Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

POSITIVO IL BILANCIO DEL TROFEO SICILIA

Spenti i riflettori del Trofeo Sicilia 2009, risulta difficile accantonare le immagini e le emozioni che hanno caratterizzato questa quarantesima edizione. L’organizzazione magistrale del C.O.N.I. Regionale, grazie al lavoro del Presidente Massimo Costa, e del Comitato Provinciale di Palermo ha fatto si che la manifestazione fosse curata in ogni piccolo dettaglio. E non erroneamente il Trofeo Sicilia viene definito una mini-olimpiade, dato che fin dalla serata inaugurale l’atmosfera che regnava era proprio quella dell’inaugurazione dei Giochi Olimpici.

Se tutto è andato per il meglio lo si deve anche all’attenta collaborazione prestata dai partecipanti e, soprattutto, dai loro dirigenti, che hanno prontamente risposto alle singole esigenze e problematiche  organizzative. Ne è esempio Michele Bonaccorso, Presidente della F.I.B.S. Sicilia, che si è fatto carico del compito di organizzare la partecipazione delle Società Siciliane di Baseball e Softball.

"Sono ancora molto provato dall’organizzazione, ma ripartirei nuovamente per una nuova avventura" commenta Bonaccorso, che aggiunge: "Tra qualche giorno parte l’organizzazione del Trofeo delle Regioni, che si terrà nelle Marche, con la speranza che il prossimo anno si possa organizzare in Sicilia".
Con poche ma significative parole Michele Bonaccorso riassume l’importanza della partecipazione ad eventi sportivi come il Trofeo Sicilia 2009: "Penso che una manifestazione del genere occorra con cadenza trimestrale. Questi esempi per i nostri giovani sono di fondamentale importanza, dato che alzano il livello tecnico sportivo, ma ciò che realmente apportano nella crescita personale di ogni ragazzo sono: un cambio di vedute rispetto al loro vissuto quotidiano, una proiezione verso il miglioramento della propria condizione personale e familiare e una possibile svolta per il loro futuro di cittadini".