Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Una giornata alla IMG Baseball Academy

di Marco Landi

La sede delle IMG Academies a Bradenton, Florida, si presenta imponente già al primo approccio, all'ingresso reso estremamente accogliente da piante e fiori curatissimi, che non nascondono un sistema di sicurezza rigoroso, ma le effettive dimensioni del progetto sono rese ben più evidenti dal plastico che fa bella mostra di se alla reception della splendida clubhouse di legno bianco.

"Questo è il progetto originale" spiega Matthew Huffman dell'ufficio commerciale "non è ancora Da sinistra a destra: Matthew Huffman, Kit Carlson e Ken Bolek (Oldman-FIBS)completato e abbiamo già deciso alcune modifiche, ma l'impostazione è questa. Due dei diamanti da allenamento saranno per l'estate trasformati definitivamente in campi per la categoria 12U e presto contiamo di partire con il softball."

Campi da football, calcio, tennis, un driving range per il golf sfilano mentre si percorre il non breve tragitto che conduce alle strutture dedicate al baseball, circondati da gruppi di giovani atleti che fanno jogging nei vialetti del campus. I residenti sono 600 e d'estate si arriva a oltre 1.000, racconta Huffman.

Una grande struttura coperta, attrezzata con pesi e gabbie di battuta, ospita la stella di Pittsburgh Andrew McCutchen, impegnato in una seduta personalizzata dopo il lavoro svolto con i primi Pirates che hanno raggiunto anticipatamente la vicina sede del loro spring training.

Il direttore della IMG Baseball Academy, Ken Bolek, una solida carriera nelle Minor e tanta esperienza da allenatore, ci accoglie al termine di una giornata di lavoro molto impegnativa e scalda subito l'atmosfera con racconti italiani: "Sono stato alcune volte in Italia, 8-10 anni fa, a Grosseto, dove mi avevano chiamato per alcuni clinic specifici sulla formazione giovanile.

Non dimenticherò mai un giorno in cui, chiesto il mio permesso, tutte le mamme si erano messe a cucinare a lato del campo per preparare una cena per tutti dopo il lavoro. Non si vedeva da lì quello che stavano facendo, così, dopo l'allenamento e una serie d'interviste per giornali, radio e TV locali, mi avvicino pensando a un veloce barbecue. Bene, quello che ci aspettava era un pranzo da 15 portate! Nell'andarmene, svariate ore dopo, mi girai per guardare il tavolo e, vedendo la fila impressionante di bottiglie di rosso vuote, mi dissi, soddisfatto ‘Ok, ho fatto la mia parte' contento di riuscire a raggiungere l'auto con le mie gambe.

Battute a parte, ho trovato una passione e una fame per il baseball eccezionali, in Italia."

La struttura per il baseball di Bradenton alla IMG Academy (IMG Academy)Bolek è molto fiero delle sue esperienze internazionali: nel 1974 faceva parte di una selezione USA che partecipò alla Baseball Week di Haarlem, dove ricorda con la luce negli occhi un walk off grand slam ai danni dei padroni di casa orange.

La sua espressione si fa poi intensissima quando si tratta di illustrare la sua creatura: "Noi qui riteniamo che il gioco sia già abbastanza difficile per prenderlo alla leggera, perciò quello che offriamo è un ambiente in cui tutto viene insegnato professionalmente e nel migliore dei modi, curando i minime dettagli. Il lavoro che facciamo con i giocatori più giovani non si distingue tanto dai programmi individuali per i major leaguers."

"Abbiamo programmi specifici per gruppi di 18, 16, 14 e 12 anni" interviene il Baseball Sport Advisor Kit Carlson "e quest'anno presentiamo per la prima volta una lega Mazze di Legno per i dodicenni."

"Vogliamo equilibrare il gioco" prosegue Bolek "abbiamo riscontrato che nei 12U sono 2 giocatori che fanno la squadra, sia in attacco che in difesa, e gli altri contribuiscono troppo poco. Con la mazza di legno pensiamo che le possibilità di avere un impatto più equilibrato da parte di tutti sia più alta. Guardate le Little League World Series, a tutti piace vedere ragazzini fare fuoricampo, ma lì a volte, con l'alluminio, la palla esce di 100 piedi! È davvero troppo.

Noi qui riscontriamo che mediamente i ragazzi di 14 anni arrivano senza sapere esattamente cosa fare. La loro esperienza viene al 95% dalla partita, ma addirittura non sanno come si corre! Alla IMG Baseball Academy gioco e allenamento si dividono l'importanza al 50%. Applichiamo per tutti il principio del Total Athlete: forza, velocità, nutrizione, mentalità, tutti gli aspetti sono seguiti professionalmente.

I ragazzi che vengono qui non sono necessariamente i migliori, ma quelli che prendono il gioco sul serio. È questo Il simulatore di battuta alla IMG Academy (IMG Academy)l'elemento che fa il gruppo, anche il meno dotato è rispettato da tutti gli altri perché condivide questa scelta d'impegno totale, chi non è d'accordo, se ne va."

"Il 40% degli atleti" specifica Carlson "ritorna negli anni successivi. Questo è anche il motivo per cui puntiamo molto sull'introduzione del legno, perché possiamo contare su una continuità nella formazione che porta i ragazzi a essere già pronti per diventare ciascuno il miglior giocatore possibile."

"Sappiamo" conclude Bolek "che soltanto il 2% dei ragazzi che passano di qui diventeranno domani giocatori professionisti, ma sappiamo anche che il restante 98% cerca e riceve insegnamenti ed esperienze che li aiuteranno a ottenere il meglio per la loro vita in qualsiasi campo si svilupperà."

Un approccio di qualità totale che rende molto promettente la collaborazione fra FIBS e IMG Baseball Academy e che non mancherà di continuare a fornire spunti e sviluppare proposte estremamente interessanti per il movimento italiano.

Contatti:

Fiorella Bonfanti
Authorized Independent Representative of IMG Academies
cell. 348 0357450
email: fbsports57@gmail.com web: www.fiorellabonfantisports.it

 

LA PAGINA DELLA IMG BASEBALL ACADEMY