Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Ai Red Foxes il primo appuntamento della Wild Pitch League

Hanno battuto (5-4) in finale i filippini Azbok


I Red Foxes di Roma si sono aggiudicati il primo appuntamento della Wild Pitch League 2016 battendo (5-4) nella finale giocata a Villa Pamphili i filippini Azbok.
La partita si è chiusa con una gran giocata: con un out e un corridore in seconda, una volata profondissimaha costretto l'esterno centro Gustavo Rosario alla corsa all'indietro. Rosario ha raccolto la palla al volo e fulminato il corridore diretto in terza con un tiroperfetto.


"E' stata una giornata caratterizzata da una partecipazione di pubblico incredibile, circa200 persone" si legge in una nota, che sottolinea lo "sventolio continuo di bandiere filippine" e il fatto che, durante l'esecuzione degli Inni nazionali, ci sono stati momenti di grande emozione: "Specialmente con l'Inno filippino cantato dal pubblico".


Al terzo posto si sono piazzati gli americani I Padri eì al quarto i Samurai giapponesi.
Il capitano dei Red Foxes Stefano Garzia si è aggiudicato il premio di miglior battitore, chiudendo la giornata  a 1000 di media, con un fuoricampo e 2 doppi.


Durante le pause si sono esibite 2 squadre di Cheerleader: le Foxettes e le Azbok Ladies.
Alla giornata, denominata Save the Fox, hanno partecipato i delegati della LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli), dell'ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) e dell'Associazione per Villa Pamphili.


TUTTE LE FOTO
 dalla pagina Facebook dei Red Foxes