Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

In serie A inizia la finale per il titolo

di Daniele Mattioli

In questo fine settimana prende il via la finale per il titolo del campionato di serie A tra il Bollate e il Grosseto. La serie, al meglio delle 5 partite, inizia in Lombardia sabato 12 settembre con i primi 2 incontri (ore 16 e 20.30), mentre gara 3 e le eventuali quarta e quinta partita si giocano in Toscana sabato 19 (ore 16 e 20.30) e domenica 20 (ore 10.30). Come da regolamento, il lanciatore non ASI potrà essere utilizzato nella seconda, quarta e quinta sfida.

Il Grosseto, campione in carica, arriva all'atto conclusivo della stagione grazie allo sweep rifilato al Foggia in semifinale. "La squadra si è allenata bene ed è pronta per questo appuntamento" afferma Carlo Del Santo, manager dell'Enegan "dispiace solo di non poter contare sull'appoggio di Giovannini che si è fatto male e non sarà della sfida. Il suo posto, dietro al piatto di casa, verrà preso, per lo meno in gara uno, da Attriti". Che serie ti aspetti?: "Sicuramente combattuta in quanto, quando si gioca un appuntamento come questo, è come disputare un nuovo campionato di 3, 4 o 5 partite. Sarà decisiva molto la prima gara, soprattutto da un punto di vista psicologico, perché vincere subito ti porta ad avere meno pressione addosso. Il Bollate è una buona squadra, con elementi, ad esempio, dotati di grande esperienza come Pedro Orta, un lanciatore che non fa tantissimi strike out ma che conosce benissimo quali lanci fare". I pitcher partenti del Grosseto saranno Perez in gara uno e Marquez nella seconda sfida.

Dall'altra parte, invece, il Bollate confida nel fattore casalingo delle prime 2 partite, dopo aver eliminato il Collecchio in semifinale. ''Lo scorso fine settimana abbiamo giocato in maniera impeccabile in tutti i reparti. Il monte di lancio ha fatto davvero bene così come la difesa e l'attacco'' racconta David Sheldon, manager della squadra lombarda. Cosa dirai ai ragazzi prima di scendere in campo?: ''Semplicemente di giocare per i compagni e di dare il massimo in ogni singola azione. Siamo in una finale per il titolo e pertanto gli stimoli sono già al massimo. L'importante, come detto, è di lottare come leoni in modo tale da non avere recriminazioni una volta terminato l'incontro''. Anche per il Bollate non ci saranno cambiamenti di rotazione, con Orta e Garcia lanciatori partenti.

IL PROGRAMMA

La foto di copertina è di Lauro Bassani.