Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Giulio Monello (San Marino) festeggia dopo la vittoria di gara 3 contro la Fortitudo Bologna (EzR-NADOC)

Il San Marino supera gli ostacoli e torna avanti nella serie

Dopo due rinvii, le Italian Baseball Series tornano protagoniste sul campo del “Gianni Falchi” di Bologna, dove la UnipolSai Fortitudo Bologna e il San Marino offrono agli appassionati una gara tre caratterizzata da colpi di scena e dal secondo successo della squadra ospite, che vince con il risultato di 5-1 tornando a comandare la serie.

La serie torna al “Falchi” per la prima volta dopo la vittoria sammarinese di gara uno, e la contesa inizia e finisce così come nella prima partita della serie: Mario Chiarini decide di affidarsi all’asso tedesco Markus Solbach, lanciatore vincente e dominante nella prima partita della serie, ed il pitcher di proprietà dei Los Angeles Dodgers risponde da par suo, ovvero subito con uno strikeout in tre lanci su Ray-Patrick Didder e con un inning da nove lanci totali, in cui Lorenzo Dobboletta e Eugene Helder restano vittime del guanto del prima base Maikel Caseres. Nel secondo inning però ecco il colpo di scena: durante i lanci di riscaldamento, Solbach accusa un fastidio al gomito che non può passare inosservato. Chiarini si ritrova con le spalle al muro ed è costretto a ricorrere al bullpen, chiamando in tutta fretta il rilievo Fernando Baez, che incassa un singolo da Alexander Russo ma riesce comunque ad anestetizzare l’attacco della Effe fino al terzo inning. Daniele Frignani invece non cambia i piani e si affida all’esperto lanciatore cubano Elian Leyva. Anche il possente lanciatore dei padroni di casa è vittima di un singolo (una smanicata di Avagnina) in apertura di partita, ma è bravo a lasciare poche possibilità ai titani, che incassano due strikeout (su Federico Celli e Oscar Angulo) nel primo inning e non tornano in base prima del terzo (base su ball conquistata da Monello) per poi cadere vittime di altri tre out con Lorenzo Di Fabio, Luca Pulzetti (scelta difesa) e Lorenzo Avagnina.

La partita cambia con il quarto attacco del San Marino. Leyva, che sembrava inattaccabile, perde smalto e subisce due pesanti valide in apertura da Federico Celli (rimbalzante centrale su conto 3-1) e soprattutto da Oscar Angulo, che arriva in seconda base con una volata che cade nell’esterno destro. Già alla soglia dei 60 lanci, Leyva è circondato e contro Maikel Caseres incassa i primi punti sul secondo lancio, che il connazionale trasforma in una linea nell’esterno centro per il provvisorio 2-0. Nonostante le difficoltà, Leyva resta sul monte, ma chi sembra uscire dal campo è la difesa della UnipolSai Fortitudo Bologna, con il ricevitore Cesare Astorri ed il terza base Eugene Helder che lasciano cadere un foul ball di routine battuto da Giovanni Garbella. Il San Marino ringrazia e poco dopo sfrutta un altro errore di tiro da parte di Cesare Astorri su un tentativo di rubata in seconda riuscito da Maikel Caseres, che coglie l’occasione per arrivare in terza base e poi a punto su volata di sacrificio di Giovanni Garbella. L’inning prosegue con un singolo di Mattia Reginato che batte il tuffo di Helder, ma l’attacco del San Marino non sfrutta la situazione con Leyva che ottiene i due out necessari per uscire dai guai.

La Fortitudo però non demorde, ed al cambio campo prova a riaprire la partita. Lo fa sfruttando un inning di difficoltà per Baez, che inaugura la ripresa incassando un “no-doubt” home run da Eugene Helder, il quale vede una fastball al centro del piatto e ringrazia schiantando la palla contro un cartellone pubblicitario posto nell’esterno centro. Così come la Fortitudo, anche il San Marino sbaglia in difesa. Caseres perde una palla a campanile alzata in zona di foul da Oduber (poi eliminato al volo da Lorenzo Avagnina) mentre Alex Russo conquista la prima base con quattro ball. Sulla successiva battuta di Riccardo Bertossi, un altro errore difensivo (di Luca Pulzetti, che prima palleggia, poi ritarda il tiro in prima) rischia di mettere in crisi il rilievo di passaporto spagnolo che però, subito dopo la visita sul monte da parte del pitching coach Ceccaroli, ritrova brillantezza e lascia l’amaro in bocca ai tifosi di casa con uno strikeout su Alessandro Grimaudo e l’eliminazione effettuata al volo da Giulio Monello su un’altra palla a campanile, alzata questa volta da Cesare Astorri.

Per il quinto inning c’è Filippo Crepaldi a lanciare al posto di Leyva ed anche il lanciatore della nazionale italiana è vittima dei deficit della sua difesa: dopo uno strikeout ottenuto in apertura su Pulzetti, Crepaldi incassa due singoli da Avagnina e Celli (che beffa il tentativo in tuffo di Russo). Poi, su una battuta in terza base di Angulo, Helder sceglie di cercare il doppio gioco anziché un comodo out in prima, ma il tiro è fuori misura e Agretti non può arrivarci, favorendo la corsa a casa di Avagnina per il provvisorio 4-1, che cambia nel definitivo 5-1 con out produttivo di Maikel Caseres, che manda a casa Federico Celli. Crepaldi chiude le porte, ma Baez mantiene nel quinto inning mentre Nicola Garbella si mette in mostra nel sesto con un rapido 1-2-3 inning che comprende due strikeout su Oduber e Russo. La partita la termina Dimitri Kourtis, che controlla un Bologna con la testa già a gara quattro, in programma giovedì 24 settembre a Serravalle (San Marino).

IL TABELLINO

CALENDARIO ITALIAN BASEBALL SERIES 2020

LINK AL PLAY-BY-PLAY

FIBSTV

LA PHOTOGALLERY DI GARA TRE

Le parole dei protagonisti dopo gara3 delle IBS 2020

da Bologna, Luca Giangrande

Italian Baseball Series: al via la serie tra San Marino e UnipolSai Fortitudo Bologna

Tre fuoricampo ed uno strepitoso Markus Solbach regalano gara uno al San Marino

La UnipolSai Fortitudo Bologna risponde e pareggia la serie trascinata dalle valide di Didder

Italian Baseball Series: tre giorni, tre sfide decisive per la corsa allo Scudetto

Baseball e softball alla Settimana Europea dello Sport 2020