Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

BIS DI REGGIO EMILIA CONTRO AVIGLIANA

Da Avigliana, Fabio Ferrini

Guidata da un'ottima prestazione sul monte di Daustin Nielsen, la Palfinger Reggio Emilia fa bottino pieno nella trasferta piemontese superando l'Avigliana anche nella seconda partita del week-end (3-6). Una vittoria arrivata al termine di nove riprese dove i lanciatori hanno dominato la scena a lungo e dove il quinto attacco emiliano ha rappresentato la svolta. Un inning dove i padroni di casa hanno aperto la strada della vittoria agli avversari con un errore difensivo di Piovan rivelatosi alla fine determinante. Pieno merito comunque ai ragazzi di Saccardi che adesso sono ad un passo dal ritorno nella massima serie ed avranno ben tre match-point casalinghi per coronare il sogno della promozione.

Ad Avigliana non è bastata la buona prova sul monte di Troisi (Pellino/Avigliana Baseball)Nella seconda sfida di giornata Reggio Emilia presenta sul monte l'affidabile Daustin Nielsen, mentre Avigliana si affida al diciannovenne Nunziante Troisi già ben comportatosi in semifinale. Questa volta a partire forte è il nove di Giamario Costa che costruisce il vantaggio al primo attacco e con due eliminati. Carbone arriva salvo su un errore di Ghilarducci, ruba la seconda e vola a casa sulla battuta di Celeste che per un attimo fa gridare al fuoricampo ed invece ferma la sua corsa contro la parte alta delle recinzione per un doppio che ha però l'effetto sperato (1-0). Al contrario il partente piemontese controlla molto bene le mazze emiliane nelle prime tre riprese, sei eliminazioni a fila tra primo e secondo inning ed una sola valida, prima di capitolare al quarto su un doppio di Macaluso poi a punto con il singolo di Ori (1-1). Sull'onda del pareggio la squadra di Saccardi spinge sull'accelleratore anche nella ripresa successiva e, complice un errore difensivo di Piovan, costringe Avigliana al cambio sul monte e si porta in vantaggio. Quintavalla tocca una valida, sulla successiva battuta di Gaurdasoni il seconda base piemontese sbaglia un facile assistenza verso l'interbase, così dal probabile doppio gioco, la Palfinger si ritrova con due uomini salvi sulle basi. Una palla mancata che spinge avanti i corridori di una base costringe il manager Costa a sostituire il lanciatore ma neanche Bruera riesce a fermare le mazze avversarie: la volata di Tagliavini vale l'1-2, mentre il singolo di Schmidt spinge a casa il terzo punto reggiano. Un passaggio a vuoto che costa molto caro ai nero arancio di casa perché il partente emiliano Nielsen dal terzo inning in poi domina sul monte dove lascia una sola valida e quando concede quattro ball rimedia con i pickoff che gli fruttano tre colti fuori base. Una pecca offensiva che alla fine Avigliana paga soprattutto perché in una partita dal punteggio stretto si rivelano occasioni sprecate. Dal canto suo invece Reggio Emilia torna a battere un colpo all'ottavo con Macaluso che, in base per ball, sigla il l'1-4 sui singoli di Quintavalla sigla il 2-1 di Reggio Emilia (Pellino/Avigliana Baseball)Ferrua e Perracino. Uno "schiaffo" che dà la sveglia all'Avigliana. I piemontesi tornano a siglare punti grazie a De Maria che, valida e palla mancata, completa il giro delle basi sul singolo a sinistra di Carbone (2-4). Con prima e seconda occupate, Mondino in seconda dopo aver ricevuto in precedenza quattro ball, Nielsen lascia il posto a Macaluso che salva la ripresa con uno strikeout su Celeste. E' però il canto del cigno per Avigliana perché la Palfinger ristabilisce subito le distanze nell'ultimo attacco. Con Guardasoni in prima, valida, e dopo due eliminati arrivano in sequenza il singolo di Schmidt e il doppio di Macaluso che valgano due punti (2-6). Troppo per il nove di Costa che spinge a casa De Maria (3-6) e porta nel box il punto del possibile pareggio, ma vede stroncate le sue speranze di rimonta sullo strikeout di Sironi.

LA SCHEDA DELLA PARTITA