Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

NETTUNO SI IMPONE 4-3 SU SAN MARINO E PORTA LA FINALE A GARA-7

Da Nettuno, Fabio Ferrini

Trascinata dal pubblico delle grandi occasioni la Danesi Nettuno si impone di misura sulla T&A San Marino (4-3) e prolunga la serie scudetto a gara-7. Per la quarta volta in queste Italian Baseball Series la sfida tra le due finaliste finisce con un solo punto di scarto a testimoniare il grande equilibrio che regna sul diamante. E anche la sesta partita, dove non sono mancati i colpi di scena, è stata all'insegna del grande baseball: Nettuno che torna a giocare con la grinta delle gare importanti e conduce sempre nel punteggio, mentre San Marino risponde a suon di bordate con tre fuoricampo e per poco non sfiora l'impresa.

Il grande pubblico presente allo "Steno Borghese" per gara-6 (Ferrini/FIBS)Come da previsioni la Danesi si affida sul monte a Carlos Richetti e la T&A risponde con il giovane Matteo Tonellato che, dopo un inizio titubante, si rivela all'altezza della situazione. Spinto dalla carica degli oltre seimila presenti allo "Steno Borghese" il Nettuno parte forte e passa in vantaggio al primo attacco. Pronti via e Duran spedisce il primo lancio della partita in mezzo agli esterni per un doppio, avanza sulla battuta in diamante di Ugueto e, dopo quattro ball a Camilo, Mazzanti tocca verso Sheldon che prova a girare un doppio gioco non riuscito e su cui l'esterno centro laziale giunge a casa (1-0). Il giovane lanciatore della T&A si complica la vita riempiendo tutti i cuscini con le basi ball a Tavarez e Schiavetti ma ne esce senza conseguenze grazie alla presa al volo di La Fera. La Danesi torna a muovere il punteggio al terzo: Ugueto riceve quattro ball e corre in terza sulla secca linea a destra di Camilo, poi Mazzanti completa l'opera con un singolo al centro che vale il raddoppio. La volata di sacrificio di Schiavetti permette il 3-0. San Marino però conferma di credere nell'impresa e al cambio campo mette paura al Vasquez ha fatto tremare il Nettuno con due fuoricampo (Ferrini/FIBS)nove di Bagialemani con i due soli-homer di Vasquez e Rovinelli, al quarto successo personale della finale, che valgono il 3-2. Le emozioni continuano nella parte bassa dell'inning con Duran che, con due out, batte ancora un doppio e va a punto sul singolo di Ugueto (4-2). Dopo una pausa di tre riprese in cui Richetti, ben aiutato dalla propria difesa, e Tonellato, grazie anche ad una bella presa all'esterno del solito Buccheri, controllano le mazze avversarie senza rischiare nulla, è la T&A a battezzare il rilievo nettunese Costantini all'ottavo attacco con Vasquez che spara ancora una volta un fuoricampo da un punto a sinistra (4-3). La tensione gioca un brutto scherzo alla Danesi perché Mazzanti commette un errore che porta De Biase in seconda, poi Rovinelli riceve l'intenzionale e Sheldon viene colpito. A basi cariche una secca linea di Imperiali viene presa al volo dal terza base laziale e lo strikeout di Costantini su Suardi chiude una ripresa dai molti rimpianti per la squadra di Bindi. Una boccata d'ossigeno per Nettuno che nell'ultimo inning trema ancora quando Vasquez e La Fera sono sulle basi con De Biase nel box, ma la facile eliminazione in seconda operata da Mazzanti regala la vittoria al nove di Bagialemani che così completa la rimonta e porta alla settima partita la corsa scudetto.

La replica integrale di gara-6 andrà in onda su Rai Sport Più dalle 11 di sabato 6.

LA SCHEDA DELLA PARTITA

LE IMMAGINI DI GARA-6

LE INTERVISTE AI PROTAGONISTI