Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Justin Upton si congratula con Mike Trout dopo il fuoricampo numero 300 (Foto USA TODAY Sports)

Mike Trout raggiunge i 300 fuoricampo in carriera, Dodgers i primi a 30 vittorie

Terminata la trade deadline con pochi botti, se escludiamo lo scambio principe che ha visto il lanciatore Mike Clevinger lasciare i Cleveland Indians per dirigersi a San Diego, oppure quello che ha visto Starling Marte passare a rafforzare le pretese playoff dei Miami Marlins, comincia a delinearsi il quadro della postseason (che, è bene ricordare, per questo eccezionale 2020 prevede ben 16 squadre al via) in una settimana che ha pianto le perdite di due icone di questo sport: Tom Seaver e Lou Brock.

I Tampa Bay Rays si confermano protagonisti e grazie a 4 successi su 6 partite disputate contro New York Yankees e Miami Marlins rafforzano il primato nella American League East con ben 5.5 lunghezze sui Toronto Blue Jays e 6 su dei New York Yankees (21-19) in crollo verticale e che attualmente occupano l’ultima wild card utile per partecipare ai playoff, posizione da proteggere dalle rincorse di Baltimore Orioles (19-21) e Detroit Tigers (18-20), in ascesa nell’ultimo periodo e distanti appena due vittorie dall’obiettivo. La squadra della Florida (28-13) è in salute grazie ad otto successi negli ultimi dieci incontri e ad un attacco che è il terzo della American League con 209 punti segnati. La formazione di Kevin Cash ha il pregio di non mollare mai, come certificato dal successo in walk-off di domenica contro i Miami Marlins, piegati da un Randy Arozarena protagonista in questa settimana di 3 fuoricampo e 7 punti battuti a casa in 15 turni in battuta.

Davanti ai Rays, per numero di vittorie, ci sono soltanto i Los Angeles Dodgers (30-12), che lo scorso sabato 5 settembre hanno per primi raggiunto quota 30 vittorie, riuscendoci in appena 40 partite grazie ad una serie di sei successi consecutivi interrotta soltanto dai Colorado Rockies (20-20), capaci di infliggere due sconfitte nelle ultime due partite. I Dodgers si confermano stellari sia in attacco (Corey Seager, Mookie Betts e Will Smith su tutti) che sul monte (Clayton Kershaw si conferma indomabile), nonostante una leggera flessione del bullpen, protagonista in negativo nelle due sconfitte contro i Rockies. Continuano ad essere staccati di cinque lunghezze i San Diego Padres (25-17), che mantengono tuttavia il miglior attacco del campionato grazie ai 15 fuoricampo battuti da Fernando Tatis Jr, leader stagionale in coabitazione con Mike Trout.

Proprio il fenomeno degli Angels (17-25) è stato uno dei protagonisti indiscussi di questa settimana grazie al 300esimo fuoricampo in carriera (e con la divisa degli Halos) colpito sabato sera contro gli Astros e che gli ha permesso di superare il record di Tim Salmon. In questa settimana i Los Angeles Angels hanno messo l’elmetto e vinto cinque partite consecutive, riuscendo nell’impresa di vincere una partita contro i Padres e di spazzare gli Astros (21-19) in quattro partite. Nonostante i successi gli Angels non fanno grossi salti in classifica: gli Oakland Athletics (23-14), pur non giocando molte partite dopo il caso di positività al tampone Covid-19 della scorsa settimana, si mantengono in testa con 3.5 partite sugli Astros, 6.5 sui Mariners (reduci da uno sweep in tre partite sui Texas Rangers) e 8.5 proprio sugli Angels, ancora lontani dal treno playoff.

Continua la battaglia in seno alla American League Central dove Chicago White Sox (26-15), Cleveland Indians (25-15) e Minnesota Twins (25-17) giocano all’elastico avvicinandosi ed allontanandosi partita dopo partita. Nella settimana appena trascorsa White Sox e Indians si sono avvicendate al primo posto, attualmente occupato dalla squadra di Chicago sud che ha spazzato i Kansas City Royals in quattro partite con le prestazioni di Lucas Giolito, Dallas Keuchel e di un Luis Robert sempre più decisivo. La tribù, gestita provvisoriamente da Sandy Alomar Jr per via di alcuni impedimenti per Terry Francona, si mantiene viva e non sembra risentire della cessione di Mike Clevinger perché può contare sul solito Shane Bieber che, con altri 10 strikeout messi a segno domenica contro i Milwaukee Brewers, vanta 94 strikeout nelle prime 9 partenze stagionali. Meglio di lui soltanto Randy Johnson (100 strikeout nel 2000 e 104 nel 2001), Pedro Martinez (95 strikeout nel 2000, 96 nel 2001 e 102 nel 1998), Curt Schilling (95 strikeout nel 2002 e 96 nel 1998) e Chris Sale (95 strikeout nel 2017).

Nella National League Central i St. Louis Cardinals (17-15) hanno da recuperare ancora 9 partite rispetto ai Chicago Cubs (23-18) ma sono già ad una lunghezza e mezza di distanza grazie a due successi su tre nei confronti dei Cincinnati Reds (18-23), sempre lontani dalla lotta playoff, e degli stessi Cubs, fermati dalle prestazioni in attacco di Paul deJong, Tyler O’Neill e Paul Goldschmidt. Si mantengono distanziati di quattro partite i Milwaukee Brewers (18-21) che continuano a soffrire le sfortune in battuta di Christian Yelich, costantemente sotto le aspettative. 

Trascinati dai fuoricampo di Freddie Freeman e Ronald Acuña Jr, gli Atlanta Braves (24-16) continuano a mantenere con costanza il primo posto della NL East con 3 partite di vantaggio su dei Philadelphia Phillies (19-17) in netta ripresa in questa settimana, anche se reduci da due sconfitte consecutive per mano dei New York Mets (19-22) di un fantastico Jacob deGrom, protagonista di 12 strikeout su 7 riprese lanciate nell’incontro di domenica, dove ha indotto i battitori di Philadelphia a ben 35 strike girati. I Mets hanno vinto quest’ultimo incontro con il risultato di 14-1 grazie alle strepitose performance di Dominic Smith (4-5, 3 RBI) ed a due fuoricampo colpiti da Pete Alonso. Nonostante la recente ripresa, i Mets restano dietro ai Miami Marlins (17-18) che sono poco distanti dall’ultima wild card riservata alla National League e occupata attualmente dai San Francisco Giants (20-21) reduci da due successi di fila contro i rivali Arizona Diamondbacks (15-26) che fanno compagnia in classifica ai Washington Nationals (14-25), le cui speranze di tornare ai playoff, nonostante le prestazioni di Trea Turner, leader per media battuta (.365) sembrano davvero ridotte al lumicino.

CLASSIFICA

STATISTICHE

 

In Italia la Major League Baseball è trasmessa su Sky e la prossima settimana ci saranno altri 2 appuntamenti, tutti su Sky Sport Arena (canale 204):

Martedì 8 settembre ore 21.15 – Minnesota Twins @ St. Louis Cardinals (commento in italiano Freri-Nicolodi-Liddi)

Giovedì 10 settembre ore 21.40 – Houston Astros @ Oakland Athletics (commento in italiano Nicolodi-Gallerani-Liddi)

di Luca Giangrande

La MLB riparte e torna su SKY Italia con la collaborazione della FIBS