Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
La videoconferenza LIBCI

La LIBCI riunita in videoconferenza con i vertici FIBS

La videoconferenza con il direttivo, il Presidente Alberto Mazzanti in testa, e le Società della Lega Italiana Baseball Ciechi e Ipovedenti ha concluso la panoramica di confronto fra il Presidente Andrea Marcon, il Consiglio Federale e le categorie di tutte le discipline affiliate alla FIBS.

Il Commissioner Stefano Malaguti ha annunciato la cancellazione della Mole’s Cup per il 2020, mentre per il campionato la struttura che verrà presentata e discussa a breve con i club è quella di 2 gironi da 5, senza intergirone, disputati per concentramenti e condensati in 5 settimane complessive, in modo che possa essere attivato e spostato nell’arco dell’anno con la massima flessibilità assecondando le disposizioni governative in merito alla sicurezza e alla salute di tutti i partecipanti, che rimane ovviamente la priorità.

Detto che sarà garantito il sostegno per compensare gli eventuali biglietti aerei non rimborsati per le trasferte da e per la Sardegna, si sono trattate le problematiche specifiche del BxC, che saranno considerate nelle indicazioni che la FIBS invierà a breve al Ministero dello Sport per la definizione del protocollo per la ripresa delle attività, atteso entro una decina di giorni.

Le maggiori cautele sono dovute, come è comprensibile, al fatto che la disabilità visiva implica una importante compensazione attraverso il tatto ed è quindi ancora più complicato mantenere le distanze in campo e negli spogliatoi fra atleti e con gli accompagnatori, ma anche sui mezzi di trasporto pubblici, molto usati per parte degli spostamenti. A maggior ragione per una stagione che verte su concentramenti e quindi vede la presenza negli impianti di gioco di ben più di due squadre.

Marco Landi