Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Allo Junior Rimini il Trofeo "Nico&Matt"

Lo Junior Rimini ha vinto la ventiduesima edizione del trofeo Nico&Matt di categoria Allievi battendo (13-8) in finale la Crocetta Parma. I Piratini hanno segnato 5 punti al primo supplementare, giocato con una regola del Tie Break (corridore in seconda e zero out) mutuata dal softball.
Terzi si sono piazzati i Falcons di Torre Pedrera, che hanno battuto nella finalina i Cervignano Tigers. La Academy of Nettuno si è piazzata quinta, regolando il Ravenna. Il San Marino ha battuto nella finale per il settimo posto il San Martino Buonalbergo, mentre noni hanno concluso i Lion's Nettuno, davanti al Ferrara.

Assieme a Malvo Michelucci, il padre di Nicola e Matteo alla cui memoria è dedicato il torneo, hanno presenziato alle premiazioni il manager del Rimini Orlando Munoz e il suo coach Cesar Heredia.
A livello di premi individuali è stata premiata la miglior giocata difensiva (4 buoni offerti dalla Lousville Slugger), effettuata dall'interbase di Cervignano Brian Abate. Matteo Sguassero (sempre Tigers) è stato premiato per il maggior numero di strike out (13) e Lucio Giovannini (Falcons) e Lorenzo Vecchi (Crocetta) sono stati premiati come i migliori slugger.
Ettore Giulianelli dei Falcons (media .714) è stato premiato come miglior battitore e il suo compagno di squadra Moreno Lo Conte (0 punti subiti in 5 inning) è stato eletto miglior lanciatore. Enrico Cianci dello Junior Rimini, che ha deciso la finale, è stato votato miglior giocatore (MVP).

I Falcons Torre Pedrera hanno organizzato magistralmente il torneo, che ha visto la disputa di 29 partite in totale, gran parte sul campo di Rivabella e alcune sul diamante dei Piratini.
Come sempre è stato decisivo il lavoro dei volontari, sia prima che durante la manifestazione. Nemmeno la pioggia caduta domenica 24 luglio ha rovinato la quattro giorni di baseball giovanile.