Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Alessandro Vaglio alza la Coppa al cielo (K73/NADOC)

A1 Baseball al via con uno sguardo al futuro

Dopo l’Opening Day di Codogno, parte, ancora a porte chiuse sul territorio italiano, ancheil massimo campionato di baseball, la cui prima giornata inizierà mercoledì 8 luglio e giungerà al clou nel weekend.

A causa delle rinunce di Grizzlies Torino, Rangers Redipuglia, Nettuno Baseball City e, per ultimo, anche del Nettuno2, sarà un campionato con formula chiaramente diversa da quella ipotizzata inizialmente, ma che offrirà spunti d’interesse grazie alla introduzione di alcune novità, tra cui la diretta integrale, su fibstv.com, di una partita a settimana che per l’apertura di questo campionato prevede lo scontro tra UnipolSai Fortitudo Bologna e Godo Baseball (mercoledì 8 luglio alle ore 21).

La prima novità tecnica introdotta quest’anno è sicuramente quella che prevede un campionato composto da 6 squadre ai blocchi di partenza. La seconda è quella che vede un calendario da 30 partite grazie alla reintroduzione del triplice appuntamento settimanale: gara 1 infrasettimanale, mentre gara 2 e gara 3, a sedi invertite, verranno disputate con un doppio incontro al sabato oppure, su accordo delle società, il venerdì ed il sabato. La terza novità è la scelta di sperimentare anche nel baseball italiano partite sui 7 inning, formula adottata, in ambito baseball giovanile, anche dalla World Baseball Softball Confederation (WBSC) e che potrebbe diventare il nuovo standard delle competizioni per Squadre Nazionali.

La formula del campionato 

Le prime due classificate al termine della regular season (fine prevista per sabato 12 settembre) staccheranno il pass per le Italian Baseball Seriesche verranno disputate al meglio delle 7 gare (eventuale gara 7 prevista il 27 settembre), a contendersi lo scudetto 2020. 

Così in campo nella prima giornata 

Sarà una prima in notturna: allo Stadio Gianni Falchi di Bologna, i campioni in carica della UnipolSai Fortitudo Bologna ospiteranno il Godo Baseball, con playball fissato per le ore 21. A “Serravalle” invece si accenderanno i riflettori sulla stagione del San Marino di Mario Chiarini, pronta ad ospitare la neopromossa Hotsand Macerata Angels. Derby speciale invece tra  il Parma Baseball e l’altra neo-promossa, il Collecchio Baseball.

La serie tra Bologna e Godo continuerà tra venerdì 10 (al Casadio di Russi, ore 21) e sabato 11 (nuovamente al Falchi, ore 20), mentre le altre due serie si sposteranno rispettivamente a Macerata (doppio incontro sabato) e Collecchio (sfida serale venerdì e sabato). 

IL CALENDARIO

LINK AL PLAY-BY-PLAY

FIBSTV

Le 6 contendenti

La UnipolSai Fortitudo Bologna, campione in carica con due scudetti consecutivi vinti nel biennio 2018-19, riparte con ottimismo anche nella particolare annata 2020. La compagine felsinea, al netto delle cessioni, ha aggiunto giocatori di valore ad una rosa già rodata e capace di dominare in Italia ed in Europa. Alla partenza del forte mancino Antonio Noguera, Bologna risponde riproponendo in organico Matteo Bocchi, lanciatore dell’organizzazione dei Chicago Cubs ma di casa dalle parti del “Gianni Falchi”. Salutato John Poloniused in attesa del 25enne caraibico Ray-Patrick Didder, rilasciato dalla organizzazione dei San Diego Padres (114 presenze in doppio A nel 2019), e annunciato lo scorso 3 luglio dalla società felsinea,  il Bologna puntella il reparto interni (già orfano di Leo Ferrini) con  Julian Dreni (ex Castenaso). Saluta la squadra scudettata anche Nick Nosti, ma molti sono i giovani innesti per la Effe. Sotto le due Torri giungono il promettente Riccardo Bertossi, già capitano di Italia Baseball U-18 all’ultimo campionato europeo di Grosseto, il ricevitore Cesare Astorri (di proprietà dell’organizzazione degli Oakland Athletics), che proverà a colmare il vuoto lasciato da Osman Marval, l’ex Castenaso Niccolò Loardi e i lanciatori Matthias Zotti e Nicola Marziali, i quali si aggiungono ad uno staff di lanciatori composto da Murilo GouveaAlex BassaniClaudio Scotti e Filippo Crepaldi, mentre non ci sarà l’asso Raul Rivero.

Cerca conferme il San Marino di Mario Chiarini, l’altra finalista dello scorso anno. Le incertezze causate dalla pandemia da coronavirus hanno influenzato anche il mercato della società di Alberto Antolini, che comunque, mantenuti i punti fermi tra cui Alessandro MaestriMattia Reginato Federico Celli  ed il lanciatore Fernando Baez, ha saputo aggiungere elementi di sicuro affidamento come Giovanni e Nicola Garbella, negli scorsi anni punti di riferimento prima a Rimini e poi a Nettuno, il già rodato giovane mancino Luca Di Raffaele, a cui il GM Mauro Mazzotti è riuscito ad affiancare il 27enne Dimitri Kourtis, già nel giro della nazionale greca, ed il 28enne lanciatore partente di nazionalità tedesca  Markus  Solbach, che nel 2019 ha ben figurato in doppio A con i Tulsa Drillers, squadra affiliata ai Los Angeles Dodgers. All’ombra del titano arriva anche il giovane ricevitore friulano Giulio Monello, capace di un importante inizio di stagione in NJCAA con gli Odessa Community College, mentre il roster va a completarsi con i debutti in prima squadra dei giovani del vivaio Alesssandro Ercolani e Tommaso Beccari, protagonisti lo scorso anno nel Campionato Europeo U-15 di Nettuno chiuso dagli azzurri al secondo posto. 

Altra favorita alle posizioni di vertice è il Parma Baseball di Gianguido Poma che, reduce da un 2019 concluso con una cocente eliminazione in semifinale ai danni della Fortitudo Bologna, cerca di ripetersi ad alti livelli con le conferme di Stefano DesimoniAlex Sambucci e Sebastiano Poma, di capitan Zileri e di altri punti di forza come Ricardo Paolini e Aldo Koutsoyanopulos. Ad un roster già profondo e collaudato il Parma ritrova il ricevitore Alessandro Deotto, tornato a casa dopo l’esperienza con i Rangers Redipuglia. Un altro “nuovo acquisto” potrebbe essere considerato il talentuoso lanciatore Michele Pomponi, costretto a saltare tutto il 2019 a causa di un infortunio e oggi chiamato a rappresentare, assieme all’esperto Francesco Nardi, a Mattia Aldegheri e Yomel Rivera, il monte di lancio biancoblu. I giovani Simone Alfinito (lo scorso anno in forza al Castenaso) e Tommaso Giarola occuperanno gli altri slot del reparto interni, orfano di Mattia Mercuri, tornato in forza al Nettuno 1945 in Serie A2. Completa il roster il versatile classe 2000 Norberto Viloria, già nel giro delle nazionali giovanili azzurre e compagno di squadra di Giarola nella nazionale U-18 che ha preso parte all’Europeo di Grosseto.

Lo scorso anno 15 partite hanno separato il Godo Baseball dalla vetta conquistata dalla Fortitudo Bologna. Quest’anno, la squadra ravennate punta a migliorare il risultato dell’annata scorsa. A questo scopo la società ha messo a disposizione di Marco Bortolotti, vincitore del premio coach dell’anno 2019 FIBS, forze fresche rappresentate dai ritorni del ricevitore classe ‘89 Marco Sabbatani, tornato nella famiglia del Godo dopo le esperienze con Fortitudo Bologna e Castenaso, dell’interno Francesco Fuzzi e dell’esterno Paolo Tanesini che si vanno ad affiancare agli arrivi di Paolo Brezzo (ex Bollate, A2) e dei lanciator Luca Bortolotti  Marco Pizzolini, lo scorso anno in A2 con i New Black Panthers Ronchi dei Legionari. Confermato in toto il roster dello scorso anno capitanato dal seconda base Mattia Bucchi.

L’Hotsand Macerata di Francesco Aluffi si presenta ai nastri di partenza con una squadra che richiama quella che ha conquistato finale playoff e promozione dalla A2 alla A1. Le incertezze causate dall’epidemia da coronavirus hanno causato problemi alla compagine marchigiana, anche sul mercato, in cui Macerata si ritrova con un roster aiutato da rinforzi sul monte di lancio come quelli di Gabriele Quattrini e Gianny Fracchiolla.

Situazione simile per il Collecchio Baseball, che però, per la prima annata in A1 dopo ben 21 anni di assenza, ha garantito al manager Marcello Saccardi un innesto esperto come quello di Diego Fabiani, ex di Padova e Castenaso, reduce da un poco brillante 2019 ma già da tempo nel giro della nazionale azzurra. Fabiani non sarà l’unico nuovo lanciatore a disposizione della neo-promossa. Altri due nuovi acquisti sono Nicolò Pinazzi, classe ‘99, con un trascorso lo scorso anno con Milano Baseball 1946 in serie B e Simone Calasso, jolly classe ‘96 reduce nella passata stagione a Bollate, in A2, dove si è messo in mostra colpendo 4 fuoricampo. La formazione emiliana avrà tanti giovani e tanto entusiasmo nel proprio organico e non sarà una squadra da sottovalutare in questa stagione.

 

di Luca Giangrande