Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Angel Marquez racconta il suo perfect-game

di Daniele Mattioli

Dopo aver lanciato la seconda no-hit in carriera in Italia lo scorso maggio contro l'Anzio, Angel Marquez è riuscito nell'impresa di fare ancora meglio, realizzando un perfect-game nella vittoria del Grosseto contro il Ronchi dei Legionari nell'ultimo turno del primo round dei playoff di serie A.

"Chiunque da bambino sogna di lanciare una gara del genere, ma poi quando cresci non ci pensi più e il tuo unico obiettivo è quello di aiutare la squadra per la quale giochi" racconta il pitcher dell'Enegan "quanto è accaduto sabato sera è stato quasi irreale, semplicemente meraviglioso''.

La prova di Marquez è stata infatti maestosa, con ben 21 eliminazioni al piatto realizzate, record di tutti i tempi tra i giocatori che hanno indossato la maglia del team maremmano e lanciato un perfect game, e solamente 6 out confenzionati dalla difesa ''è stato davvero incredibile, ho incomincato a capire che cosa stavo facendo quando mi sono trovato sul conto pieno contro un battitore avversario a metà partita ed ero consapevole che un lancio sbagliato poteva pregiudicare il tutto. Sono restato calmo e ho capito che la cosa più giusta da fare era quella di continuare a centrare la zona dello strike ed è andata bene''.

Alla fine, dopo l'ultima eliminazione, arrivata con l'out al volo di Sgnaolin sulla battuta di Berini, è partita la grande festa ''tutti si sono complimentati con me, dai compagni ai dirigenti senza dimenticare i tifosi che mi hanno a lungo applaudito. Tutto davvero emozionante''.

Ora per il Grosseto è arrivato il momento delle semifinali scudetto contro il Sala Baganza ''abbiamo fatto una bella stagione fino a oggi e ovviamente vogliamo continuare a fare bene. Personalmente conosco gli avversari in quanto li ho più volte affrontati quando giocavo a Modena. Dovremo essere concentrati sin da subito per cercare di continuare il nostro cammino. Io mi sento in forma e così anche i miei compagni. Siamo pronti''.