Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Le società di A1 baseball durante l'icontro odierno (2f-FIBS)

Voglia di ripartire anche per la serie A1 Baseball

Continuando sulla linea tracciata dal softball al mattino, nel pomeriggio si sono riunite in videoconferenza tutte le società della serie A1 baseball, per presenza o delega, per discutere della stagione 2020 e della situazione legata all'emergenza sanitaria, alla presenza dei vertici federali e dei rappresentanti della Commissione Organizzazione Gare.

L'incontro è stato aperto dal presidente federale Andrea Marcon che ha illustrato le ipotesi mandate alle società con la comunicazione della convocazione, partendo dall'ufficializzazione da parte della CEB della cancellazione di tutte le coppe europee per club per la stagione 2020. Anche in questo caso l'ipotesi portata avanti dalla Federazione, e poi avallata dalle società, prevede la partenza del campionato nel weekend del 13-14 giugno dividendo le 10 squadre in 2 gironi da 5: Grizzlies Torino, Collecchio, Fortitudo Bologna, Parma e Rangers Redipuglia nel primo raggruppamento, Nettuno City, Nettuno 2, San Marino, Macerata e Godo nel secondo gruppo. La regular season sarà strutturata su girone di andata e ritorno con semifinali incrociate al meglio delle 5 gare e poi finale per lo Scudetto, anche in questo caso in una serie al meglio delle 5 partite. Lasciata aperta la possibilità, sulla base anche delle condizioni economiche, la possibilità di prevedere la disputa della Coppa Italia per quelle squadre che rimanessero fuori dai playoff. La stagione vedrebbe comunque la sua conclusione al 12 settembre.

Una struttura questa che potrebbe comunque rimanere in piedi anche nel caso si prolungassero le tempistiche dell'emergenza sanitaria e si potesse tornare in campo non prima di luglio, che porterebbe a chiudere la stagione ad ottobre. Durante l'incontro tutte le società hanno mostrato grande spirito di collaborazione e flessibilità nelle scelte con l'obiettivo di far arrivare una ventata d'entusiasmo a tutto il movimento prevedendo il ritorno ai diamanti non appena possibile.

Prima di concludere la videoconferenza, le società, insieme alla Federazione, si sono date appuntamento per un nuovo incontro verso la fine del mese di aprile per fare nuovamente il punto della situazione, capire se la data del 13-14 giugno possa essere la vera luce a conclusione di questo periodo buio e, se necessario, discutere di altre novità che servano per la disputa del campionato.

di Fabio Ferrini

Voglia di ripartire anche per la serie A1 Baseball