Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Il Milano '46 ha presentato la stagione 2016, la numero 70 della sua storia

Sono stati più di 150 i partecipanti presenti all'evento che si è tenuto presso l'Auditorium dell'Istituto Istruzione Superiore Curie - Sraffa. Oltre alla presentazione delle squadre al via nel 2016 e di Alessandro Bortolomai, nuovo manager del Milano Senago United, si è parlato della situazione dello stadio Kennedy e delle iniziative per i 70 anni del club.

da Milano, Daniele Mattioli


Nella pomeriggio di sabato 12 marzo il Milano '46 ha celebrato l'inizio della stagione 2016, la numero 70della sua storia, presso l'Auditorium dell'Istituto Istruzione Superiore Curie - Sraffa, di fronte ad una platea superiore alle 150 persone, composta da atleti di tutte le età, genitori e sostenitori.


Ad aprire l'evento, condotto da Elia Pagnoni e Simone Pinazzi, è stato il Presidente Alessandro Selmiche ha tracciato alcuni degli obiettivi per la prossima stagione, i quali verteranno sull'importanza di continuare a costruire una prospettiva futura per la società. Non a caso, il numero uno meneghino ha messo in evidenza il reclutamento nelle scuole (che a breve ripartirà e coinvolgerà circa 2000 studenti), l'abilità dei tecnici e l'agonismo sano (giusto atteggiamento in campo e rispetto delle regole) che deve caratterizzare ogni tesserato.


Lo stesso Selmi ha poi annunciato che il Milano '46 avrà la gestione ordinaria dellostadio Kennedy, dopo la sottoscrizione della convenzione tra la FIBS e il Comune di Milano avvenuta lo scorso aprile. In merito, è intervenuta l'Assessore allo SportChiara Bisconti che ha spiegato come sia stata importante la presenza dellaFederazione nell'intera trattativa e che nei giorni scorsi sono stati firmati tutti i documenti burocratici per poter iniziare i lavori di ristrutturazione sia all'impianto delKennedy che a quello del Saini grazie all'investimento di 500.000 euro da parte del Comune.


Il Presidente del Milano '46 ha poi parlato delle celebrazioni che si terranno in occasione della festa per i70 anni di storia della società lombarda.


Oltre a un logo creato ad hoc e ad una maglia celebrativa che verrà indossata dalla prima squadra, si svolgeranno infatti 3 eventi. Il primo avrà luogo il 25 aprile con un torneo a ranghi misti tra vecchie glorie egiocatori attuali, sia della prima squadra che delle giovanili. Successivamente ci sarà il Kids Festival,tradizionale appuntamento che, da oltre 10 anni, vede scendere in campo sul diamante del Kennedy gli atleti Under 12. L'ultimo appuntamento avrà invece luogo il 2 ottobre quando, in occasione dellafesta finale per lo storico traguardo delle 70candeline, la squadra Seniores affronterà un avversario di prima fascia, il cui nome verrà reso noto in futuro.


Proprio a proposito della prima squadra, un grande applauso ha accolto sul palco Alessandro Bortolomai, nuovo manager della franchigia tra Milano e Senago che tra poche settimane incomincerà il campionato di serie A.


''Sono molto contento di questa nomina anche se ovviamente si tratta di una grande responsabilità'' ha dichiarato Bortolomai ai nostri microfoni prima dell'inizio dell'evento ''ma mi sento pronto per questo incarico e la pressione che sento è comunque positiva''. Quali sono le aspettative per questo 2016?: ''Continuare a crescere e quindi a proseguire quel percorso iniziato nelle scorse stagioni. La squadra sarà composta come sempre da molti Under 21 mixati a veterani esperti''. Prendi il posto di Renny Duarte, passato al Padovacome pitching coach. Che cosa hai imparato da lui?: ''Molte cose, tra cui l'importanza del saper programmare, sia in breve che a lungo termine, gli allenamenti e tutto quello che li circonda''.


Nel corso dell'evento sono stati consegnati anche diversi premi individuali ad alcuni membri dellaprima squadra. Stefano Realini ha infatti ricevuto una targa per aver indossato per 200 volte ladivisa dello United mentre Jacopo Piccini, che ha ammesso di non sapere se scenderà in campo in questo 2016 per impegni di studio, è stato celebrato per aver realizzato una No-Hit nelloscorso campionato.


Successivamente è salita sul palco una delegazione formata da diversi giocatori e dirigenti del Baseball per Ciechi, con Matteo Briglia che ha raccontato l'esperienza di aver portato la versione europea del gioco negli USA.


Dopo la presentazione di tutte le squadre, che prenderanno il via nella prossima stagione, e i premi individuali agli atletii delle giovanii, ha preso il via la lotteria che ha visto partecipare tutti i presenti.