Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

IL BASEBALL IN ITALIA DURANTE LA GRANDE GUERRA E UN COACH D'ECCEZIONE: FIORELLO LA GUARDIA

La memoria presentata sarà pubblicata negli Atti del Congresso

Di Roberto Buganè

Villa Borghese 1918: una partita tra 'avieri' americaniNel corso delle ricerche per documentare la memoria presentata al Congresso del Comitato Europeo per la Storia dello Sport tenutosi a Pisa nel settembre del 2009 abbiamo trovato sulla "Domenica Sportiva" del 2 giugno 1918 una fotografia che riprende militari americani, in altra parte del giornale identificati come avieri, intenti a giocare una partita a baseball a Villa Borghese sul campo di Piazza di Siena. La cosa ha sollevato la nostra curiosità in quanto non avevamo notizia di avieri americani in numero così rilevante a Roma.

La nostra curiosità è rimasta al momento della scoperta insoddisfatta e forse lo sarebbe rimasta per sempre se non fosse accaduto qualcosa durante il Congresso. Al termine della presentazione delle memorie si è aperto il dibattito sulle stesse.
In un intervento il professor Gregory Alegi, docentee di storia dell'aeronautica presso l'Accademia dell'Aeronautica Militare di Pozzuoli, segnalava che nel 1917/1918 ben 400 militari americani divennero piloti nelle scuole di volo italiane di Foggia e Bolsena.

Riteniamo molto verosimile l'ipotesi che i piloti di Piazza di Siena fossero un gruppo di quelli in istruzione aLa copertina del libro Dear Bert (www.logisma.it) Bolsena che dista da Roma poche decine di chilometri.
Il professore segnalava poi che nel libro "Dear Bert", scritto da Edward Davis Lewis, figlio di George M.D. Lewis, uno di quei piloti, pubblicato in Italia nel 2002 dalla casa editrice LoGisma in collaborazione con il Museo dell'Aeronautica "Gianni Caproni", vi erano foto che testimoniavano lo svolgimento di una partita di baseball sul campo di volo di Foggia.

Nel libro, che è la proposizione commentata del diario tenuto giorno per giorno dal padre dell'autore durante la permanenza in Europa, abbiamo effettivamente trovato 6 foto relative a quell'evento, e la pagina del diario del 28 ottobre 1917 racconta che in quel giorno al campo si è giocata una partita di baseball fra le squadre del Lt. Frost e quella del Capt. La Fasi di gioco a Foggia (www.logisma.it)Guardia, vittoria della prima sulla seconda per 12 a 9.
Il capt. La Guardia era Fiorello, il grande italoamericano che sarà forse il più famoso sindaco di New York, città che gli volle intitolare pure il suo principale aeroporto prima della costruzione del "Kennedy".

Il capitano Fiorello La Guardia fu per un certo periodo il comandante di quel gruppo di piloti americani.
La Guardia è soggetto principale di due foto, in una sta compilando l'ordine di battuta della sua squadra, nell'altra è ripreso nell'atteggiamento di conduzione della squadra in campo.Fiorello La Guardia manager di baseball al campo volo di Foggia nel 1917 (www.logisma.it)

 

Con ogni probabilità si tratta della prima partita di baseball giocata in Italia nel XX secolo.

Le foto con Fiorello La Guardia sono state "gentilmente concesse da Edward Davis Lewis, autore del libro Dear Bert, An American Pilot flying in WWI Italy edito da LoGisma editore (www.logisma.it) in collaborazione col Museo dell'Aeronautica Gianni Caproni". Il libro è tutt'ora in commercio