per il Bollate, anche stavolta il trofeo sfugge dalle mani delle lombarde nelle battute finali.
La partita è iniziata con Bogado e Van Kampen che si sono affrontate in pedana, le due lanciatrici hanno concesso poco o niente per quasi tutta la durata dell'incontro, ben coadiuvate dalle difese.
E' stato il Bollate ad andare più vicino al vantaggio, con due grosse occasioni a metà incontro; al terzo ha messo corridori in seconda e terza con zero eliminati, ma un innocuo pop-fly, una rimbalzante in diamante ed una bella presa in foul della Fellinger hanno mantenuto il tabellone sullo 0-0.
Al quinto Zanardini arrivava in seconda su uno strike-out con palla mancata, ma in questo caso la ripresa veniva chiusa da tre facili eliminazioni al volo.
Al sesto, contro Kelly Hardie, le Sparks sono passate alla prima occasione utile, con corridori in prima e seconda e due out, Kroesen e Fellinger hanno battuto due singoli che hanno portato le olandesi sul 2-0.
Quando tutto sembrava perduto il Bollate pareggiava alla settima ripresa, con due out Bogado batteva un triplo al centro, e andava a punto sul doppio di Degen, un altro doppio di Hardie pareggiava le sorti della partita, ed addirittura il pubblico cominciava ad urlare sulla lunga battuta di Bortolomai che però veniva arpionata da Fellinger, salvando il risultato per le Sparks.
Si andava così al tie-break, che le Sparks giocavano egregiamente, bunt di sacrificio, avanzamento in terza del corridore, e punto su una grounder.
Purtroppo non finiva qui, un gran doppio di Kroesen ed un errore all'esterno di Buila permetevano alle olandesi di segnare altri due punti, e portarsi sul 5-2.
Il Sanotint andava in battuta col turno basso del lineup, ed il secondo miracolo non riusciva, tre eliminazioni consecutive e tutto il dugout olandese usciva per abbracciare una grandiosa Judith Van Kampen.

LA SCHEDA DELLA PARTITA