Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

I PARERI DEI PROTAGONISTI DOPO GARA 4 DELLA FINALE SCUDETTO

Da San Marino, Riccardo Schiroli

Suardi festeggiato dopo il fuoricampo (Ferrini/Fibs)Doriano Bindi è rilassato in sala stampa: "Se mi aspettavo di essere in vantaggio 3-1 dopo 4 partite? Ci speri sempre, naturalmente. Ma diciamo che era difficile da prevedere" commenta il manager della T&A San Marino "Forse il Nettuno sta giocando sotto il suo standard, mentre noi giochiamo molto bene: regolari in difesa, battiamo al momento giusto. Oggi la squadra mi è piaciuta in maniera particolare, perchè è rimasta carica anche quando era sotto nel punteggio. Fare meglio di così è difficile".
La rotazione dei pitcher ha funzionato benissimo: "Oggi le cose sono andate in maniera perfetta per noi, perchè il programma era proprio far riposare Estrada in vista di una possibile gara 7".
Bindi ha parole d'elogio per il lanciatore avversario: "Florian ha lanciato molto bene, con grande controllo. Ha fatto 2 lanci sbagliati agli uomini sbagliati, perchè sia Suardi che Rovinelli hanno il fuoricampo nelle braccia".
Bindi conferma che il partente di gara 5 sarà Tiago Da Silva e commenta il fatto che i suoi giocheranno per la prima volta sotto pressione: "Beh, può darsi che i miei sentano la pressione. San Marino non ha mai vinto lo scudetto e questa è solo la seconda finale che facciamo. Ma per noi è troppo importante chiudere qui, perchè venerdì e sabato a Nettuno diventerebbe molto difficile".

Riccardo Suardi si gode il momento: "Florian mi ha lanciato una palla dritta e io aspettavo una dritta".
Ma come ti trovi a vivere questa staffetta che ti porta sempre in campo alla settima ripresa? "Mi trovo bene, sono a mio agio. Mi viene chiesto di fare questo e cerco di sfruttare tutte le opportunità che mi vengono date".

Ruggero Bagialemani chiede attenzione prima di passare all'analisi della partita: "Premesso che il San Marino merita i miei complimenti" dice d'un fiato il manager della Danesi Nettuno "Io non accetto il trattamento che mi è stato riservato questa sera. In una situazione tranquilla, l'arbitro capo (Fabrizio Chirici, n.d.r.) ha espulso me che non avevo detto nulla. Io merito di essere trattato come tutti gli altri manager, anche se in passato ho sbagliato. Le contestazioni ci possono essere, ma nessuno ha usato termini offensivi. Se un arbitro non è capace di gestire questo, non può arbitrare una finale".
Passando alla partita, Bagialemani conferma: "San Marino è stato bravo a sfruttare la sua occasione. Ma non è finita, noi ci crediamo ancora".
Cruz non ha lanciato perchè ha problemi? "No, semplicemente non potevo usarlo come partente, ma era pronto ad entrare nel finale, se fosse stato necessario. Il dubbio? Ieri sera stavo ancora valutando di far lanciare Carrara. Abbiamo scelto Florian e lui ci ha ripagati con una partita eccellente. Carrara è pronto per gara 5".