Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

LA T&A CONQUISTA GARAUNO A BOLOGNA

Da Bologna, Marco Landi

Nella prima partita del trittico contro la Fortitudo, a Bologna, la T&A San Marino fa esordire Ardley Jansen, olandese di Curacao, all'esterno destro, mentre Marco Nanni conferma in prima base Andrea Gamberini. Sul monte, ovviamente, i partenti stranieri Jesus Matos (1 vinta-1 parse, 1.29 era) e Horacio Estrada, che si presenta nel capoluogo felsineo con il percorso netto di 2 vittorie, nessuna sconfitta e nessun punto subito, così come il suo rilievo naturale Luis Ramirez.
William Vasquez ha chiuso la partita a 2 su 2 con un fuoricampo (Ferrini FIBS)Il lineup dei campioni d'Italia va a segno nella prima ripresa, con Seth La Fera, autore di un lungo doppio al centro, spinto a casa da Max De Biase (3 su 4 alla fine) con un singolo, ma anche l'attacco bolognese si dimostra inizialmente reattivo: Juan Carlos Infante apre con una valida, Pantaleoni picchia un doppio a sinistra ed Eddy Garabito li batte a casa entrambi con un singolo che si infila sulla seconda base e procura il 2-1.
Nel terzo inning la potenza del lineup sammarinese emerge in tutta la sua evidenza: due solo homer al centro consecutivi di Vasquez (2/2) e De Biase segnano rispettivamente pareggio e sorpasso. Non capita spesso, contro Matos.
Da questo momento in poi, nella parte centrale della gara, i due fuoriclasse del monte mettono in scena una sorta di duello personale, di cui fanno le spese i battitori avversari: Matos mette a segno 5 strikeout fra quarto e quinto inning, concedendo un singolo a Duran, poi colto rubando sulla seconda, ed Estrada si occupa personalmente di eliminare con un pickoff perfetto Angrisano, l'unico biancoblu ad essere riuscito ad andare in base, con un singolo, dopo la prima ripresa.
Vasquez ottiene la base in apertura di sesto inning, quindi arriva in terza sulla battuta in diamante di De Biase che buca la difesa e si spegne in campo destro nel guanto di Liverziani.
La battuta in diamante di Jansen provoca l'eliminazione di De Biase in seconda, ma consente a Vasquez di segnare il 2-4. Sullo strikeout di Rovinelli, Angrisano neutralizza il secondo tentativo di rubata della partita e Jansen è il terzo out.
Matos lascia il campo dopo 7 riprese complete e 99 lanci, con 4 punti a carico in virtù di 6 valide e 2 basi ball concesse, e 15 strikeout messi a segno. Al suo posto Eddy Rodriguez, che ancora una volta ha un avvio a dir poco difficile, con il bunt valido di Duran seguito dalla nuova smorzata di La Fera che finisce proprio al lanciatore, il quale però non trova nessun compagno in prima base all'appuntamento con la sua assistenza. Sull'errore Duran segna il quinto punto ospite. Il manager della Fortitudo Marco Nanni non gradisce le chiamate sui lanci del suo giocatore e viene espulso per proteste.
Poi Vasquez batte un singolo a destra e la Fera sigla il 2-6. All'ottavo anche Estrada (2 punti, 4 valide, 1bb, 9so) con 91 lanci effettuati lascia il posto a Luis Ramirez, il quale controlla senza problemi un attacco bolognese che si è evidentemente esaurito nella fiammata iniziale.

IL TABELLINO