Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

AVIGLIANA E REGGIO EMILIA PER UN POSTO NELLA IBL 2009

Di Fabio Ferrini

Parte in terra piemontese la sfida tra Avigliana e Palfinger Reggio Emilia che in questo week-end giocheranno le prime due partite della serie di finale con in palio il titolo di A2 e la promozione nell'Italian Baseball League. Una serie che si preannuncia molto equilibrata perché si trovano di fronte le due squadre che hanno vinto e dominato i rispettivi gironi, due squadre che per gioco e mentalità si assomigliano molto. Entrambe hanno chiuso la regular season con solo otto sconfitte, entrambe contano su un parco lanciatori buono, sia sul lato qualitativo che su quello quantitativo, ed una difesa compatta ed hanno due line-up non devastanti ma sempre pronti a colpire al momento giusto. L'approdo alla finale però è la cosa che le ha differenziate: sofferenza e carattere quello di Avigliana che ha avuto la meglio su un coriaceo Anzio alla quinta e decisiva gara, sul velluto quello di Reggio Emilia che con estrema facilità ha risolto la pratica Codogno.

Luca Celeste il migliore di Avigliana nel box nella semifinale con Anzio (www.aviglianabaseball.it)"Faremo il possibile per vincere e riconquistare ciò che abbiamo perso l'anno scorso (la IBL, ndr) - spiega il presidente di Avigliana Antonio Carbone - perché questa può essere l'occasione per ricompattare tutte le società piemontesi e dare vita ad un nuovo progetto. L'esperienza fatta l'anno passato in A1 ha lasciato a tutti, dirigenti e giocatori, la consapevolezza dei nostri mezzi e anche se abbiamo una squadra senza nomi di grido il gruppo è molto omogeneo ed ha la giusta serenità per affrontare qualsiasi ostacolo".

"Anche noi affrontiamo la finale con lo spirito di chi vuole vincere - sottolinea il presidente emiliano Graziella Casali - I ragazzi hanno la consapevolezza delle loro capacità e ci piacerebbe poter giocare il prossimo anno nella IBL. Un piccolo aiuto ce l'ha dato anche la sorte che ci permetterà di giocare il ritorno in casa".

Un aspetto da non sottovalutare perché, se i fatti confermeranno le previsioni, è quasi scontato pensare che la serie si risolverà alla quinta partita, elemento su cui concordano entrambi i massimi dirigenti, e Reggio Emilia avrà dalla sua il fattore campo.

Sarà quindi una sfida tutta da seguire iniziando dalle due partite di Avigliana (gara-1 alle 15.30 e gara-2 alle 20.30 di sabato 13) perché le due squadre si presentano al gran completo. Il manager piemontese Gianmario Costa recupera Piovan, elemento importante perché capace di ricoprire il doppio ruolo di interbase e closer, anche se è molto più Michael Zambelli torna a disposizione di Reggio Emilia dopo aver saltato la semifinale (www.reggiobaseball.it)facile che torni sul monte per le gare in Emilia perché reduce da infortunio alla mano. Tra gli uomini più in forma dei nero arancio Luca Celeste che in semifinale ha battuto con .471 di media e Davide Zuanon (.357). Sul monte Costa avrà solo l'imbarazzo della scelta: Di Taddeo dovrebbe essere uno dei due partenti, mentre l'altra partita potrebbe essere affidata al giovane Nunziante Troisi che si è ben comportato contro Anzio. Dietro a loro Bruera, Cargnino e Roddy Troisi saranno i probabili rilievi.
In casa di Reggio Emilia due ritorni importanti per il manager Marcello Saccardi che potrà nuovamente contare sull'apporto di Brian Ghilarducci e Michael Zambelli assenti in semifinale contro Codogno. Due pedine importanti nello scacchiere emiliano: il primo si riprenderà il ruolo di interbase con lo spostamento di Tagliavini in terza, mentre al secondo sarà riservata una delle due partenze, facile pensare a gara-1. L'altra partita dovrebbe vedere sul monte Daustin Nielsen anche se il giovane Filippo Bertolini ha ben impressionato nei playoff. A Iacopini e Macaluso i rilievi con quest'ultimo molto atteso anche nel box dove,  insieme a Ferrua, è stato uno degli elementi trainanti della squadra durante tutta la stagione.