Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

LA IBL STA REGALANDO UNO SPETTACOLO CHE VALE LA PENA VEDERE

Di Riccardo Schiroli

La Italian Baseball League continua a regalare emozioni e serie di partite ad alta intensità.
I Campioni d'Italia della Montepaschi Grosseto, in particolare, hanno vinto o perso con uno scarto di un punto (il record è 4 vinte e 2 perse) tutte le ultime 6 partite. Sia nella serie casalinga con il Rimini che a Parma nell'ultimo fine settimana i maremmani hanno dato vita a gare incerte fino all'ultimo out. Ma l'equilibrio ha regnato ovunque. Uno splendido equilibrio, è il caso di dirlo. Perchè su tutti i campi si è visto baseball di buon livello (e questa non è una novità, relativamente alle ultime stagioni) espresso sul terreno con continuità. Se è un caso o meno che questo accada quando le squadre giocano senza pause e affrontando avversari di pari livello tutte le settimane, lo lasciamo discutere ai lettori.

Cody Cillo, grande protagonista sul monte (Ferrini/Fibs)La Fortitudo Bologna ha fortificato la sua posizione di capolista, ma è scesa tra i 'comuni mortali' a livello difensivo. Resta la squadra migliore, ma 19 errori in 21 partite rappresentano una cifra più vicina alla normalità del nostro torneo. Certo, sul totale degli errori della squadra di Nanni pesa la serataccia (5 errori) di sabato. Considerando che la partita si è chiusa con una vittoria per Frignani e compagni, si tratta di una brutta serata facile da digerire. E in compenso, Bologna ha superato Nettuno come numero di fuoricampo di squadra (15 contro 14) ed ora primeggia in tutti i settori.
Sempre a proposito di Fortitudo, chi tra i 'normali' non intende tornare è Cody Cillo. Il pitcher italo americano giganteggia a tutti i livelli: miglior media pgl tra i partenti (0.70; solo il suo compagno di squadra George, a zero, ha fatto meglio), 35 strike out, appena 11 basi per ball in 38.2 riprese.

Con 4 gare di vantaggio sulle seconde e 6 sulle quarte, Bologna sembra destinata ad un girone di ritorno relativamente tranquillo. Alle sue spalle invece può succedere di tutto.
Prima di questo fine settimana avrei scommesso che, oltre a Bologna, anche Nettuno e Grosseto si stavano preparando ad una cavalcata con approdo sicuro la 'post season' e che la lotta per un posto avrebbe riguardato San Marino, Parma e Rimini.
Oggi è normale vedere vacillare le certezze per la Montepaschi, che sta giocando senza il suo miglior pitcher ASI (Riccardo De Santis) e che è destinata a perdere i giovani Lucati e Panerati, in partenza per gli Stati Uniti. In più Grosseto ha perso di nuovo l'interbase Marval per infortunio. Questo dopo aver liquidato Ust, arrivato per sostituirlo. Le possibilità di recupero in breve tempo di Marval sono di un'importanza non indifferente per il futuro della squadra di Mazzotti.

Avesse vinto anche gara 3 con il San Marino, la Danesi Nettuno sarebbe da sola al secondo posto. E' comunque riuscita ad agganciare Grosseto in un fine settimana nel quale, perso Menechino, non aveva ancora a disposizione il suo sostituto Ugueto e nella terza partita ha giocato anche senza Peppe Mazzanti, il miglior battitore (28 su 70, media .400) della IBL. Il posto nei 'play off' del Nettuno non appare insomma seriamente a rischio.

Se lotteranno per un posto solo o meno non è chiaro, ma che dovranno lottare fino in fondo per accedere ai 'play off' Parma, San Marino e Rimini lo sanno bene. Al momento, sembrerebbe in quest'ordine.
Il Cariparma infatti è rimasto a galla quando poteva contare su un solo pitcher straniero e aveva Roberto Corradini infortunato. Con l'arrivo di Mercado e il rientro a tempo pieno dell'azzurro (che ha lanciato 7 riprese di notevole qualità sabato notte) il manager Gerali può iniziare a sorridere. Anche perchè il line up mostra una certa continuità, pur mancando di una mazza di peso come quella di Garcia Belizzi.
La T&A San Marino non ha tanta fortuna. Dopo Figueroa, ha perso anche Matamoros e Buccheri è in fase di recupero. Pur fondamentale (doppio a basi piene) sabato ha dato alla sua squadra un solo turno in battuta. Le possibilità di recupero di Matamoros (il catcher titolare) sono di vitale importanza, sia per il campionato che per la Coppa Campioni.
Anche la Telemarket Rimini da questo punto di vista non può certo ringraziare la sorte. Signorini è perso per la stagione e venerdì si è infortunato pure Santora, la cui assenza rende la rosa a disposizione di Romano piuttosto corta.
Il prossimo week end Parma e Rimini sono attese dallo scontro diretto (gara 1 sarà l'anticipo TV di giovedì 5 giugno) mentre San Marino se la vede con la capolista Fortitudo Bologna.

In coda i Rangers Redipuglia hanno finalmente ottenuto la prima vittoria stagionale. Restano in ritardo sulla De Angelis Godo (1 vittoria contro 3), ma cancellando il fastidioso '0' dalla casella delle vittorie sono certamente riusciti a dare un senso alla loro stagione.