Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

LA T&A PASSEGGIA CONTRO UN DE ANGELIS IN EMERGENZA. I LANCIATORI DELLA TELEMARKET DOMINANO IL CARIPARMA

La prima partita del trittico fra De Angelis Godo e T&A San Marino è una gara a senso unico, perché quando l'attacco dei campioni d'Italia trova continuità e il monte di lancio lo sorregge come ha fatto Horacio Estrada (5 vinte-1 persa, 1.41 era), non è certo facile trovare la chiave per opporvisi.
Non ce l'ha fatta la squadra di Maurizio Zoli, in formazione sì pesantemente rimaneggiata, ma che sicuramente si aspettava qualcosa in più dal suo partente Enmauel Ulloa (1-4, 1.79), in tenuta ed efficacia.
San Marino sblocca già al secondo inning, con una volata di sacrificio di Rovinelli che porta a casa un Ardley Jansen ritrovato nel box (2 su 5 con 2 doppi), ma l'attacco che decide la partita è quello successivo, aperto da un errore di Escalona sulla battuta di Albanese, che arriva poi in terza grazie al singolo di La Fera e a punto sul doppio di Duran. Anche Vasquez va in valido e batte a casa entrambi i compagni per lo 0-4. ma il big inning prosegue: Vasquez ruba e giunge fino in terza per l'assistenza sbagliata di Rubboli, quindi De Biase è passato in base con 4 ball, ma sulla battuta in diamante di Jansen è Lino Connell (terza base d'emergenza) a commettere l'errore che consente a Vasquez di siglare il quinto punto. Seguono il singolo di Imperiali a riempire le basi, e quello di Sheldon a decretare lo 0-6, con un solo eliminato. Gli ultimi due out sono Albanese e La Fera, entrambi di nuovo nel box in questa ripresa.
La prova di Ulloa termina qui, con 6 punti subiti, di cui 4 guadagnati su di lui, in virtù di 6 valide e 2 basi ball, con 3 k in 3 riprese.
Lo sostitisce Danny Forte, che si dimostra in grado di mettere il silenziatore alle mazze sammarinesi e concede soltanto 2 valide nei restanti 6 inning: il doppio di Jansen e il singolo di Imperiali che lo porta a casa per il settimo punto ospite al settimo inning.
L'attacco di casa, in difficoltà contro Estrada (0 punti, 5 h, 2 bb e 7 so in 7.0), ottiene contro Ramirez il punto della bandiera all'ottavo, un solo homer di Roberto Toniazzi.

IL TABELLINO

Da Rimini, Riccardo Schiroli

Con una prova di forza la Telemarket Rimini consolida il primato battendo (7-0) un Cariparma che esaurisce tutte Rafael Garcia è stato ancora una volta dominante (Ferrini/Fibs)le valide della sua serata con il secondo uomo della partita. Orlando Munoz tocca duro una palla veloce del partente di casa Rafael Garcia e il pitcher dominicano del Rimini viene anche colpito all'avambraccio destro dal 'line drive'.
Certamente la Telemarket passa momenti di nervosismo, ma alla luce dei fatti Garcia non risente più di tanto dell'episodio. Parma arriva in seconda base solo al sesto (con 2 out) con De Simoni, che guadagna la base per ball e avanza su una battuta in diamante. Sottilizzando, si potrebbe notare che Garcia concede 3 basi ball in 6 riprese (lui che fin qui aveva passato in base solo 12 avversari in 54 inning). Dettagli, perchè Garcia ottiene anche 6 strike out.
Al posto di Garcia sale in pedana Gustavo Martinez e, se possibile, al Parma va anche peggio: nessuna valida, 2 basi e 6 strike out.
Alla Telemarket bastano 2 battitori della terza ripresa per segnare più dei punti che servirebbero ai suoi lanciatori per vincere: Avagnina tocca un singolo e Gonzalez spara il secondo lancio di Palma dietro la recinzione al centro.
La superiorità delle mazze del Rimini su Ricardo Palma è schiacciante. Il venezuelano si difende col mestiere, e un ottimo uso della zona esterna del piatto, ma non appena sbaglia viene punito. Il terzo inning arriva (con 2 out) su un singolo di Crociati (terza valida consecutiva della ripresa) al quarto. Il lunghissimo homer (nono stagionale) di Rios al quinto vale il 4-0 e chiude la partita di Palma.
Il suo rilievo Lira ottiene 5 out in fila prima di crollare alla settima ripresa, quando concede (con 2 out) una base e 4 valide.
Alla fine, il solo Coffie resta senza valide nell'attacco di casa. Dato che sintetizza piuttosto bene l'andamento della serata.

IL TABELLINO