Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Al "Primo Nebiolo" di Messina in campo cinque società della categoria ragazzi

Si è svolto sul diamante “Primo Nebiolo” di Messina il Torneo di Natale categoria ragazzi organizzato dal Cus Messina. L'evento, con protagonisti i ragazzi delle classi 2004-2001, ha permesso alle squadre del Bronte, Catania, Messina, Paternò e Randazzo di giocare a rotazione su tre campi, e chiudere l'attività del 2012.
Il torneo non voleva porre l’accento sul livello dei ragazzi, diverso da una squadra all'altra, ma sulla sportività e il senso d’aggregazione creando un minimo comune denominatore basato sul divertimento.
Particolarmente soddisfatti per lo svolgimento della giornata, i genitori che hanno assistito con piacere non solo alleCus Messina Campo Primo Nebiolo Dic-2012 performance dei figli ma alla spensieratezza con cui hanno assaporato le attività.

Anche il presidente regionale della FIBS, Michele Bonaccorso, si è mostrato entusiasta: “La cosa più bella è vedere che la passione impiegata in eventi come questo riesce a pervadere ragazzi e familiari, soprattutto in un periodo dell’anno dove le temperature (ndr 18°) non sono delle migliori ma che comunque ci permettono di giocare all’aperto . Manifestazioni del genere devono essere solo la punta di un grosso iceberg sul quale appoggiare la nostra federazione, soprattutto se si tende al cambiamento”.
L’idea di base del presidente regionale, infatti, è quella di fondere il gioco del batti e corri con la società civile organizzando in ogni città un torneo, che offrirà, oltre la reale attività agonistica, un’ insieme di attività ludiche e ricreative che potrebbero arricchire gli eventi in cartellone della città; ciò permetterebbe di amplificare le nostre attività e sicuramente portare maggiore visibilità al baseball e alle società organizzatrici.

I commenti, in positivo, non tardano ad arrivare anche da parte del Cus Messina che, nella persona di Antonio Sacca responsabile della sezione, ha espresso chiaramente la voglia di un proseguo di attività come queste. “Una festa meravigliosa – dice Sacca - all’insegna dello sport e del divertimento. La gioia più grande nasce dal vedere il campo pieno di ragazzini ricchi d’entusiasmo e carichi di speranze; possiamo paragonarli a dei semi che stanno sbocciando, noi dobbiamo tutelarli e incitarli per farli crescere forti e robusti. I ragazzi sono il futuro, non possiamo disattendere le loro aspettative”.